Menu
Saturday, 27 Maggio 2017
Comunicazione tecnica
Abbonati alle riviste Publitec su carta

Un team europeo di ricercatori, coordinato dall’Università degli Studi di Parma assieme a una rete di aziende partner, tra cui l’impresa vicentina Ecor Research, sta sviluppando la prima superficie metallica antibatterica e fluidorepellente al mondo, portandoci un passo più vicini alla produzione di elettrodomestici e macchinari per l’industria agroalimentare autopulenti. L’innovazione è nata nell’ambito del progetto TresClean (High throughput laser texturing of self‐cleaning and antibacterial surfaces) promosso nel contesto del programma comunitario Horizon 2020. Il team si è ispirato ai meccanismi con cui alcune piante, quali ad esempio il loto, rendono le proprie foglie non permeabili all’acqua. Le superfici delle foglie hanno suggerito l’idea che si possano creare anche sui metalli delle strutture che, nel ridurre la bagnabilità, individuino nuove funzionalità tra cui, appunto, quella di prevenire l’adesione batterica. L’applicazione di tale concetto a elementi metallici crea una vasta prospettiva di applicazione per tutti quei componenti sensibili alla contaminazione batterica, spaziando dall’utilizzo nell’ambito dell’industria alimentare, alle applicazioni domestiche o biomedicali.

 

Tagged under: Ecor Research

Mercato

Fiere

Comunicazione tecnica per l'industria