Menu
Monday, 18 Dicembre 2017
Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 73
A+ A A-

Una ventata di novità all’insegna della precisione

Numerose le rettificatrici in mostra in EMO presso lo stand Danobat. Numerose le rettificatrici in mostra in EMO presso lo stand Danobat.

In occasione della EMO, Danobat ha presentato una serie di nuove macchine e alcuni modelli riprogettati destinati alla rettifica e alla tornitura di precisione. In fiera, l’azienda ha condiviso anche il suo “valore digitale”, che comprende i più recenti sviluppi tecnologici basati sui concetti di Industria 4.0.

di Elisabetta Brendano

Ottobre 2017

Numerose sono le macchine presentate da Danobat durante la scorsa EMO. Nel suo stand di 800 m2, il costruttore spagnolo ha presentato i più recenti modelli di macchine (nuove o rinnovate) andate a integrare il proprio programma di produzione. Sotto i riflettori la rettificatrice senza centri Estarta-650, progettata per soddisfare le esigenze di produzione ad alta velocità in modo da migliorare i tempi ciclo e massimizzare la produzione. I principali vantaggi del suo utilizzo sono l’elevata precisione, in grado di aumentare la produttività del 30% (parola del costruttore), e la rigidità costruttiva. Con questa rettificatrice, è possibile raggiungere i 120 m/s minimizzando la generazione delle vibrazioni. Riuscire a lavorare ad alta velocità con il massimo smorzamento delle vibrazioni è un requisito essenziale per garantire processi di rettifica ottimali. Estarta-650 è equipaggiata di serie con motori lineari, un basamento di granito, una testa di trascinamento dotata di un supporto supplementare che elimina lo sbalzo e un nuovo sistema di ammortizzazione. La macchina è dotata anche di un sistema di guida rotabile, che offre una maggiore sensibilità di movimento. Quest’ultima elimina la componente idraulica, motivo per cui l’Estarta-650 è una rettificatrice ecologicamente sostenibile, che richiede minor energia e manutenzione.

Rettifica per interni su pezzi di grandi lunghezze
La EMO ha rappresentato per Danobat il palcoscenico ideale per esporre anche la rettificatrice di interni ILD-600. La macchina, sviluppata dalla controllata tedesca Danobat-Overbeck, è indicata per la rettifica di precisione di interni, esterni e facce su grandi pezzi di lunghezza aventi geometrie complesse. Si tratta di una soluzione per la rettifica di corpi di mandrini, assi, portautensili, cuscinetti, componenti idraulici e componenti di macchine utensili, capace di assicurare una lavorazione ad alta precisione fino a 1.300 mm di lunghezza - incluso il sistema di fissaggio - con diametri fino a 760 mm. La macchina è dotata di una lunga tavola e di un asse B0 che permette di effettuare la rettifica di superfici coniche così come le correzioni cilindriche automatizzate, senza la necessità di montare una mola dalla forma specificamente profilata o di passare alla rettifica mediante interpolazione. Uno dei principali vantaggi tecnici di questo tipo di macchina è che la mola scorre solo lungo un asse, evitando pertanto l’effetto noto come “formazione a scale”, che di solito avviene in questi casi. ILD-600 si caratterizza per il lungo asse Z e per una torretta di diamantatura di tre posizioni. La configurazione presentata in EMO completa l’offerta di rettificatrici universali per interni per pezzi con fori fino a 400 mm di profondità.

Una soluzione per forme non cilindriche e raggi
La panoramica di soluzioni Danobat dedicate alla rettifica e viste in fiera continua con la rettificatrice per interni, esterni, facce e raggi IRD-400, progettata per la lavorazione di stampi e matrici. Alta precisione viene garantita dalla presenza di un asse B0 in grado di assicurare rotazioni fino a 91°. Il controllo assi rende possibile realizzare contorni interni complessi mediante un’unica mola e un unico percorso di contorno. All’interno di questo modello, la torretta di 4 mandrini comprende una sonda di misurazione integrata nel software che può rilevare la posizione di origine del pezzo. In contorni circolari è possibile raggiungere deviazioni della rotondità di 0,5 µm. Un’altra caratteristica di questo tipo di rettificatrici è l’elevata precisione della sincronizzazione di tutti i movimenti degli assi, incluso l’asse di rotazione del pezzo (C0), che rende possibile effettuare una rettifica non cilindrica. In questo modo, è possibile anche eseguire lavorazioni di geometrie complesse tramite la rettifica mediante coordinate, con la possibilità di realizzare forme quadrate, rettangolari o libere con elevata precisione.

