Menu
Saturday, 20 Gennaio 2018
Comunicazione tecnica
Abbonati alle riviste Publitec su carta

Importante acquisizione nel mondo della rettifica

Il gruppo internazionale Fair Friend Group (FFG) ha annunciato l’acquisizione delle aziende italiane produttrici di macchine rettificatrici Meccanodora, Morara e Tacchella, aggregate sotto la realtà industriale IMT Spa (Italian Machine Tools), attraverso la società controllata Grinding Technology Srl. La proposta di queste aziende comprende sia macchine singole che sistemi integrati, con varie tecnologie a partire dalla rettifica in tondo o piana, fino ai sistemi multi-tasking per lavorazioni complete fra cui anche tornitura e fresatura. Molteplici i campi applicativi: gruppi powertrain per il settore automotive, assili per il settore ferroviario, turbine per i settori energia e aerospace, macchine flessibili per la meccanica generale, ... Ha dichiarato Gerald Weber, CEO di FFG Europe & Americas: “Meccanodora, Morara e Tacchella si sono guadagnate una reputazione notevole sul mercato manifatturiero internazionale. I nostri clienti beneficeranno ancora di più di una maggiore capacità di soluzioni personalizzate”. Il COO Luigi Maniglio ha aggiunto: “Il nostro obiettivo è sviluppare il potenziale dei nostri nuovi brand integrandoli nel nostro gruppo, stimolando l’innovazione e sfruttando al meglio le nostre strutture globali di vendita e service”. Con l’acquisizione di Meccanodora, Morara e Tacchella, FFG integra le tecnologie di rettifica nel suo portfolio di macchine per l’asportazione di truciolo, focalizzandosi su soluzioni di lavorazione per parti rotanti. Tali prodotti vanno ad arricchire un’offerta che già includeva tecnologie di tornitura, di formatura a freddo e di produzione di ingranaggi, alberi e flange di varie dimensioni, complessità e volumi produttivi. Incrementando la copertura della catena di processo per includere le operazioni di finitura, FFG sarà in grado di fornire un valore aggiunto ai propri clienti proponendo un servizio completo.

 

 

Novità ai vertici

ANSYS potenzia il suo team di executive e le capacità di sviluppo strategico a lungo termine con la nomina di Matthew Zack, un esperto del settore, a vice president of business development and corporate marketing. L’integrazione del mondo digitale e fisico sta trasformando il modo in cui le aziende sviluppano e realizzano i loro prodotti. La simulazione offre agli ingegneri gli strumenti necessari per gestire la complessità insita in questa trasformazione e immettere sul mercato prodotti più intelligenti e sostenibili. Zack saprà cogliere queste opportunità - oltre a quelle che la leadership di ANSYS sul mercato gli offre - per aprire nuove aree di crescita a lungo termine per l’azienda. Prima di approdare in ANSYS, Matthew Zack ha lavorato presso SAP, ricoprendo il ruolo di senior corporate development executive. Precedentemente, in qualità di executive vice president and chief financial officer di Ariba, si è occupato di sviluppo aziendale e risorse umane e ha fatto parte del team che ha portato Ariba nel cloud, contribuendo alla sua crescita e a un incremento di circa il 400% del valore delle azioni. Prima di Ariba, Zack ha guidato lo sviluppo di FreeMarkets e ricoperto vari ruoli di consulenza presso Accenture.

 

L’arte delle connessioni

Le soluzioni Lapp, azienda di riferimento nello sviluppo e produzione di soluzioni integrate nella tecnologia di cablaggio e di collegamento, sarà protagonista all’attesissima Hannover Messe 2017. L’evento sarà l’occasione per presentare gli innovativi prodotti del Gruppo Lapp, scoprire di più sui progetti all’avanguardia del suo reparto R&D e approfondire alcuni ambiti di applicazione delle sue soluzioni: dal settore Mobility, fino alla robotica e al Food&Beverage. In particolare, con la linea di cavi precablati ÖLFLEX® CONNECT, Lapp offre la soluzione più adatta per ciascun campo di applicazione con l’assemblaggio di cavi custom, cavi per servomotori o di intere catene portacavi. ÖLFLEX CONNECT, è la manifestazione concreta di un'esperienza e di un know-how senza eguali e di un forte orientamento volto a soddisfare le esigenze dei clienti, con soluzioni personalizzate e altamente performanti.

