Menu
Sunday, 19 Novembre 2017

Flash news (718)

Specialisti nel microdosaggio di fluidi

DAV TECH14novCon sede a Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza, DAV Tech è un’azienda italiana che si occupa di costruzione di componenti per impianti di dosaggio e di automazioni applicate alla dosatura di fluidi. Dalla progettazione alla realizzazione e all’installazione, tutte le fasi sono gestite da personale al 100% interno. Tra questi componenti ci sono valvole di dosaggio per ogni tipo di applicazione, a spillo, a membrana, spray, volumetriche, fino alle pompe monovite, che consentono di dispensare in maniera precisa, ripetibile e oggettivabile. Per quanto riguarda l’alimentazione di fluidi, DAV Tech commercializza dalla piccola cartuccia al fusto da 200 lt: una vasta gamma di serbatoi, pompe e accessori che permettono un trasferimento controllato del fluido verso le valvole di dosaggio. Nel portfolio dell’azienda ci sono anche stazioni di dosaggio robotizzate chiavi in mano integrabili con sistemi di visione, archiviazione dati e monitoraggio della produzione, pesatura del prodotto, sistemi di teleassistenza secondo le richieste di Industry 4.0, oltre a piccole stazioni di dosaggio, da banco o con una loro struttura portante, che integrano l’alimentazione del fluido (con pompe o serbatoi) e la dosatura con valvole o pompe volumetriche.

Leggi tutto...

La seconda edizione di Welcome to Automation

BALLUFF13novDopo il successo della prima edizione, Balluff annuncia la seconda edizione del concorso Welcome to Automation, nato da un idea del CEO Sergio Paganelli, con l’obiettivo di favorire la conoscenza e l’utilizzo delle tecnologie e delle tematiche proprie dell’educazione tecnica e professionale. In particolare, il progetto è rivolto agli studenti degli istituti superiori a indirizzo tecnico, meccanico o elettronico, chiamati a realizzare manufatti in ambiti diversi tra loro, afferenti comunque all’automazione. Tra le finalità del concorso ci sono lo sviluppo di un collegamento tra le discipline oggetto di studio nei vari indirizzi; la valorizzazione dell'integrazione tra le tecnologie e la loro applicazione a progetti concreti; la creazione di un collegamento tra scuola e azienda. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dedicato http://www.welcometoautomation.com/.

Leggi tutto...

Catene portacavi per applicazioni heavy duty

KABELSCHLEPP9novCon la nuova serie TKHD, Kabelschlepp ha sviluppato catene portacavi estremamente robuste e stabili, adatte in modo particolare per il settore delle gru e per altre applicazioni impegnative con lunghe corse di spostamento, come ad esempio nel settore di immagazzinamento di merci sfuse. “Le catene portacavi per le gru sono un punto focale per Kabelschlepp “, ha detto l’Head of Crane Business, Peter Sebastian Pütz. “Con la serie TKHD integriamo la nostra gamma in questo settore con un vero e proprio concentrato di forza. Con il suo meccanismo di snodo incapsulato, una struttura esterna impermeabile allo sporco e raccordi con viti rinforzate, questa catena portacavi soddisfa i requisiti più elevati in termini di robustezza. Le massicce bande laterali sono molto stabili grazie alla struttura delle maglie a doppia forcella, un sistema frenante incorporato, così come gli ammortizzatori integrati: questi ultimi lavorano in modo duraturo sia nel raggio della catena che per tutta la lunghezza della catena distesa, assicurando uno scorrimento senza problemi. Inoltre, il passo di 90 mm e la struttura esterna poligonale ottimizzata sono efficaci per la corsa silenziosa della catena”.

Leggi tutto...