Un’unica macchina per soddisfare le esigenze di diverse lavorazioni
All’interno dell’offerta di rettificatrici verticali, Danobat propone anche il nuovo modello VG-800, anch’esso visto ad Hannover. Indicata per la rettifica di pezzi di medie dimensioni (800 mm di diametro e 600 mm di altezza) e dalla elevata complessità tecnica, VG-800 dispone di una torretta che consente una vasta gamma di configurazioni. Con questo tipo di macchina è possibile incorporare diverse tecnologie per realizzare operazioni di rettifica, tornitura, foratura, alesatura, fresatura, così come operazioni di misura. Di serie, è disponibile una testa principale, una ad alta frequenza per la rettifica di interni e un mandrino tangenziale, tutti sviluppati da Danobat. Sempre di serie, VG-800 è provvista di un utensile in grado di misurare diametri interni, esterni, facce e coni, in grado di effettuare misure intermedie e di offrire soluzioni flessibili per garantire alta precisione di lavorazione. Inoltre, l’asse C dispone di una tecnologia idrostatica che garantisce una rotondità inferiore al micron e una finitura superficiale ottimale. Il motore lineare dell’asse X, controllato da una riga ottica, è raffreddato a temperatura controllata e fornisce alla macchina le capacità dinamiche necessarie per effettuare interpolazioni ad alta precisione. A governare la rettificatrice VG-800 è il software DoGrind di Danobat, che comprende una libreria di programmi di rettifica, tornitura e misura, oltre che un modulo per il risparmio energetico e la sostenibilità.

Uno sviluppo orizzontale per pezzi di grandi dimensioni
Ennesima macchina vista presso lo stand Danobat in EMO è la rettificatrice orizzontale HG-72, concepita per lavorare pezzi fino a 3.000 mm di lunghezza, 740 mm di diametro e 1,5 t di peso. La testa comprende tre mole che permettono di lavorare diametri esterni, interni e Curvic. Oltre a ruotare attorno al proprio asse verticale, è in grado di raggiungere tutti i punti del pezzo, ed è azionata da un motore di 22 kW che genera velocità periferiche fino a 60 m/s con mole di diametro massimo pari a 610 mm. Grazie a queste prestazioni, è in grado di rispondere a tutte le esigenze di rettifica, compresa la realizzazione di pezzi con Ra 0,1, in un solo fissaggio e garantendo la qualità geometrica. La rettificatrice Danobat è dotata di un misuratore multi-diametro Danobat MDM-400, disponibile fino a ora solo sui modelli 300 e 500 di questa stessa gamma. L’azienda ha dunque ampliato la propria offerta così come la gamma di teste in modo da soddisfare le esigenze di un numero sempre maggiore di utenti. Su una MDM-400 è possibile misurare diametri da 20 a 400 mm e lavorare in modo simultaneo al processo di lavorazione, il cui vantaggio principale consiste nella possibilità di evitare il processo di successiva misurazione e nella possibilità di eseguire la rettifica in una singola operazione.

Alta precisione su pezzi sottili
La proposta Danobat ad Hannover si completa con il modello LG-1000. È indicato per la rettifica di pezzi sottili che richiedono elevata precisione, efficienza e produttività. Oltre ad assicurare un elevato grado di personalizzazione, la macchina incorpora una lunetta di monitoraggio controllata da CNC in modo da garantire una cilindricità ottimale anche su pezzi più sottili. La famiglia LG è adatta per produrre componenti idraulici di precisione, parti di automobili, utensili di taglio, camme o componenti con diametri eccentrici. Elevata ripetibilità è assicurata grazie alla presenza di un basamento in granito naturale, di motori lineari e dall’impiego di righe ottiche. La testa mola è provvista di elettromandrini raffreddati e raggiunge una velocità periferica massima di 120 m/s, coprendo così il range necessario alla rettifica con abrasivo convenzionale (45-60 m/s) o con superabrasivi (20-120 m/s). Come per il modello VG-800, anche la rettificatrice LG-1000 è governata dal software Danobat DoGrind.

