Il collaudo h24 degli ATM è realtà grazie ai robot

Come superare i test che certifica la conformità dei software degli ATM alle specifiche di affidabilità e sicurezza? E come superarli velocemente? Abrantix, società svizzera specializzata in software per pagamenti, ha deciso di utilizzare il robot YuMi realizzato da ABB per automatizzare il processo e renderlo più sicuro.

Il software Abrantix Test Environment istruisce YuMi per verificare le operazioni più comuni effettuate su un Bancomat da utenti reali, ad esempio inserimento della tessera, digitazione del codice PIN, prelevamento e deposito di contante. Il collaudo è molto accurato, infatti YuMi è programmato per commettere gli errori più frequenti, ad esempio l’inserimento di banconote fissate con una graffetta, per verificare che il software sia in grado di gestire diverse problematiche.

Basta errori umani

YuMi sostituisce il tradizionale sistema di collaudo manuale, che non solo costringeva i collaudatori a passare centinaia di ore davanti a uno Bancomat, ma comportava anche il rischio di errori umani. L’automazione ha inoltre aumentato la velocità del processo di sviluppo software. Durante il giorno, gli sviluppatori possono creare nuove funzionalità che vengono poi testate automaticamente dal robot YuMi durante la notte. I risultati vengono verificati il giorno successivo, cosicché i collaudatori possono dedicare più tempo ad attività a maggior valore aggiunto, mentre il robot svolge funzioni ripetitive 24 ore su 24 in tutta sicurezza.