Sensori di pressione

sick6novIl sensore di pressione elettronico PAC50 di SICK è caratterizzato da notevole versatilità e grande facilità d'utilizzo. Con le nuove versioni con range di misura da -1 a 10 bar, ciò è ancora più vero: con un solo modello, PAC50 consente di monitorare tutti i valori di aria compressa e vuoto presenti nell’automazione di fabbrica. Nelle applicazioni tecnologiche di movimentazione automatizzata, ad esempio, il PAC50 è in grado di monitorare il vuoto in sistemi robot di pick & place o la pressione da cui dipende la forza di serraggio esercitata dalle pinze pneumatiche, misurando livelli di pressione relativa compresi tra -1 e 10 bar. Le uscite di commutazione sono programmabili dall'utente come PNP, NPN o push-pull, e l’uscita analogica è regolabile sia in corrente 4-20 mA che in tensione 0-10 V. L’elettronica del sensore prevede una modalità di segnale particolarmente intelligente, per cui l'uscita analogica rileva automaticamente se il sistema di controllo collegato si aspetta un segnale in tensione o corrente, regolando di conseguenza il tipo di uscita. Queste caratteristiche, unite alle possibilità meccaniche di collegamento alla pressione sia sul fondo che sul retro del sensore, riflettono la versatilità del PAC50.

Leggi tutto...

Soluzioni per la guida 3D di robot

images3novImage S presenta le soluzioni di visione di Recognition Robotics, azienda statunitense che sviluppa tecnologia di riconoscimento visuale all'avanguardia per l'industria manifatturiera. Grazie a un numero crescente di brevetti nel campo del riconoscimento automatico di oggetti, Recognition Robotics offre soluzioni innovative e veloci da implementare per aumentare la produttività e la redditività di qualsiasi impianto o processo automatizzato. Le soluzioni di guida robot 3D Recognition Robotics permettono di riconoscere oggetti nello spazio con l’utilizzo di una sola telecamera, una caratteristica unica nel mercato. Il software è compatibile e interfacciabile con i robot dei principali produttori e l’azienda può estendere ad altri produttori la compatibilità. I prodotti di Recognition Robotics proposti da Image S sono Robeye e Raio (Robeye All In One), due soluzioni chiavi in mano per la guida 3D di robot, la prima dedicata a PC industriali di alta potenza per progetti a elevata affidabilità, la seconda è una soluzione integrata in un sistema embedded. Il core di RobEye e Raio è un sistema software di riconoscimento visivo. L’uomo per riconoscere la posizione di un oggetto non richiede nessuno scanner 3D o telecamera particolare; allo stesso modo RobEye e Raio, attraverso un’immagine 2D, sono in grado di guidare ogni robot industriale con sei gradi di libertà ricostruendo virtualmente lo spazio tridimensionale.

Leggi tutto...

Assi a cinghia dentata

HIWIN30ottI moduli di posizionamento con sistema di trasmissione a cinghia dentata di serie HM-B sono assi rigidi, precisi e dal design innovativo. La serie di assi a cinghia HM-B di Hiwin, che ha ottenuto il riconoscimento IF Design Award, è caratterizzata da elevata capacità di carico e versatilità. Proprio perché si serve di componenti appositamente collaudati e realizzati in proprio, Hiwin garantisce un’elevata capacità di trasmissione del moto ed estrema facilità d'uso per il cliente. Grazie all’attrito ridotto delle parti rotanti, alle guide lineari, alle cinghie più larghe e rivestite in tessuto e ai ferma cinghia rinforzati, gli assi HM-B forniscono prestazioni ottimali in termini sia di silenziosità che di durata. Le tante opzioni e gli accessori disponibili, le differenti taglie di profilo impiegate, le combinazioni di carro e della corsa permettono all'utente di adattare in modo ottimale gli assi alle differenti applicazioni. Inoltre, la cover in metallo fornisce protezione dall'infiltrazione di particelle e sporcizia in ambienti lavorativi ostili.

Leggi tutto...