Per la tornitura “hard turning”
Anche se le rettificatrici erano presenti in maniera importante allo stand dell’azienda, alla EMO di Hannover Danobat ha presentato anche un tornio ad alta precisione LT-400 indicato per la tornitura “hard turning”. Permette di soddisfare in maniera ottimale le esigenze dei produttori di piccole serie, che spesso richiedono modifiche al tipo di componenti che producono, senza però rinunciare alla precisione offerta dalla tecnologia di rettifica. Il basamento di granito della macchina garantisce una maggiore stabilità termica e un significativo smorzamento delle vibrazioni. Il basamento è un supporto privo di tensioni residue che mantiene la sua precisione geometrica, in modo da rendere l’area di lavoro più stabile rispetto all’utilizzo di altri materiali. Inoltre, l’inclinazione di 45° favorisce la rimozione del truciolo. Il tornio LT-400 è provvisto di carrelli incrociati con tecnologia idrostatica senza contatto: oltre all’assenza di usura della guida, si evitano l’effetto stick-slip e si assicura un grande smorzamento delle vibrazioni. Il sistema idrostatico garantisce la stabilità termica mediante il costante controllo della temperatura dell’olio. I motori lineari degli assi X e Z sono controllati da righe ottiche e refrigerati a temperatura controllata. Questi motori allungano notevolmente gli intervalli di manutenzione rispetto ad altri sistemi tradizionali di trasmissione del movimento, perché privi di elementi meccanici intermedi. Da segnalare anche la testa con cuscinetti idrostatici e il motore integrato, entrambi raffreddati.

Non solo macchine, ma anche soluzioni con tecnologia 4.0
Danobat ha colto l’occasione della EMO per ribadire il suo impegno verso la digitalizzazione industriale, che si articola in un’offerta di sviluppi intelligenti dotati della tecnologia 4.0. Tra le soluzioni sviluppate dall’azienda ricordiamo Smart HMI, un’interfaccia intuitiva in grado di assistere l’operatore e facilitare l’uso di attrezzature, aumentando così la produttività. L’interfaccia, installata su tutte le macchine presenti in fiera, consente di accedere velocemente e facilmente a tutte le informazioni sullo stato della macchina e il suo funzionamento in modo centralizzato. Smart HMI è in grado di ottimizzare i cicli di manutenzione poiché visualizza le informazioni relative alla posizione dei pezzi in base al tempo di utilizzo, fornisce le notifiche automatiche e le istruzioni di manutenzione e migliora l’affidabilità durante le operazioni di auto-diagnostica. Danobat ha poi sviluppato una piattaforma per l’acquisizione, l’archiviazione e l’elaborazione dei dati che rende possibile il monitoraggio dello stato macchina. Il sistema, denominato Data System, permette di conoscere lo stato e il funzionamento del processo produttivo in tempo reale, stabilire standard, identificare le tendenze, anticipare i guasti e gestire strategie di manutenzione intelligenti. Infine, Danobat ha realizzato un sistema di controllo completo che coordina e dirige le operazioni di apparecchiature, macchine e soluzioni che funzionano nello stesso laboratorio o in fabbrica in modo completamente sicuro, garantendo un funzionamento automatizzato con la massima efficienza. La soluzione, denominata Control System, consente il controllo, il monitoraggio e la supervisione di tutte le fasi dei processi di lavorazione in linee di produzione di elevata complessità, composte da diverse macchine e attrezzature.

Articoli correlati (da tag)

Torna in alto

Robot

Gestione

Error: No articles to display

Comunicazione tecnica per l'industria