Menu
Saturday, 18 Agosto 2018
A+ A A-

Più produttività in fresatura

Nell’ambito della fresatura, Hwacheon - produttore coreano di macchine utensili rappresentato nel nostro Paese da Manival - propone la serie di centri di lavorazione universali VESTA arricchitasi di nuove configurazioni macchina e i centri di lavorazione verticali serie M, che comprende anche un modello a cinque assi.
 
di Laura Alberelli

Aprile 2018

I centri di lavorazione universali VESTA del costruttore coreano Hwacheon, distribuiti nel nostro Paese da Manival, si contraddistinguono per la grande rigidità, merito anche del basamento della macchina realizzato in ghisa meehanite. I centri sono configurati di serie con una tavola trasversale, guide lineari disponibili su tutti gli assi, sistema di raffreddamento per l’olio e sistema refrigerante CTS. Sempre di serie, chi sceglie di adottare un centro universale VESTA può usufruire di alcuni pacchetti software dedicati in grado di aumentare la produttività e la precisione della macchina durante la lavorazione.
La serie VESTA si è recentemente arricchita di un nuovo modello: si tratta del centro di lavoro VESTA-1000+, configurato di serie con un mandrino ad alta rigidità e con un magazzino a 30 posti, che garantisce un cambio utensile in tempi ridotti (1,6 s).
Da un test eseguito in fase di produzione è emerso come utilizzando il centro di lavoro Vesta-1000+ è stato possibile aumentare la produttività della macchina del 15%. Oltre che per la velocità di lavorazione, la macchina si distingue anche per le dimensioni compatte (l’ingombro è di 2.850 x 2.280 mm).
Con il modello VESTA-1300, anch’esso di nuova concezione, Hwacheon ha aggiunto un’altra taglia alla sua gamma di macchine. In questa configurazione, le corse X, Y e Z raggiungono rispettivamente i 1.300, 670 e 650 mm. Sulla macchina, sulla quale è possibile gestire particolari con un carico massimo di 1.300 kg, è montata una testa di fresatura in grado di asportare acciaio bonificato e temperato (C45) fino a 882 cm3/min. Come per il modello precedente, di serie è previsto un magazzino utensili fino a 30 posti. Entrambe le macchine (VESTA-1000+ e VESTA-1300) sono equipaggiate con un convogliatore di trucioli e sono governate da un CNC FANUC (su richiesta, i centri VESTA possono essere equipaggiati con controlli numerici Heidenhain e Siemens).
Alla serie VESTA appartengono anche il modello VESTA 610D dotato di doppia tavola con dimensione 650 x 450 mm, il modello VESTA-660 con corse X, Y e Z rispettivamente di 660, 430 e 400 mm e il modello VESTA-2000 con corse X 2.000 mm, Y 850 mm e Z 800 mm.

Anche un centro destinato alla lavorazione a cinque assi
Per la produzione di lotti di media e grande dimensione, Manival propone invece i centri di lavorazione verticali serie M anch’essi prodotti dalla coreana Hwacheon. Si parte dal modello più piccolo - l’M2 - provvisto di una tavola circolare con diametro di 500 mm fino ad arrivare al modello M4 dotato di serie di tavola girevole di dimensione 800 x 630 mm e un mandrino con potenza 55 kW e coppia di 1.009 Nm. Nel mezzo c’è il centro di lavoro a cinque assi con guide lineari M3, equipaggiato con una tavola circolare con diametro 700 mm. Dal design a portale, la macchina è indicata per la produzione di utensili e stampi e per la produzione di componenti dalle geometrie molto complesse. Questo centro non solo esegue operazioni di sgrossatura ma assicura anche elevate asportazioni.
Il doppio azionamento degli assi A e Y, la velocità di avanzamento pari a 48 m/min e il mandrino con refrigerante (di produzione Hwacheon) con potenza 37 kW e coppia di 303 Nm sono sinonimo di alta produttività e di processi produttivi costanti nel tempo.
A secondo delle specifiche esigenze produttive, i centri serie M possono essere equipaggiati con magazzini utensili da 40, 60 o 90 posti in modo da riuscire a garantire il minor tempo di sostituzione utensili (aspetto molto importante nel caso in cui si debbano realizzare particolari che richiedono l’impiego di diversi utensili).
Tra gli elementi costruttivi che identificano il centro M3 ricordiamo il basamento della macchina realizzato in ghisa meehanite, l’utilizzo di sistemi di misura e controllo posizionati su tutti gli assi così da garantire grande precisione durante la lavorazione e il convogliatore di trucioli posizionabile liberamente sia a sinistra che a destra della macchina. A gestire il centro è un controllo numerico FANUC. Il software in dotazione prevede una funzione per il controllo adattativo (denominata OPTIMA), una funzione destinata al controllo dell’usura e della rottura dell’utensile e un data server dedicato.

Torna in alto

Robot

Gestione

Error: No articles to display

Comunicazione tecnica per l'industria