Un libro sui protagonisti della fabbrica del futuro

libroguerini27ottEdoardo Segantini, giornalista del Corriere della Sera che si occupa di innovazione tecnologica fin dagli anni Ottanta, ha speso oltre un anno visitando molte aziende italiane e intervistando decine di persone impegnate, coinvolte e protagoniste, a diversi livelli, nei processi dell’innovazione. Da questo lungo viaggio-inchiesta è nato il libro “La nuova chiave a stella. Storie di persone nella fabbrica del futuro”, con la postfazione del sociologo delle organizzazioni Federico Butera, edito dalle Edizioni Guerini all’interno della collana Guerini 4.0. Le storie raccontate sono tra loro molto diverse. Quella di Serena, ingegnere calabrese di 28 anni che lavora in AvioAero. Filippo, laureato clandestino, tecnico e delegato sindacale Fim Cisl. Catia, trentunenne di origine romena, una vita difficile e una volontà di ferro, divisa fra studio, fabbrica e pasticceria. Luigi che conosce e pratica l’arte della manovia alla Sergio Rossi. Rita e Maria Teresa, team leader al volante fra i robot dello stabilimento Alfa Romeo di Cassino. Giorgio, imprenditore in Sedapta, l’azienda-orchestra. Donatella, le persone e i robot di Comau. Enrico e il caos organizzato del capannone più famoso al mondo, quello di Amazon. Persone positive e tenaci, che guardano al futuro e ai cambiamenti con curiosità e senza paura. Che amano studiare e lavorare, sono ambiziose ma sanno collaborare con gli altri. Molte provengono da famiglie culturalmente vivaci, solidali e aperte, che hanno saputo trasmettere loro fiducia in se stesse, desiderio di conoscenza e simpatia per il mondo. Persone vere, non santini, che nelle loro vite riportano vittorie e sconfitte.

Leggi tutto...

Valvola di micro spruzzatura

nordson26ottNordson EFD, Società del gruppo Nordson, specializzato nella produzione dei sistemi per la dosatura dei fluidi, presenta la valvola di spruzzatura della Serie 781 Mini™ caratterizzata da tecnologia Basso Volume Bassa Pressione (Low Volume Low Pressure, LVLP) e fattore forma più leggero, ridotto del 60% rispetto a qualsiasi altra valvola di spruzzatura convenzionale. Questo consente di dosare il fluido in spazi molto piccoli e su superfici complesse, garantendo uniformità del rivestimento anche su aree larghe solo 1 mm (0,04”). Altre caratteristiche della valvola sono il Fermo Quick Release (QR) per una veloce manutenzione e ridotti tempi di fermo impianto; la camera del fluido che può ruotare di 360° per maggiore flessibilità nel posizionamento e montaggio più rapido; il design modulare, configurabile secondo le specifiche esigenze. “La 781 Mini è più leggera e più piccola, con caratteristiche che ne miglorano la prestazione”, ha detto Claude Bergeron, Global Product Line Manager “Queste caratteristiche offrono notevoli benefici ai nostri clienti. La possibilità di effettuare micro spruzzi più uniformi, di soli 1 mm di larghezza, su parti miniaturizzate con eccezionale ripetibilità e uniformità e la quasi totale assenza di eccessi di prodotto spruzzato (overspray) riducono gli scarti e le ri-lavorazioni, migliorando quindi il rendimento e i margini di profitto”.

Leggi tutto...

Sensori fotoelettrici per la misurazione della distanza

contrinex24ottIl sensore di distanza DTR-C23 di Contrinex (nella foto) funziona secondo il principio della triangolazione laser e, a seconda del modello, misura le distanze da 20 a 100 mm con una risoluzione di 0,12 mm e la linearità di +/-0,25 mm. Con un diametro del punto di misura di soli 1,5 mm, la ripetibilità è <0,25 mm a una distanza di 80 mm. Un'applicazione tipica è misurare lo spessore del materiale sui rotoli in avvolgimento. Impostando l'intervallo dell'uscita da 1 a 10 V per gli spessori iniziali e finali, è possibile ottenere facilmente una risoluzione ottimale. Questo sensore compatto è anche adatto per la rilevazione di piccole parti e il controllo di posizione, altezza o spessore. Il nuovo sensore di distanza DTL-C55, inoltre, utilizza il metodo ottico TOF per misurare le distanze fino a 5.000 mm. Nella versione IO-Link, le misurazioni vengono passate direttamente al sistema di controllo come valori millimetri in forma digitale, senza bisogno di un convertitore analogico-digitale aggiuntivo e senza cadute di segnale causate da cavi lunghi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Comunicazione tecnica per l'industria