I benefici del mondo IoT in epoca Covid

Le restrizioni e i lockdown imposti dalla pandemia possono rendere difficile o impossibile raggiungere i luoghi di lavoro. L’accesso da remoto ai macchinari per il monitoraggio risulta quindi ancora più utile. Parker ci spiega quali sono i vantaggi

Da anni ormai viviamo nell’epoca IIoT, con i produttori connessi da remoto ai PLC. Ma come ci spiega Parker, in questo periodo di pandemia è diventata più chiara la tendenza verso la diagnostica e una maggior intelligenza della macchina, evidenziando il bisogno di una maggiore connettività. L’impatto del lockdown e delle varie restrizioni infatti ha reso l’accesso al posto di lavoro una sfida logistica per molte aziende. Pensiamo ad esempio ai problemi con i macchinari industriali che non possono essere risolti in loco. Installando le giuste attrezzature, l’accesso remoto agli impianti per il loro monitoraggio e aggiornamento può salvaguardare i tempi di operatività, e aiutare a risolvere rapidamente eventuali problemi tecnici. I costruttori di macchine e i fornitori devono affrontare continue pressioni per controllare e manutenere i diversi sistemi e dispositivi, ragione per cui i componenti intelligenti (prodotti con diagnostica e interfacce di comunicazione incorporati) stanno guadagnando popolarità. Consentono infatti di trasmettere e analizzare in tempo reale e in modo sicuro i dati chiave della macchina come temperatura, pressione/coppia, flusso, corrente e tensione, tutte le volte che i parametri di prestazione definiti non sono soddisfatti. In passato, un filtro intasato causava tempi di inattività e richiedeva l’intervento in loco; oggi, invece, il filtro manda un segnale quando deve essere cambiato, consentendo tutte le operazioni di manutenzione. In alcuni casi, se si utilizzano componenti intelligenti, non è più neppure necessario il monitoraggio dei sistemi da parte del responsabile.

IQAN Connect consente il monitoraggio remoto delle risorse, la raccolta dati e altro ancora.
IQAN Connect consente il monitoraggio remoto delle risorse, la raccolta dati e altro ancora.

Si impiegano anche smartphone e soluzioni gateway IoT

Sebbene l’Ethernet Industrial open-source rimanga una scelta frequente per molti produttori, anche i dispositivi di comunicazione mainstream si stanno diffondendo. Un esempio sono gli smartphone o altri dispositivi Bluetooth-compatibili, che possono essere abbinati a controller (come il sistema IQAN Connect di Parker) per fornire un monitoraggio remoto delle risorse, la raccolta dati, gli aggiornamenti del sistema e la segnalazione di andamento della catena di montaggio (o postazione remota) in qualsiasi parte del mondo. I sistemi basati sulla app consentono la connessione e l’upload/download sicuro dei programmi da remoto. Un altro esempio sono le soluzioni gateway IoT, che possono essere amministrate senza che qualcuno sia sul posto.
In alcuni casi, i clienti possono necessitare di un monitoraggio da remoto che non vada a un PLC centrale; un gateway consente l’accesso indipendente attraverso un telefono o una rete Wi-Fi. Se l’apparecchiatura è accesa, gli ingegneri possono accedere e connettersi all’hardware, garantendo il normale funzionamento. Accanto ai PLC in azienda, è possibile installare sensori su parti chiave del sistema, e quindi controllare da remoto ciò che accade senza il contatto dell’elemento di controllo. Questa opzione isolata è particolarmente utile per le imprese che sono avverse alle connessioni remote con sistemi integrati, in quanto non è necessario navigare firewall. Parker ha sviluppato un servizio che connette gli ingegneri con la fabbrica, con supporto specializzato sul campo, utilizzando un semplice dispositivo Bluetooth e la connessione con smartphone.

Parker ha sviluppato  un servizio  che connette  gli ingegneri  alla fabbrica.
Parker ha sviluppato un servizio che connette gli ingegneri alla fabbrica.

È più facile analizzare le esigenze e prendere decisioni strategiche

Nonostante la necessità di connettersi da remoto non sia mai stata così evidente, a volte le imprese sono ancora dubbiose su quello che una soluzione IoT può realmente realizzare. Quando gli specialisti di Parker discutono coi clienti delle opzioni dell’IoT, il punto di partenza chiave è valutare in dettaglio i requisiti e gli obiettivi aziendali. Ad esempio: l’impresa ha bisogno di contattare gli ingegneri se c’è un problema? Quale livello di allerta è necessario? Gli ingegneri vogliono fare report o analizzare gli andamenti? Come comunica il luogo di lavoro?
A volte, l’obiettivo primario è semplice, come la connessione a distanza ad apparecchiature in caso di rottura. In passato qualcuno doveva essere sul posto, o avere un esperto con un manuale sul telefono, mentre ora è semplice connettersi direttamente, guardare un sistema e vedere esattamente quello che sta succedendo. Tutto ciò è utile per l’analisi dei dati, la gestione dei guasti e la diagnosi dei rischi. Altre imprese però possono richiedere strumenti più sofisticati, ad esempio per analizzare il consumo di energia della macchina o prevenire un guasto dei componenti.
Anche con un sistema industriale tradizionale, l’analisi delle tendenze può richiedere un impiego di manodopera consistente, ad esempio con la registrazione manuale degli errori sui fogli di calcolo. Il mondo IoT rende più semplice il monitoraggio di quello che sta accadendo, l’analisi delle esigenze e il miglioramento delle decisioni strategiche, fornendo una “fotografia” di ciò che sta succedendo in tutta la macchina.

La sicurezza del sistema

Per alcuni la sicurezza del sistema può essere una preoccupazione. Parker garantisce che le misure di sicurezza chiave siano in atto. Questo si traduce nel supporto per l’uso e la condivisione dei dati, firmando contratti su ciò che viene consegnato.
Quando si considerano le diverse opzioni, vale la pena verificare se i sistemi selezionati offrono la comunicazione bidirezionale Over-the-Air (OTA) con le risorse remote. Il sistema di Parker può inviare e monitorare informazioni, modificare programmi e ricevere dati, ma questa funzionalità non è comune a tutte le soluzioni presenti sul mercato. La disponibilità della rete può essere un fattore critico per le imprese che lavorano in luoghi remoti. Alcuni fornitori offrono l’accesso a soluzioni con schede SIM e pacchetti di dati, con possibilità di personalizzare l’attività di contatto e allarme in base alle priorità aziendali. Questo approccio assicura al cliente la possibilità di connettersi da remoto tramite SIM o Wi-Fi, superando tutti i limiti.

IQAN Connect consente  il monitoraggio remoto  delle risorse,  la raccolta dati  e altro ancora.
IQAN Connect consente il monitoraggio remoto delle risorse, la raccolta dati e altro ancora.

I vantaggi di acquisire dati sul campo

Come strumento di proprietà OEM (Original Equipment Manufacturer), la soluzione IoT può essere impiegata per acquisire dati sul campo da utilizzare per un ulteriore sviluppo della macchina. Ciò rappresenta un vero e proprio cambiamento rispetto a qualche anno fa, quando questo si poteva ottenere solo da un laboratorio di ricerca e sviluppo. Di conseguenza, gli obiettivi di sviluppo non dovrebbero essere limitati.
Ad esempio, Parker ha recentemente lavorato con un’azienda che sta implementando soluzioni IoT. Il cliente non dispone attualmente di un sistema telematico completo, e deve comprendere l’ottimizzazione migliore dei tempi di funzionamento di una macchina.
Tradizionalmente sarebbe necessario impiegare qualcuno che stia in loco, con una gran quantità di sensori collegati: con la connessione IoT l’obiettivo è quello di applicare metodi per fare questo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Dato che il personale di produzione si affida sempre più al funzionamento in tempo reale per migliorare la produttività e il controllo della qualità, l’ampia scelta tecnologica e i servizi “sempre e ovunque” offrono uno scopo per risparmiare tempo, emissioni e costi in modo significativo. Lo smartphone potrebbe essere la chiave per sbloccare questo potenziale.