Menu
Tuesday, 23 Maggio 2017
Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 383
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 71
A+ A A-

Alla ribalta, l’utensileria per la tornitura

I nuovi utensili JHP trovano impiego su macchine automatiche e piccoli torni a CN. I nuovi utensili JHP trovano impiego su macchine automatiche e piccoli torni a CN.

Iscar propone diverse soluzioni dedicate al settore della tornitura: gli utensili Swissturn JHP e Safe-T-Lock, gli inserti Flashturn ECO e YNMG e il sistema di serraggio per la tornitura gravosa Dove IQ Turn.

di Laura Alberelli

Gennaio-Febbraio 2016

La linea Swissturn di Iscar è stata ampliata con i nuovi utensili JHP ad alta pressione e alcuni utensili a stelo quadro senza il passaggio interno del refrigerante. Gli utensili, che trovano impiego su macchine automatiche e piccoli torni a CN, includono versioni con attacco ISO standard con fissaggio a vite e a leva, per inserti ISO tipo C, D e V, con spoglia positiva a 7°. Lo spazio ridotto all’interno delle macchine automatiche ha portato Iscar a sviluppare utensili con stelo di minori dimensioni e inserti allineati agli ingombri degli steli (f=b). In questo modo, è possibile evitare possibili collisioni. Le macchine automatiche e a CN sono ampiamente utilizzate in molti settori industriali per l’esecuzione di lavorazioni complesse di componenti di precisione, dove il rapporto tra lunghezza e diametro può generare flessioni durante la lavorazione. I nuovi utensili possono essere impiegati per operazioni di tornitura, sfacciatura e profilatura di piccoli componenti. L’utilizzo della refrigerazione ad elevata pressione è in crescita, perché le aziende sono sempre alla ricerca dell’ottimizzazione dei processi e della maggiore durata degli utensili. Tali vantaggi sono assicurati dagli utensili JHP. L’alta pressione genera infatti un truciolo di piccole dimensioni, che risulta facilmente evacuabile e non si aggroviglia attorno all’utensile o alla macchina, evitando in questo modo i tempi di fermo macchina. Nella refrigerazione convenzionale il truciolo spesso impedisce al refrigerante di raggiungere il tagliente in lavorazione dell’inserto. La refrigerazione JHP è invece direzionata tra l’inserto e il truciolo: ciò permette di incrementare la durata dell’utensile e rende i processi di lavorazione ancora più affidabili. La refrigerazione efficiente del tagliente, che riduce gli stress termici dovuti alle variazioni di calore, rende i processi di lavorazione più stabili e sicuri e consente di operare con maggiori velocità di taglio. Nelle lavorazioni di titanio, superleghe e acciai legati è stato riscontrato un incremento fino al 100% nella durata dell’utensile, parola di Iscar.

Nessuno spostamento durante i cambi di direzione in profilatura
Altra novità andata ad ampliare l’offerta Iscar nell’ambito della tornitura è la serie di utensili Safe-T-Lock. È stata realizzata con fissaggio a vite SDNCN …-13-SL e SDJCN …-13-SL, per inserti DCMT positivi a 7°, che hanno una lunga scanalatura sulla sede che combacia con la cresta sul fondo dell’inserto. Ciò permette di ottenere un rigido serraggio dell’inserto nelle lavorazioni di profilatura. Il nuovo design assicura un preciso posizionamento dell’inserto in sede, eliminando gli spostamenti durante i cambi di direzione in profilatura. DCMT 13T5..-F3P-SL è la sigla che identifica inserti rombici a 55°, positivi a 7°, con formatruciolo F3P progettato per semi-finitura e finitura di acciai. Sono disponibili nei gradi IC8150 e IC8250. DCMT 13T5..-M3M-SL è invece il nome degli inserti rombici a 55°, positivi a 7°, con formatruciolo M3M progettato per la semi-finitura e le lavorazioni medie su acciai inox e acciai a basso tenore di carbonio. Gli inserti sono disponibili nei gradi IC6015 e IC6025. Oltre ai nuovi formatrucioli F3P e M3M, sono comprese anche le tradizionali geometrie SM e PF utilizzate per gli inserti DCMT 11T3.. . Chi attualmente impiega i formatrucioli SM e PF, potrà facilmente notare i vantaggi ottenuti con il nuovo sistema di serraggio. L’innovativo sistema di bloccaggio permette infatti di effettuare lavorazioni con elevate asportazioni, riducendo i tempi di lavorazione e assicurando alte precisioni. I nuovi utensili sono disponibili con steli da 16, 20 e 25 mm. La felice combinazione tra il rigido sistema di serraggio, i nuovi formatrucioli e i gradi di metallo duro Iscar Sumotec ha dato vita una soluzione innovativa indicata per profilature di precisione.

