Menu
Saturday, 23 Giugno 2018
A+ A A-

Dal mare di Singapore al cuneese, con un denominatore comune

Britoil Offshore Services opera nel campo dell’industria offshore come fornitore  di navi per il trasporto e i rifornimenti. Britoil Offshore Services opera nel campo dell’industria offshore come fornitore di navi per il trasporto e i rifornimenti.

MG è sempre più un riferimento di mercato per chi necessita di macchine e soluzioni di qualità per la calandratura e la curvatura di lamiere e tubi. Vi raccontiamo brevemente tre esperienze di successo in differenti aree geografiche del mondo che però hanno in comune la validità e l’affidabilità delle macchine MG e del loro controllo numerico.

di John Storelli

maggio 2015

 

Nel mese di gennaio l’oceano Pacifico intorno all’isola di Batam, in Indonesia, è stato solcato per la prima volta dalla Platform Supply Vessel, (PSV), la prima nave per rifornimenti piattaforme costruita dalla Britoil Offshore Services proprio a Batam. Il varo della nave è avvenuto lo scorso 6 gennaio. Questa nave rifornimento, la prima specializzata per offshore, si chiama Britoil Power, ha un sistema DP 2, un ponte di 850 m2 e può alloggiare fino a 60 persone di equipaggio. È una nave attrezzata per il trasporto marittimo e specializzata nei rifornimenti alle piattaforme offshore, come tale ha una capacità di stoccaggio di 1.450 m3 per olio combustibile, di 1.050 m3 per acqua potabile, 1.300 m3 per ciò che si dice in gergo nell’ambiente marittimo, “liquid mud”, ovvero una miscela di sostanze chimiche e solide che insieme formano un fluido usato negli impianti di scavo, e una stiva di circa 250 m3.; ed è stata realizzata in soli 18 mesi. Partner affidabili e macchine di qualità Britoil Power prende il nome dall’omonima Britoil Offshore Services, realtà che nasce nel 1988 nel campo dell’industria offshore e opera come fornitore nel campo del trasporto e dei rifornimenti via mare. I bisogni del cliente sono la loro priorità e la loro missione è fornire un servizio di prima qualità ed essere un provider di eccellenza. Britoil è orgogliosa delle imbarcazioni che progetta e costruisce con la massima cura e attenzione ai dettagli per offrire il massimo standard di qualità e con il massimo confort per l’equipaggio. Per questo scopo, Britoil si avvale di una linea di produzione all’avanguardia in cui, man mano, introduce macchinari di nuova generazione. In passato, Britoil acquistava le sue navi da fornitori locali, ma con il passare del tempo la scarsa qualità dei materiali, dei manufatti, nonché le mancanze nella consegna, hanno spinto la compagnia ad addentrarsi nella costruzione diretta e ad attrezzarsi di conseguenza. Oggi, l’impressionante flotta di trenta imbarcazioni all’avanguardia ne è il fiore all’occhiello, affiancata da snelle petroliere specializzate nel rifornimento delle altre navi, trasporto di moduli offshore e condutture su lunga distanza. Competitività, vasta esperienza e alta qualità dei servizi significa collaborazione con partner affidabili. David Hill, Amministratore Delegato della Britoil Offshore Services, commenta: “Per costruire navi simili nel nostro cantiere abbiamo acquistato alcuni macchinari all’avanguardia da Germania, Italia e Stati Uniti. Dopo aver condotto studi approfonditi sui diversi fornitori di curvatrici nel mondo, Britoil ha selezionato MG come suo fornitore. La scelta è caduta sulla MH 325 M, una calandra 4 rulli che ha la capacità di calandrare una lamiera larga 3 e spessa 25 mm, ma che è stata in grado di curvare lamiere di 40 mm di spessore senza alcun problema. Abbiamo anche acquistato una curvaprofili modello AR 200 con la quale abbiamo curvato tubi con raggi variabili e sezioni a forma di bulbo fino a 280 mm di altezza e una AR 110 che curva profili più piccoli. Questi tre macchinari hanno contribuito in modo lodevole alla costruzione delle nostre PSV”. MH 325 M ha un supporto centrale e uno laterale a doppio braccio per gestire lamiere di grandi diametri. AR 200 ha un attrezzo di trazione per la curvatura di travi, e rulli speciali per bulbi da 100 a 280 mm. AR 110 possiede rulli speciali per bulbi da 60 a 140 mm.

Corregge in tempo reale i parametri di curvatura
Le macchine in dotazione alla Britoil Offshore Services sono dotate di controllo numerico Touch Command Evo. MG, che ha la sua sede a Fossano, nel cuneese, e un Ufficio Commerciale a Santa Maria Nuova vicino a Forlì, insieme con l’azienda partner Delsy, creatrice del software, ha perfezionato il suo gioiello fino a renderlo il più accurato sistema mai usato su una macchina curvatrice. Intuitivo, con la sua interfaccia grafica a schermo tattile, Evo lavora su piattaforma Real Time Linux. Il suo punto di forza è il dialogo continuo con i sensori posti a bordo macchina. Evo vede e, laddove necessario, corregge i parametri di curvatura in tempo reale; ciò significa che non si va più per tentativi per realizzare un ciclo di calandratura. Il sistema si adatta ai diversi tipi di lamiera e materiale; non solo, infinite possibilità di forme con pochi parametri base fanno sì che Evo sia anche estremamente facile da usare. Evo controlla tutti gli accessori quali supporti, sistemi di carico, tavole motorizzate per il trasporto lamiera e può essere controllato in remoto per una migliore assistenza.

Abbiamo il pieno controllo delle lavorazioni
Da Singapore alla provincia di Cuneo il passo è breve, o almeno così è stato per MG. La gente del cuneese, stando alle descrizioni, ha un carattere chiuso, quasi burbero, ma in quanto a tenacia sul lavoro non è seconda a nessuno. Una delle caratteristiche di Cuneo e della sua provincia sta nella discrezione nel presentare i suoi prodotti, alimentari e artigianali, lontano dall’aggressività del mercato odierno. Nel cuneese ci sono aziende come Racca Impianti srl che opera da più di 30 anni nella progettazione e realizzazione di impianti industriali per la produzione alimentare e chimica, con una continua ricerca tecnologica e un impegno costante nella soddisfazione della propria clientela, sia in Italia che all’estero. Con sede a Cavallermaggiore, il signor Claudio Racca con i figli Erika, Emanuele e Marco, mettono a disposizione il loro know-how, la loro professionalità e qualità. Dopo un’attenta analisi, l’azienda ha deciso di acquistare tre nuove curvatrici idrauliche a 4 rulli e una curvaprofilati. Con MH 308 R, MH 206 P e MH 106 P/RR Racca Impianti può eseguire tutte le lavorazioni di lamiere 3.000 x 8 mm fino a spessori minori, riuscendo a soddisfare le esigenze della sua clientela. Questo, per migliorare e potenziare le lavorazioni presso la propria officina. Nello specifico, la calandra modello MH 308 R con pulpito di comando Touch Comand e braccio di sostegno centrale e rulli di supporto può calandrare lamiere inox dello spessore di 8 mm per una larghezza di 3 m. “Sono molto contento della calandra”, afferma il signor Racca che poi prosegue: “Il Touch Comand EVO con il sistema close loop (ad anello chiuso ndr) monitora costantemente la rotazione e la posizione dei rulli laterali, permettendoci un pieno controllo nelle lavorazioni con diametri multipli e transazioni perfette da un diametro all’altro. Ha integrato il sistema CAD con il quale possiamo disegnare le forme da calandrare direttamente sul controllo numerico, oppure, ci permette di caricarle su file DXF. Con questa macchina realizziamo serbatoi di grandi diametri e recipienti in pressione soggetti alla direttiva 97/23 CE PED”. Grazie all’acquisizione di un’importante commessa la Racca Impianti può utilizzare la MH 308 R anche per la costruzione di tubazioni con un diametro di 1.500 mm per uno spessore di 6 mm complete di riduzioni. Quest’ultima lavorazione speciale può essere effettuata poiché la macchina possiede un dispositivo per la calandratura conica. “Tutte le lavorazioni di flangiatura e rinforzi sono eseguite con la curvaprofili idraulica tipo AR 110. Con questa macchina curviamo tubi con un diametro di ½”, fino a 5”, piatti da 40 x 10 mm a 110 x 25 mm, tubolari quadri 90 x 5mm, ferro a U da 100 mm, ferro ad angolo da 40 x 5 mm a 90 x 10 mm, e travi HEA da 140 mm” racconta ancora il signor Claudio.

Calandrare raggiature multiple con velocità e precisione ineguagliabili
Un altro esempio di azienda cuneese fidelizzata a MG è la Tomatis Lamiere Srl, che si trova proprio a Cuneo. Fondata dal signor Vittorio Tomatis nel 1963 e gestita ora dai signori Danilo Tomatis e Giovanni Blengino, ha acquisito negli anni una vasta esperienza nella lavorazione della lamiera; un’importante crescita che l’ha portata a essere oggi un centro di subfornitura di riferimento per i clienti non solo italiani, ma anche stranieri, nell’ambito Europeo. Nella struttura di oltre 12.000 metri quadri la Tomatis Lamiere è in grado di immagazzinare diverse tipologie di metalli, da quelli standard a quelle più particolari, come acciai speciali e bonificati, e grazie alla professionalità del personale è in grado di consigliare la sua clientela nell’acquisto e di soddisfare ogni esigenza nel più breve tempo possibile. Dal 2004, inoltre, l’azienda ha ampliato la sua offerta introducendo la lavorazione taglio laser per tubolari, con l’acquisizione di due nuovi macchinari. Nel 2012 la Tomatis acquista la prima macchina per calandrare lamiere, è una MH 322 D, una larghezza di lavoro di 3 m per uno spessore di 22 mm. La macchina lavora con Evo e garantisce, stando alle parole del signor Blengino: “La possibilità di calandrare raggiature multiple con una velocità e una precisione mai raggiunte prima”. Dopo poco più di un anno l’azienda decide di acquistare una seconda macchina. Il conseguimento del progetto si rispecchia nel modello M 4508 C, 4,5 m per uno spessore calandrabile di 8 mm. Nel 2014 MG ha rinnovato i suoi modelli ed è orgogliosa di annunciare la serie M, 4 rulli, G, 3 rulli, F, 2 rulli. Ancora più solide ed affidabili, grazie ai cilindri rafforzati e ai motori più potenti, ora le macchine offrono risultati ancora migliori sia nella calandratura di forme circolari che coniche. Tomatis Lamiere torna da MG perché: “Intanto, sono vicini a noi, ma questo non è il motivo principale, la cosa importante è che ragionano come noi. Non basta fare un prodotto che vada bene, che sia sufficiente, deve essere il migliore possibile” continua il signor Blengino. “Non ultimo, il servizio del post-vendita, abbiamo visto già con la prima macchina che MG ci tiene ai suoi clienti e non se li dimentica dopo aver venduto. Programmare il Touch Command per noi non era cosa immediata, gli operatori MG sono venuti da noi e ci hanno assistito nella generazione dei passi, ci hanno dato le dritte per gestirlo al meglio. MG mi piace perché si sono messi nei nostri panni, non con superiorità, ma con l’empatia necessaria che ha solo chi vuole aiutarti”. Nel 2015 MG ha installato sulla MH 322 D un modulo di trasmissione WI-FI che permette di visualizzare i dati rilevati dall’archimetro, il compatto strumento elettronico di misurazione raggi di creazione Delsy, direttamente sulla griglia di Evo. Questo rende ancora più immediata l’acquisizione dei parametri lamiera da parte della macchina.

Un riferimento vicino al cliente
Il pensiero di tutti è il medesimo: è di vitale importanza che i clienti possano essere sempre soddisfatti e tornino a cercare il nostro prodotto. Massimo Roccia, uno dei proprietari MG insieme con Giorgio Giraudo e Francesco Barca, afferma senza dubbio: “È fondamentale offrire professionalità e standard elevati. Negli ultimi anni, il mercato è stato invaso da prodotti e servizi davvero di scarsa qualità e a basso costo, la crisi economica spinge la clientela verso il prodotto più a buon mercato. Personalmente non credo che questa possa essere la soluzione migliore, specie se intendiamo la cosa a lungo termine. Ecco perché noi aziende produttrici dobbiamo porci come punto di riferimento. È stato bello trattare con Britoil Offshore Services, con Racca Impianti e con Tomatis Lamiere perché il rapporto che abbiamo avuto e che abbiamo tuttora va al di là della semplice negoziazione fra fornitore e cliente, con loro c’è una vera collaborazione, uno scambio di idee, di vedute e di progetti. Questo va oltre la sterile compravendita. Onestà, voglia di coinvolgerci in nuove sfide, rispetto e impegno dettato dalla passione è il terreno su cui far nascere non un solo un macchinario, ma una soluzione di lavoro per i nostri clienti, il modo che semplifichi e accorci i loro termini di produzione”. “Sono contento della gente che lavora con me, che spende energie ogni giorno per raggiungere nuovi traguardi, e, perché no? Sono orgoglioso del mio Paese” continua Roccia. “Vorrei anche aggiungere che le cose stanno cambiando, i giovani iniziano di nuovo a capire l’importanza della serietà sul posto di lavoro e questo è un ottimo passo avanti”. Negli ultimi anni MG ha iniziato anche la produzione dei modelli PH, calandre  a geometria variabile, e di spianatrici, una più vasta opportunità per il suo mercato. Il 7 marzo Britoil Offshore Services ha varato l’imbarcazione gemella, Britoil Energy. David Hill dice con fierezza: “Abbiamo avuto un’esperienza davvero impegnativa e stimolante nella costruzione delle nostre PSV che sono davvero un esempio dei più elevati standard, di qualità, performance e confort per i nostri equipaggi”. La promessa di MG è di continuare a essere proprio dietro l’angolo per tutti i suoi clienti nel mondo, ovunque essi siano.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria