Menu
Friday, 26 Maggio 2017

Velocità e semplicità d’uso

Gli incontri hanno destato notevole interesse da parte dei numerosi partecipanti. Gli incontri hanno destato notevole interesse da parte dei numerosi partecipanti.

Il rilascio di VISI 2017 R1 è avvenuto attraverso sei user meeting organizzati da Vero Solutions in diverse città italiane. I tecnici della software house hanno presentato in dettaglio le nuove funzionalità del software.

di A.M.

Febbraio 2017

Vero Solutions ha organizzato nel dicembre scorso una serie di user meeting locali per rilasciare VISI 2017 R1, sistema CAD/CAM totalmente integrato, di particolare interesse per gli stampisti. Durante gli incontri, tenutisi a Caluso (TO) in due sessioni separate, Noventa di Piave (VE), Ferentino (FR), Sambuceto (CH) e Molfetta (BA), i tecnici della software house hanno presentato in dettaglio le nuove funzionalità del software, ma non solo, incontrando notevole interesse da parte dei numerosi partecipanti all’iniziativa. Particolarmente interessante l’intervento di apertura dell’incontro del 14 dicembre scorso da parte di Marino Cignetti, Amministratore Delegato di Vero Solutions, sull’innovazione e la rivalutazione del know-how storico che ha formato il tessuto industriale di oggi. Cignetti ha infatti ricordato il modello Olivetti, azienda grazie alla quale si devono i primi controlli numerici apparsi sul mercato.
All’incontro hanno partecipato anche rappresentanti del mondo della scuola per trattare l’argomento della formazione, aspetto di importanza strategica nel mondo produttivo. Ermanno Duò, Direttore del CNOS-FAP di Torino Rebaudengo, Claudio Daniele, Direttore dell’En.A.I.P. di Rivoli, e i Professori Alberto Fornero e Giovanni Marra dell’ITIS C. Olivetti di Ivrea hanno infatti affermato quanto sia importante rafforzare la collaborazione tra imprese e istituti tecnici e centri di formazione professionale per sviluppare una formazione scolastica in linea con le competenze richieste dalle officine meccaniche.

Miglioramenti a 360 gradi
Passiamo ora a illustrare le novità che contraddistinguono la versione R1 2017 di VISI. Innanzitutto è stata sviluppata una nuova interfaccia di tipo HUD (Heads-Up Display). La HUD è quel tipo di interfaccia che le case automobilistiche hanno già iniziato ad adottare su vari veicoli e che permette di visualizzare i dati di
processo/guida direttamente sul display ad altezza degli occhi, in modo che l’operatore non debba essere costretto a spostare continuamente lo sguardo dagli strumenti al display. Gli utenti di VISI sul monitor avranno un gruppo di icone HUD, sempre presenti, in modo da avere in qualsiasi istante una visione globale della situazione.
L’ambiente CAD si è arricchito di nuove funzioni come ad esempio la Click and drag (seleziona e trascina) che permette di selezionare un solido o una superficie. L’elemento così “agganciato”, può essere spostato a piacere da una posizione all’altra. Per l’attività di preventivazione di uno stampo per manufatti in plastica, il nuovo modulo Part Definition fornisce un’analisi preventiva veloce e di facile utilizzo per verificare le principali variabili di stampaggio che determinano come deve essere realizzato lo stampo e di conseguenza il suo costo. Part Definition esegue un’analisi di fattibilità del manufatto in base a come è stato modellato, e calcola i tempi di iniezione e raffreddamento in base al volume, agli spessori e la qualità dello stesso. È inoltre possibile avere indicazioni sul tempo di ciclo, sulla pressione per l’iniezione, sul tonnellaggio della pressa e sul costo indicativo dello stampo, in modo da avere un quadro completo del processo, fin da subito.

Ulteriori novità
Lo studio della striscia dedicato agli stampi lamiera ha un nuovo algoritmo di nesting che gestisce diverse parti all’interno di una sola striscia. L’analisi delle migliori combinazioni possibili fornisce dati utili per la preventivazione del costo dell’attrezzatura in modo rapido e preciso. Con due nuove funzioni molto utili, quella di creazione del punto di infilaggio per l’erosione nelle piastre attraverso l’analisi delle cavità in modo automatico e quella della creazione del punto d’infilaggio da punzoni, si denota una sempre maggiore integrazione dei vari ambienti di preventivazione, progettazione, produzione e documentazione all’interno di una singola e unica piattaforma di lavoro. I punti creati sono modificabili dinamicamente nel diametro e posizione e gestiti nella messa in tavola, dalla Tabella di foratura 3D, dal riconoscimento dei fori, e dal modulo CAM di erosione. Nell’ambiente CAM è disponibile la nuova strategia di lavorazione Waveform, applicabile in maniera ottimale nell’alta velocità. L’impegno è costante con il materiale; questa tecnologia adatta le passate per mantenere l’area di contatto dell’utensile e la dimensione del truciolo costante applicando la filosofia “dal grezzo al pezzo”. Questo riduce la quantità di tagli interrotti, particolarmente nelle zone esterne. Il percorso è “morbido”, senza variazioni drastiche d’inversione di direzione, così che la velocità di avanzamento imposta può essere raggiunta e soprattutto mantenuta in modo costante. Questa condizione comporta una forte riduzione delle vibrazioni. La nuova lavorazione Waveform presenta quindi caratteristiche molto interessanti come alti avanzamenti, passate profonde, meno assorbimento di potenza, massima velocità RPM e alta produttività.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Utensili

Comunicazione tecnica per l'industria