In fiera con applicazioni concrete

Alcune importanti novità in casa Yaskawa saranno introdotte a Mecspe, dal 28 al 30 marzo a Parma. A cominciare dall’ultimo “nato” della famiglia MOTOMAN, il MOTOmini con payload di 500 g supportato dal controllo compatto YRC1000micro (220V), fino al nuovo Smart Pendant totalmente touch, al robot collaborativo MOTOMAN HC10 in azione e altre applicazioni in ambito Robotica, Drives Motion & Controls.

L’azienda sarà inoltre affiancata anche da quattro System Integrator d’eccellenza con cui da tempo ha stretto una forte partnership: Autec Automation, Compolab, G. Robotica e Pasmec. Ognuna di queste aziende presenterà una soluzione realizzata utilizzando robot Yaskawa.

Quattro partner per quattro applicazioni

Più nel dettaglio, Autec Automation presenterà un’isola di incollaggio robotizzata che, adottando un metodo innovativo e brevettato a livello europeo, risponde all’esigenza di elevata precisione richiesta nella produzione di borse e portafogli per il settore del lusso.

Compolab proporrà invece una soluzione volta a mostrare come il robot possa abilitare lavorazioni più articolate anche in combinazione con la stampa 3D. In particolare, l’azienda utilizza il robot snello e agile a doppio braccio e 15 assi Motoman SDA10F, dotato di un estrusore per la stampa 3D sul braccio sinistro e di un tool di fresatura sul braccio destro.

G.Robotica porterà in fiera un’applicazione di presa diretta da cassone di pezzi alla rinfusa che prevede che il carico delle macchine operatrici venga fatto utilizzando il robot e una periferica meccanica estremamente rigida. BIN PICKING 3D 4.0 è quindi l’applicazione di G.Robotica pensata per offrire uno strumento in grado di gestire autonomamente la pallettizzazione delle parti orientate in modo casuale per mezzo di un manipolatore antropomorfo.

Infine, Pasmec Automation presenterà il progetto gripper PCSSP, una pinza combinata atta alla movimentazione di sacchi, scatole in cartone ed europallet applicabile sul software Yaskawa Pallett Solver e in grado di movimentare anche due scatole alla volta, rilasciando un’unità e mantenendo sul gripper l’altra.