Più potenza alle mani femminili

Per aiutare le sempre più numerose operatrici che lavorano nel settore manifatturiero, è nata la versione “femminile” del guanto robotico Ironhand di Bioservo Technologies, che aiuta a compensare la differenza di forza prensile tra donne e uomini. Le cinque viti a ricircolo di sfere di Eichenberger Gewinde sono il cuore di questo sistema: queste convertono il movimento rotatorio dei piccoli servomotori in un movimento lineare pulito.

In termini di parità di genere nel settore professionale, e in particolare nell’industria, molte riforme sono ancora necessarie. Eichenberger Gewinde è dalla parte del progresso e sta aiutando a compensare la differenza di forza prensile tipicamente esistente tra donne e uomini. In molti settori, la meccanizzazione avanzata e la digitalizzazione consentono alle macchine moderne di eseguire lavori fisicamente impegnativi e di alleggerire i carichi di lavoro. Nel guanto robotico Ironhand, sviluppato da Bioservo Technologies, cinque viti di azionamento ottimizzate aiutano chi lo indossa un’elevata forza prensile. Questo guanto meccanico accresce la forza prensile grazie alla tecnologia brevettata SEM. La forza prensile proviene normalmente dai muscoli dell’avambraccio e della mano. Questi muscoli tirano i tendini che arrivano alle cinque dita. Ironhand funziona allo stesso modo: dei sensori sensibili alla pressione sulla punta delle dita del guanto rilevano quando l’utente afferra un oggetto e un microcomputer calcola la potenza richiesta.
I servomotori azionano le cinque robuste viti a ricircolo di sfere Eichenberger 5×2 mm (Ø5 mm, passo 2 mm) laminate a freddo, collegate al guanto tramite sottili fili di metallo. Le connessioni sottili muovono le dita e il guanto genera la forza aggiuntiva. Maggiore è la pressione sui sensori, maggiore è la potenza fornita dal guanto. Ironhand pertanto riconosce il modo in cui l’utente afferra un oggetto e in modo intuitivo e automatico regola il movimento della presa.

Il guanto Ironhand imita i movimenti della presa dell’utente, aggiungendo forza e resistenza.
Il guanto Ironhand imita i movimenti della presa dell’utente, aggiungendo forza e resistenza.

Cinque viti offrono alle donne più forza manuale

Il guanto Ironhand è disponibile in quattro diverse taglie e può essere indossato da persone sia mancine che destrorse. All’interno di uno zainetto che si può agevolmente indossare vi è il gruppo batterie. Lo zainetto contiene sia un’unità computerizzata che le viti a ricircolo di sfere, con il motore che aziona le varie articolazioni delle dita. Le cinque viti a ricircolo di sfere convertono il movimento rotatorio dei piccoli servomotori in un movimento lineare pulito.
Un posizionamento estremamente accurato con la più breve delle corse e un’elevata dinamica in funzionamento continuo, non vi sono compromessi in termini di sicurezza e affidabilità, questi sono i requisiti specificati da Bioservo Technologies per le viti a ricircolo di sfere utilizzate da Ironhand. Anche gli intervalli di manutenzione, la durata e, ovviamente, i costi hanno un ruolo importante.
Le viti a ricircolo di sfere di Eichenberger combinano i requisiti di velocità, precisione e spazi ridotti. Inoltre, il rapporto ideale tra lunghezza della vite e passo aumenta l’efficienza del movimento. Le viti, ciascuna con tre ritorni ingegnosamente concepiti integrati nella chiocciola, sono inoltre sorprendentemente leggere e aumentano il rapporto costo-efficacia della soluzione nel suo complesso.

Per modificare i profili di Ironhand, l’utente preme semplicemente un pulsante sul telecomando montato nella zona del torace.
Per modificare i profili di Ironhand, l’utente preme semplicemente un pulsante sul telecomando montato nella zona del torace.

Maggiore ergonomia

Il guanto Ironhand imita i movimenti della presa dell’utente, aggiungendo forza e resistenza. Questa potenza extra allevia i muscoli e fa risparmiare energia ai lavoratori, migliorandone il benessere e la produttività. Per esempio, una donna, con meno sforzo, può eseguire con facilità un lavoro energico, altamente ripetitivo e/o statico utilizzando questo guanto robotico, che fornisce un massimo di 80 N di forza prensile in pochi millisecondi. Nei lavori di assemblaggio, dove i cavi vengono spelati, crimpati o tagliati dall’operatore mediante pinze, il guanto Ironhand aiuta gli operatori riducendo il loro carico di lavoro. Ironhand è di aiuto anche quando si devono tenere in mano oggetti per lunghi periodi di tempo, per esempio durante l’installazione di lastre di vetro. Durante la movimentazione di attrezzature pesanti nei cantieri, tra cui smerigliatrici, cacciaviti o persino martelli pneumatici, Ironhand fornisce agli operatori la potenza di cui hanno bisogno. Tale potenza potrebbe essere esercitata tagliando il metallo con una smerigliatrice angolare o nella logistica, caricando e scaricando scatole di parti, la gamma di applicazioni è vasta. Gli utilizzatori possono definire anticipatamente diversi programmi. Le viti a ricircolo di sfere Eichenberger consentono di muovere le dita con estrema precisione e con un posizionamento accurato. Ironhand distingue tra le diverse combinazioni di sensibilità del sensore, forza, simmetria delle dita e tendenza al bloccaggio. Per modificare i profili, l’utente preme semplicemente un pulsante sul telecomando montato nella zona del torace. Con queste impostazioni, è possibile rispondere in modo flessibile alle diverse esigenze durante la giornata lavorativa, per esempio quando vengono svolte attività meno faticose al mattino e attività più impegnative dal punto di vista fisico nel pomeriggio. Ciò inoltre significa che diversi utenti possono lavorare con un unico sistema.

0 Condivisioni