 

Partnership consolidata nell’imballaggio

Una partnership storica e di successo è quella tra Aventics, punto di riferimento mondiale del business pneumatico, e Fromm Packaging Automation, gruppo svizzero con sede produttiva in Italia, a Caprino Veronese, specializzato nella progettazione e realizzazione di macchine su misura per la reggiatura e filmatura di qualsiasi tipo di prodotto e applicabili a ogni settore industriale dove venga richiesto un imballaggio. La sinergia tra le due aziende si è concretizzata in numerose realizzazioni, tra cui lanciareggia semi-automatici, cioè soluzioni studiate per reggiare, e all’occorrenza anche avvolgere con film, prodotti in linea e fuori linea fino a 20-30 pacchi/ora. Questo tipo di macchina è particolarmente adatto per prodotti voluminosi o irregolari che non riescono a essere imballati facilmente in modo automatico. Compatto e personalizzabile, il lanciareggia è installabile in qualsiasi contesto industriale e prevede la presenza di un operatore per completare il lavoro di imballaggio.

 

 

Soluzioni tecnologiche in open house

GILDEMEISTER Italiana, Centro d’Eccellenza dedicato alla Tornitura di Produzione di Brembate di Sopra (BG), ospiterà dal 16 al 20 maggio 2017 l’Open House DMG MORI Italia. Lo stabilimento del Gruppo DMG MORI accoglierà i clienti mostrando un’ampia vetrina delle tecnologie d’avanguardia e delle innovazioni della gamma DMG MORI di tornitura, fresatura, rettifica e Additive Technologies. Il portafoglio Made in Italy, oltre alle altre macchine high-tech, in esposizione con dimostrazioni in tempo reale oltre alla possibilità di visite guidate dello stabilimento e delle linee produttive. Dalla lavorazione completa Turn&Mill alla tornitura di produzione e universale, dalla fresatura universale orizzontale a quella a 5 assi, fino alla tecnologia LASERTEC Additive Manufacturing, la gamma delle macchine DMG MORI offre un ampio range di soluzioni e pezzi lavorabili, dalla produzione di prototipi fino a quella in serie di differenti materiali. “Quotidiani gli appuntamenti organizzati nell’ambito di questo evento durante i quali DMG MORI mostrerà come sia possibile integrare completamente la macchina in qualsiasi organizzazione aziendale, costatando personalmente le risposte di DMG MORI alla sfida della digitalizzazione. Spiegheremo come sfruttare le nostre applicazioni tecnologiche per una produzione intelligente e come beneficiare delle agevolazioni del Super e Iper ammortamento legato all’acquisto dei beni rientranti nei progetti di Industria 4.0”, spiega l’Ing. Diego Spini, Amministratore Delegato di DMG MORI Italia. Nella cornice dell’evento DMG MORI proporrà inoltre incontri di formazione tecnica gratuita dedicati agli operatori e tecnici del settore.

2016: aumento dei profitti, riduzione del debito

ZF Friedrichshafen AG ha chiuso l'anno fiscale 2016 con un significativo incremento dei profitti e un netto miglioramento del cashflow. Il fatturato del Gruppo è salito del 20,6 % arrivando a 35,2 miliardi di euro. Il margine operativo lordo rettificato è cresciuto di un punto percentuale arrivando al 6,4 %, mentre il free cashflow rettificato ammonta a 2 miliardi di euro. Sulla base di questi solidi risultati finanziari, ZF ha da un lato ridotto le passività derivanti dall'acquisizione di TRW per un importo di 1,6 miliardi di euro e, dall'altro, aumentato gli investimenti in Ricerca e Sviluppo a 2 miliardi di euro. Per il 2017 si prevede un fatturato di circa 36 miliardi di euro e un margine operativo lordo rettificato di oltre il 6 %.

Mercato

Fiere

Comunicazione tecnica per l'industria