Ampia gamma di geometrie, raggi e formatruciolo
In molte applicazioni di tornitura si tende a utilizzare inserti più grandi rispetto a quelli richiesti dai parametri di lavorazione che vengono indicati. In quest’ottica Iscar ha sviluppato Flashturn, una gamma di inserti per tornitura ISO di piccole dimensioni in grado di assicurare un significativo vantaggio economico in funzione del costo per tagliente. I nuovi inserti sono disponibili in una vasta gamma di geometrie, raggi e formatruciolo, nei più avanzati gradi di metallo duro. WNMG, WNMX, CNMG, CNMX, SNMG, DNMG, TNMG e TNMX sono le geometrie previste. Questa tipologia di inserti è più spessa rispetto a quelli standard delle stesse dimensioni, assicurando in questo modo una maggiore durata. L’inserto trigonale ECO WNMG 0604, con cerchio inscritto da 9,52 mm, può essere utilizzato per il 75% delle lavorazioni di tornitura, che normalmente vengono eseguite con profondità di taglio da 1 a 3 mm. In questi casi può essere impiegato il nuovo inserto di piccole dimensioni che permette di ridurre i costi rispetto agli inserti più grandi, mantenendo le stesse durate. Iscar ha sviluppato anche gli inserti Heliturn LD di piccole dimensioni con geometria WNMX, CNMX e TNMX. Gli inserti, come i corrispettivi di dimensioni superiori, presentano taglienti elicoidali radiali positivi e spoglie positive, una combinazione che consente di effettuare lavorazioni con carichi elevati. È stata introdotta anche una nuova forma di inserti ISO, YNMG 12T3, che possono essere montati sulle sedi degli inserti VNMG 12T3 (è necessario sostituire la piastrina con la nuova IVSN-322-Y). L’inserto YNMG 12T3… con un angolo di 25º è indicato per la tornitura di scanalature a V molto strette, che non possono essere lavorate con i normali inserti a 35°. I nuovi inserti e i nuovi utensili trovano applicazione laddove non è necessario utilizzare inserti di dimensioni superiori, specialmente in assenza di taglio interrotto. In questo modo è possibile ridurre in maniera importante i costi a parità di prestazioni.

Nuovi inserti a 25° per la profilatura interna ed esterna
Iscar ha ulteriormente ampliato la famiglia dei propri inserti di piccole dimensioni YNMG 1604, più economici rispetto a quelli con dimensioni tradizionali, introducendo nuovi inserti a 25° per la profilatura interna ed esterna. Nelle lavorazioni di pulegge e nella tornitura di pezzi fortemente conici sono richieste torniture di gole a V particolarmente strette, che gli inserti standard VNMG a 35° non sono in grado di effettuare. Per questo tipo di lavorazioni, Iscar ha progettato e sviluppato i nuovi inserti a 25° YNMG 1604. Gli inserti si adattano ad essere montati sulle medesime sedi degli inserti VNMG 1604. Possono quindi essere alloggiati su uno degli utensili standard Iscar MVVNN o MVJNR/L. È sufficiente infatti sostituire la piastrina d’appoggio standard con la piastrina IYSN 322, specifica per gli inserti a 25° YNMG 1604. In questo modo non è più necessario acquistare un nuovo utensile, si evita l’aumento degli stock a magazzino, e si amplia la gamma di applicazioni possibili con un singolo utensile. Gli inserti YNMG 1604 sono disponibili con raggio 0,4 e 0,8 mm nella geometria F3P, progettata per applicazioni di finitura. La superficie rettificata dell’inserto assicura elevata rigidità e precisione. Sono prodotti nei gradi Iscar di ultima generazione Sumotec IC8150 e IC8250.

Niente più serraggio superiore o problemi di scorrimento truciolo
In ultimo, non certo per importanza, Iscar ha sviluppato un innovativo meccanismo di serraggio composto dalla combinazione tra una sede con sottosquadro e un fissaggio a leva. Il sistema consente un serraggio dell’inserto stabile e rigido, che elimina la necessità di un serraggio superiore che andrebbe a interferire con il libero scorrimento del truciolo. La tornitura gravosa è caratterizzata da elevate profondità di taglio ed elevati avanzamenti. Solitamente per questo tipo di lavorazioni vengono utilizzati inserti monolaterali su utensili con fissaggio a staffa per sostenere tagli interrotti e carichi elevati. Gli svantaggi di adottare questo metodo sono un minor numero di taglienti disponibili e un flusso del truciolo ostacolato dalla staffa superiore. In quest’ottica, Iscar ha introdotto la nuova linea Dove IQ Turn caratterizzata dalla sede sottosquadro e dai prismi negativi laterali degli inserti, che eliminano il sollevamento posteriore dell’inserto, tipico delle lavorazioni gravose. L’assenza della staffa superiore di serraggio garantisce un libero scorrimento del truciolo, aumentando allo stesso tempo la durata utensile. È possibile utilizzare inserti bilaterali, assicurando così un effettivo vantaggio economico. Sono disponibili tre differenti geometrie di taglio con fianchi prismatici WOMG-R3P-IQ, COMG-R3P-IQ e SOMG-R3P-IQ, progettati con formatruciolo R3P in grado di eseguire la tornitura gravosa di acciai. Se confrontato con gli inserti bilaterali tradizionali, il nuovo sistema garantisce un aumento fino al 50% del volume del truciolo, parola di Iscar. Grazie agli elevati avanzamenti raggiungibili, l’esclusivo sistema di serraggio della linea Dove IQ Turn garantisce una sostanziale riduzione di tempi e costi di lavorazione.

Torna in alto

Robot

Gestione

Error: No articles to display

Trattamenti

La tempra “su misura”

22-03-2017 Hits:131 Trattamenti Cinzia - avatar Cinzia

Eldec sviluppa impianti di tempra a induzione modulari e personalizzati perfettamente integrabili in differenti sistemi produttivi. Il vantaggio di utilizzare questo tipo di macchine è soprattutto evidente nella produzione dei...

Read more
Comunicazione tecnica per l'industria