Menu
Thursday, 21 Giugno 2018
A+ A A-

Lavorare pezzi dalla struttura complessa a 3 o 5 assi

Il centro di fresatura verticale a 5 assi Umill di Huron (distribuito in esclusiva in Italia da Atlem & Valtec) è una macchina polivalente concepita per assicurare alte prestazioni in un ampio spettro di applicazioni.

di Laura Alberelli

Gennaio/Febbraio 2018

Il design moderno e le dimensioni compatte che contraddistinguono il centro di fresatura Umill di Huron garantiscono un ingombro minimo senza per questo compromettere le caratteristiche prestazionali che ritroviamo in tutte le macchine Huron.
Il centro è in grado di eseguire la lavorazione di pezzi complessi a 3 o 5 assi, dalla sgrossatura alla finitura, destinati ai più diversi ambiti applicativi come la meccanica di precisione, l’automotive, il ferroviario, l’energia, la lavorazione di stampi e l’aeronautica.
Grande rigidità e stabilità geometrica
La struttura a portale fisso in ghisa nervata con rinforzi che caratterizza i centri Huron serie Umill è in grado di attenuare le vibrazioni e gli sforzi di torsione. La scelta di utilizzare ghisa dalle caratteristiche meccaniche elevate permette di aumentare la rigidità durante la lavorazione in modo da assicurare uno smorzamento ottimale delle vibrazioni. La macchina è ancorata al suolo tramite diversi punti di fissaggio a carico ugualmente distribuito, garantendo in questo modo grande rigidità e stabilità geometrica.
La struttura modulare offre un ampio ventaglio di configurazioni che permette di adattare facilmente la macchina in base alle specifiche esigenze di utilizzo.
Umill è provvisto di assi lineari con viti a sfere precaricate. L’utilizzo di cuscinetti di supporto con doppio precarico e trazione su vite elimina il gioco all’inversione e in presenza di sforzi assiali sulle viti a ricircolo di sfere, sinonimo di elevata qualità superficiale. L’impiego di guide a rulli sugli assi X, Y e Z garantisce una velocità di spostamento elevata oltre a una grande stabilità. La lubrificazione automatica con grasso delle viti a ricircolo di sfere e pattini permette di ridurre in maniera significativa l’inquinamento del liquido proveniente delle operazioni di taglio oltre che diminuire considerevolmente i consumi.

Struttura a culla roto-basculante
Analizzando gli elementi costruttivi di maggior rilievo della macchina, una segnalazione particolare merita inoltre la tavola con struttura a culla roto-basculante che spostandosi sull’asse X garantisce elevata rigidità. Su di essa, che ha un diametro di 630 mm, è possibile gestire carichi fino a un massimo di 600 kg. È possibile accedere in maniera ottimale al pezzo sui 5 lati grazie alla capacità di ribaltamento della tavola stessa.
Le corse degli assi sono ottimizzate in modo da aumentare il passaggio disponibile sotto il naso mandrino. È prevista una misura diretta su tutti gli assi rotanti tramite l’impiego di un encoder assoluto. Nello specifico, le corse sono X 700 mm, Y 740 mm e Z 550 mm. L’avanzamento rapido è invece pari a 40 m/min.
Il centro Umill è provvisto di serie di un mandrino potente (26,2 kW in S6) e con coppia elevata (250 Nm in S6) in modo da garantire una grande rimozione dei trucioli. L’accoppiamento diretto del motore nel mandrino garantisce una migliore trasmissione delle forze. Il particolare design del corpo del mandrino facilita l’accesso al pezzo durante la lavorazione a 5 assi. Il regime massimo di rotazione del mandrino è pari a 10.000 giri/min.
Il carico/scarico automatico degli utensili avviene in posizione verticale. Il magazzino può ospitare fino a 30 utensili (cono ISO 40). Il tempo di cambio utensile è 8 s; da truciolo a truciolo è pari a 15 s.
Nella messa a punto dei suoi centri di fresatura Umill, Huron ha riposto una grande attenzione all’ambiente e all’ergonomia. In quest’ottica, la canalina di evacuazione dei trucioli prevede un sistema di lavaggio. La carenatura integrale assicura una protezione completa della macchina, dell’operatore e dell’ambiente circostante. L’area di lavoro è accessibile dal tetto della macchina e dal lato, facilitando in questo modo il carico con mezzi di sollevamento. In ultimo, non certo per importanza, segnaliamo l’apertura semplificata dei pannelli in modo da agevolare la manutenzione.

Torna in alto

Robot

Gestione

Error: No articles to display

Comunicazione tecnica per l'industria