Il 16 luglio si è svolta la terza tappa di We Love Talking di SPS Italia.

La quarta tappa di “We Love Talking”

Il quarto appuntamento di “We Love Talking”, serie di chiacchierate online organizzate da SPS Italia, si è svolto il 16 luglio, l’ultimo evento prima della pausa estiva.

Il focus della giornata è stato “Tecnologie abilitanti per la Smart Factory”, anche in vista dei Digital Days, che saranno dal 28 al 30 ottobre.

Con ben 13 relatori, coadiuvati dal chairman Franco Canna, durante il quarto appuntamento di “We Love Talking” si è parlato dell’innovazione dei processi nella fabbrica 4.0, confrontandosi sulle soluzioni a disposizione delle imprese per accrescere la produttività degli impianti e di conseguenza la competitività.

Parola d’ordine: formazione

Dopo l’intervento iniziale di Marco Vecchio, Direttore di ANIE Automazione, che ha portato i risultati dell’Osservatorio 2020 sul mercato dell’automazione industriale, con un focus sull’edge computing, i protagonisti della tavola rotonda sono stati (in ordine di intervento): Emanuele Quarin, Digital Industrial Operations Director EU Electrolux; Matteo Faggin, Direttore Generale SMACT Competence Center; Carlo Cuppini, Head of Global Account Managers – Southern Europe B&R Automazione Industriale; Alessandro Ferioli, Industry Segment Manager Festo Italia; Giovanni Sangiorgio, Divisional Manager Systems Pilz Italia; Paolo Zanetta, Product Marketing Manager Automation products Datalogic; Alessandro Favero, Product Manager Control Systems & IO Phoenix Contact; Andrea Scattina, Channel & Sales Manager Italy Stormshield; Simone Cerizza, Team Leader & Solution Consultant Smart Manufacturing e Area Project Manager MADE Rockwell Automation; Simone Dal Toso, Product Manager Networking Telestar; Michele Frare, General Manager Factory Automation Panasonic Industry Italia; Marco Artoli, Product Manager Lapp Italia.

Tutti i relatori si sono trovati d’accordo che la parola d’ordine per il futuro non è, o comunque non solo, innovazione tecnologica, ma soprattutto formazione: è importante creare una solida cultura tecnologica abilitante, che permetta agli operatori e agli imprenditori di aver chiare le possibilità della digitalizzazione e della fabbrica automatizzata.

Post correlato: https://inmotion-web.it/successo-per-sps-italia-2019-visitatori-in-aumento-del-18/

No Banner to display