Menu
Thursday, 21 Giugno 2018

Qualità e digitalizzazione nelle operazioni di assemblaggio

Alla fiera SPS IPC Drives 2017 di Norimberga, Mitsubishi Electric ha presentato le soluzioni GOS (Guided Operator Solutions), che mirano a ottenere miglioramenti in termini di qualità e produttività per le applicazioni di assemblaggio manuale, grazie alla possibilità di trasferire i dati di produzione ai sistemi aziendali di livello superiore. Alla rassegna tedesca è stato anche introdotto il nuovo robot collaborativo, che consente all’operatore di lavorare a stretto contatto con il robot stesso, senza barriere di sicurezza.

di Cesare Pizzorno

Gennaio-Febbraio 2018

Le Guided Operator Solutions (GOS) di Mitsubishi Electric sono già utilizzate dai principali OEM del settore automobilistico per facilitare il controllo della qualità nei processi di assemblaggio manuale e favorire una maggiore efficienza nella gestione degli stock. Non solo: i clienti utilizzano queste soluzioni per le operazioni di assemblaggio nel settore dei semiconduttori, della logistica o nelle applicazioni di assemblaggio di sistemi medicali al fine di ottimizzare la gestione della qualità del prodotto. Fornendo all’operatore una chiara indicazione visiva di quali parti selezionare e in quale sequenza, le GOS aiutano a migliorare la qualità aziendale. Questo è particolarmente importante per le operazioni di assemblaggio manuale, che stanno diventando sempre più complesse e con costi sempre più alti. I componenti di un sistema vengono spesso acquistati da diversi fornitori in tutto il mondo per il montaggio in un unico sito produttivo. Le Guided Operator Solutions hanno dimostrato che è possibile eliminare gli errori di assemblaggio per questi componenti riducendo, di fatto, il costo per unità prodotta. Allo stesso tempo, possono fornire un collegamento tra l’operatore e i sistemi aziendali MES/ ERP. Ciò, ad esempio, consente di inviare nuove specifiche di prodotto alle postazioni di lavoro per l’assemblaggio manuale. Le Guided Operator Solutions Mitsubishi Electric sono basate su PLC MELSEC e HMI della serie GOT, completate da un’ampia gamma di tipi di interruttori, sensori e barriere fotoelettriche e attuatori di chiusura sportello.

I robot diventano collaborativi senza intaccarne le prestazioni

Mentre la precisione di alcuni robot collaborativi - progettati per lavorare in prossimità dell’uomo all’interno della cella di produzione - può essere ridotta rispetto alle versioni industriali, le caratteristiche prestazionali del modello Mitsubishi Electric rispecchiano quelle della gamma di robot industriali. Ciò significa una ripetibilità di ±0,02 mm, nonostante l’inclusione di sensori sensibili di forza/coppia. La capacità di carico del modello robot illustrato in fiera è di 5 kg, con sbraccio di circa 900 mm.

Oltre alle prestazioni, Mitsubishi Electric ha anche improntato lo sviluppo sulla facilità d’utilizzo, con opzioni di controllo e programmazione innovative. Un terminale operatore touch-screen può essere collegato al robot, fornendo un’interfaccia intuitiva per “educare” il robot al suo compito, senza la necessità di alcuna competenza specifica di programmazione. La funzionalità di apprendimento include una modalità di “controllo diretto” che consente all’operatore di movimentare il robot nello spazio, a mano e con forza controllata. Una volta completato il set-up, il terminale viene facilmente rimosso per dare al robot piena libertà di movimento.

SOLUTIONS

At SPS IPC Drives 2017 in Nuremberg, Mitsubishi Electric introduced its Guided Operator Solutions, aimed at improving quality and productivity in manual assembly applications, thanks to the possibility to transfer production to higher-level enterprise systems. During the German exhibition, the company also introduced the new collaborative robot, working together with an operator without safety barriers.

Mitsubishi Electric’s Guided Operator Solutions (GOS) are already being used by leading automotive OEMs to aid with quality control in manual assembly processes and favour efficient stock handling. Similarly, customers are using the solutions for assembly operations in the semiconductor industry, life sciences and medical device assembly applications in order to optimise product quality management.

Giving the operator a clear visual indication of which parts to pick and in what sequence, the Guided Operator Solutions help to improve quality. This is especially important for today’s assembly operations that are becoming increasingly complex and as the costs of addressing possible quality problems grow. Components are frequently sourced from many different locations around the world for assembly at a single location, and any given product might be assembled from a host of different parts, which can look superficially similar to neighbouring components. The Guided Operator Solutions are proven to eliminate picking mistakes for these components.

At the same time, the GOS can provide a link between the operator and the higher-level ERP/MES business systems. This, for example, enables new product specifications to be sent to manual assembly work places, and inventory tracking reported back from production for analysis.

Mitsubishi Electric’s Guided Operator Solutions are based on MELSEC PLCs and GOT series HMIs, complemented by a full range of switch types, photo-electric sensors, light curtains and door devices.

Robots become collaborative without lowering their performances

While the precision of some collaborative robots - designed to work in close proximity with people in a production cell - may be reduced in comparison with industrial versions, the Mitsubishi Electric model’s performance characteristics mirror those of the company’s industrial autonomous robot range. This means a repeat accuracy of ±0.02 mm, despite the inclusion of sensitive force/torque sensors. Load capacity of the robot model shown at the trade fair is between 5 and 6 kg and reach is between 800 and 1000 mm.

As well as performance, Mitsubishi Electric has also addressed ease of use, with innovative and, to date, unique control and programming options. A touch-screen operator terminal, which can be plugged into the robot, provides an intuitive interface to ‘teach’ the robot its task, without any special programming expertise. The teach functionality includes a ‘direct control’ mode which allows the operator to move the robot from position to position, by hand and with controlled force. Once the set-up is complete, the operator terminal is easily removed to give the robot full freedom of movement.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria