Menu
Monday, 18 Dicembre 2017

Dove le idee prendono forma

Everstampi opera da 35 anni nel settore delle materie plastiche progettando, costruendo e collaudando stampi per particolari in plastica, di piccole e medie dimensioni, destinati a diversi settori merceologici. L’attività di costruzione elettrodi, ma non solo, viene affidata a una fresatrice ad alta velocità del costruttore italiano Isper.

di Alberto Marelli

Settembre 2017

Trentacinque anni di storia, oltre 700 stampi costruiti e la possibilità di realizzare fino a 128 cavità: sono questi i numeri che contraddistinguono l’attività di Everstampi, azienda di Misinto (MB) specializzata nel settore della materie plastiche progettando, costruendo e collaudando stampi per particolari in plastica, di piccole e medie dimensioni, destinati a diversi settori merceologici. L’azienda, a carattere familiare, è stata fondata a Carbonate (CO) nel 1982 da Mario Colombo, dopo aver acquisito notevole esperienza in aziende del settore. “Ho iniziato a lavorare a 14 anni in un’azienda costruttrice di stampi per gomma per poi passare in una realtà specializzata nel settore degli stampi termoplastici”, spiega il titolare. “Grazie all’esperienza acquisita in queste aziende, nel 1969 decisi di mettermi in proprio, aprendo la MC, specializzandomi nella costruzione di stampi ad iniezione. Nel 1974, contemporaneamente all’attività della MC, fondai con altri soci una società di produzione di musicassette. Fu un’esperienza molto importante poiché affinai sia le mie capacità nella costruzione di stampi multicavità ad altissima produzione, ma anche e soprattutto la mentalità che richiede il lavoro di stampaggio. All’epoca stampavamo circa 3 milioni di musicassette al mese. Dopo queste esperienze, decisi di fondare la Everstampi e mettere in pratica tutta l’esperienza acquisita”. Grazie a una crescita importante, nel 1996 lo spazio a disposizione non era più sufficiente per gestire al meglio le commesse e quindi l’azienda si trasferì nella sede attuale a Misinto su una superficie di 1.000 m2. Attualmente in Everstampi sono presenti anche i quattro figli del titolare oltre a 15 dipendenti tra officina e uffici.

Stampi complessi per differenziarsi sul mercato
Il team di Everstampi è in grado di costruire attrezzature per tutti i settori industriali, anche se la sua specializzazione sono gli stampi complessi di elevata precisione per prodotti come attuatori, spray caps, dispenser pumps e prodotti per i settori farmaceutico e cosmetico. “Lo scovolino per mascara è un prodotto particolarmente complesso da realizzare”, afferma Colombo. “Nello stampo sono ricavate cavità di ridotte dimensioni e di elevata precisione che permettono la realizzazione di “peli” estremamente sottili che vanno a comporre lo strumento utilizzano per applicare il mascara.
Questo è il nostro punto di forza: cerchiamo di seguire progetti estremamente complessi, in modo da poterci differenziare sul mercato ed essere quindi più competitivi rispetto alle altre aziende”.
Everstampi segue e affianca il cliente in tutte le fasi della lavorazione: dalla presentazione del modello matematico, disegno o prototipo, fino alla progettazione, produzione e messa in funzione dello stampo.
Il core business dell’azienda brianzola è creare vantaggi per il committente. Questo è possibile solo riconoscendo nell’innovazione e nel customer service l’unica vera strategia perseguibile. Per questo Everstampi investe da sempre nella formazione del personale e nelle migliori tecnologie che vedono nell’automazione il futuro per i costruttori di stampi. Scelte che hanno premiato l’azienda, trasformandola in una realtà affermata nella realizzazione di stampi ad iniezione, con canale caldo o semicaldo, ad altissima produzione e con cicli produttivi tra i più bassi del mercato. “Nostro padre ci ha trasmesso un principio importante: investire i guadagni nell’azienda”, spiega Meghann Colombo, Responsabile Marketing e Sicurezza di Everstampi. “Lo scorso anno, infatti, abbiamo investito circa un milione di euro in nuovi macchinari”. “Per uno stampista è fondamentale essere sempre tecnologicamente all’avanguardia. La nostra azienda, ad esempio, ha iniziato a utilizzare macchine a CNC oltre vent’anni fa”, interviene Mario Colombo.

Precisione, estetica e funzionalità
L’ufficio tecnico Everstampi è in grado di sviluppare la progettazione di stampi complessi partendo dal modello matematico, dal disegno o direttamente da un prototipo. Dopo aver stabilito le modalità di costruzione dei singoli componenti dello stampo, vengono eseguiti via CAM i percorsi di lavorazione a tre o cinque assi e trasmessi direttamente alle rispettive macchine utensili. “Recentemente i nostri operatori hanno partecipato a corsi di aggiornamento in sistemi CAD/CAM in modo da essere autonomi e poter lavorare a bordo macchina”, sottolinea Edoardo
Colombo, Responsabile Produzione in Everstampi.
L’azienda garantisce al committente tre aspetti fondamentali: precisione, estetica e funzionalità. La precisione e l’aspetto estetico sono due parametri da attribuire al particolare stampato che, presupposta una corretta linea di design, deve rispondere in modo concreto alle richieste del committente. La funzionalità è un parametro da attribuire allo stampo, che deve essere il risultato di un attento studio su come collocare le figure nel rispetto delle esigenze di iniezione, riempimento, raffreddamento ed estrazione. “La nostra vasta esperienza ci permette di raffreddare spilli di diametro 1,1 mm lunghi anche 80 mm”, sottolinea il titolare.

Fresatrice dedicata agli elettrodi, ma non solo...
L’attrezzeria Everstampi è costituita da due fresatrici (a 3 e 5 assi) dedicate alla lavorazione del blocco stampo, tre fresatrici (una a 5 assi e due a 3 assi) per la lavorazione della parte figura, quattro elettroerosioni (due a filo e due a tuffo), tre torni, tre rettificatrici e una foratrice oltre a due macchine di misura. “Attualmente stiamo valutando la possibilità di ampliare ulteriormente lo spazio dedicato ai reparti produttivi con un nuovo capannone dove saranno inserite le presse prova stampo”, spiega Meghann
Colombo.
Tra le nuove macchine installate in attrezzeria, una è dedicata alla costruzione degli elettrodi, ma non solo. Si tratta della fresatrice ad alta velocità e precisione HSP 643 Wave del costruttore italiano Isper. “La fresatura di elettrodi riveste un aspetto particolarmente importante e delicato per garantire la massima qualità dei prodotti”, afferma Edoardo Colombo. “La fresatrice HSP 643 Wave ha sostituito un altro modello a marchio Isper (HSP 5000 Wind) che aveva soddisfatto le nostre aspettative”. Quindi l’acquisto di un nuovo modello a marchio Isper è stata una logica conseguenza. “La fresatrice HSP 643 Wave ha un rapporto prezzo/prestazioni estremamente interessante. Da sottolineare la ripetibilità che è possibile raggiungere con questa macchina.
Grazie alla precisione della macchina - parliamo di centesimi - la utilizziamo non solo per la costruzione degli elettrodi ma anche per operazioni di finitura su piccoli particolari in acciaio temprato con frese di diametro 0,2 mm”.
Anche il servizio post vendita offerto da Isper ha soddisfatto le aspettative dell’azienda brianzola. “Nonostante Isper sia un costruttore di dimensioni contenute rispetto ad altri competitor, è in grado di rispondere in breve tempo alle eventuali problematiche che possiamo incorrere durante la lavorazione”, dichiara Mario Colombo.

Ad alta velocità e precisione
La fresatrice HSP 643 Wave, disponibile anche nella versione RB (a cinque assi in continuo), ha una struttura a portale in ghisa i cui componenti sono stati opportunamente studiati e testati al fine di evitare deformazioni di tipo termico.
Le corse della fresatrice HSP 643 Wave sono le seguenti: X 650 mm, Y 420 mm e Z 350 mm. La velocità di avanzamento raggiunte i 20.000 mm/min.
Ecco alcuni componenti e alcune soluzioni utilizzate: doppio sistema di guida del movimento verticale, due guide a rulli a forte precarico e due guide in materiale composito; movimento verticale Z sostentato da due cilindri pneumatici; sistema di lettura lineare con righe pressurizzate con risoluzione 0,0001 mm; guide di precisione a quattro ranghi di rulli. E ancora: viti di precisione a ricircolo di sfere, con chiocciola singola precaricata; lubrificazione automatica centralizzata di guide e chiocciole; piano della tavola rettificato con scanalature a T.
Il mandrino del centro HSP 643, concepito per la fresatura ad alta velocità, risponde perfettamente a quei requisiti di affidabilità nel tempo, indispensabili per un componente così importante della macchina. Il mandrino è disponibile nelle versioni a 30.000 o 40.000 giri/min, azionato da un motore con potenza 7 kW, oppure 30.000 giri/min e con motore con potenza 8 kW. I mandrini sono raffreddati attraverso un sistema di refrigerazione a liquido.
La fresatrice HSP 643 Wave installata presso Everstampi è attrezzata al massimo delle potenzialità per sfruttarne al meglio le caratteristiche.
La fresatrice a marchio Isper può essere infatti equipaggiata con una vasta gamma di accessori: refrigerazione dell’utensile minimale e/o ad acqua; aspiratore grafite con cappa retraibile comandata da controllo numerico; magazzino utensile separato dalla zona di lavoro mediante portello scorrevole; divisore rotobasculante per quarto e quinto asse controllato; presetting automatico dell’utensile, a contatto o laser; sistema di tastatura a trasmissione ottica per l’ispezione e il posizionamento del pezzo; dispositivo di copiatura e digitalizzazione.
Da segnalare che la fresatrice può essere equipaggiata con cambio pallet automatico a 8 - 17 posizioni.
La fresatrice HSP 643 Wave consente di ottenere un’alta qualità superficiale su matrici di acciaio temprato o elettrodi di rame anche utilizzando utensili molto piccoli di diametro grazie all’elevato numero di giri, all’ottimizzazione del precarico dei cuscinetti e alla dilatazione termica particolarmente contenuta.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Utensili

Comunicazione tecnica per l'industria