Menu
Saturday, 16 Dicembre 2017

A+ A A-

È davvero facile programmare e utilizzare un robot

Il nuovo robot e.DO di Comau è stato ospite del Wired Next Fest, il festival dell’innovazione tenutosi a Milano, dal 26 al 28 maggio, presso i Giardini Indro Montanelli di Corso Venezia 55, nell’ambito di un progetto organizzato insieme al laboratorio di fabbricazione digitale TheFabLab. L’innovativo robot modulare e open-source e.DO, sviluppato da Comau con la collaborazione tecnica di Altran, aiuterà infatti i visitatori a scoprire le potenzialità della robotica, grazie a un workshop gratuito curato dal presidente di TheFabLab, Massimo Temporelli, in programma nei tre giorni di festival, dalle ore 16 alle 17. Obiettivo dell’iniziativa è quello di spiegare al pubblico come possa essere intuitivo imparare a programmare e utilizzare un robot. Riflettendo, al tempo stesso, su come esseri umani e macchine robotizzate potranno lavorare insieme, in un contesto - non solo industriale - in profonda trasformazione. Il laboratorio di TheFabLab parte con l’illustrazione dell’evoluzione della robotica - dalla fantascienza alla realtà di Industry 4.0 - per presentare concretamente quali sono le tecnologie che costituiscono un robot antropomorfo a sei assi. Durante il workshop, TheFabLab dimostrerà come personalizzare e auto-produrre, tramite la stampa 3D, gli utensili di lavoro di un robot, come gripper, pinze o specifici tools. In conclusione, proprio grazie a e.DO, si è insegnato come pilotare un robot, tramite l’impiego di un software Comau. Il laboratorio è terminato con una sfida di gruppo: tutti i partecipanti hanno dovuto trovare il modo migliore per far muovere e.DO nello spazio, consentendogli di spostarsi con facilità tra alcuni ostacoli e di prelevare e posizionare degli oggetti in punti predefiniti.

Leggi tutto...

Piattaforma mobile a guida automatica e flessibile

Comau presenta l’innovativa piattaforma AGV (Automated Guided Vehicle), estremamente flessibile e ideale per essere impiegata in diversi ambienti industriali, nelle aree di produzione ma anche al di fuori di esse. Agile1500 è il primo veicolo a guida automatica sviluppato all’interno della nuova piattaforma AGV di Comau, piena espressione del suo approccio alla progettazione di soluzioni di automazione aperta. Modulare, scalabile e completamente ri-configurabile, Agile1500 può trasportare carichi fino a 1.500 kg, con una velocità massima di 1,7 m/s. Grazie a queste caratteristiche, il nuovo AGV può facilitare in modo significativo l’operatività di fabbrica, rispondendo alla domanda di una produzione industriale sempre più just-in-time e just-in-sequence e assicurando numerosi vantaggi: può ottimizzare i flussi logistici all’interno degli stabilimenti, consentire una migliore gestione del magazzino e garantire, in generale, una più elevata efficienza produttiva. Agile1500 contribuisce ad aumentare le condizioni di sicurezza complessiva all’interno della fabbrica, attraverso funzioni di controllo avanzate e alla presenza di uno scanner laser integrato che può arrestare l’AGV nel caso in cui rilevi un ostacolo sul proprio percorso. Agile1500 è un prodotto standard, ma altamente configurabile, che può essere dotato di differenti accessori per aumentarne le prestazioni, adeguandolo così alle specifiche richieste di ogni applicazione industriale. Per questo motivo AGV è un sistema versatile, capace di soddisfare differenti esigenze produttive e di adattarsi a qualunque layout di fabbrica.

Leggi tutto...

Aperte le iscrizioni alla 5a edizione dell’Accademy

È giunta alla quinta edizione la “Project & People Management School” di Comau, di cui aprono oggi le iscrizioni per i corsi del 2017. La summer school si terrà nelle sedi della Comau Academy di Torino (12 giugno - 23 giugno), Detroit (24 luglio – 4 agosto) e Shanghai (21 agosto – 1° settembre). Possono presentare domanda di ammissione gli studenti universitari che frequentano gli ultimi 2 anni dei corsi di Laurea in Ingegneria, in Economia e nelle discipline umanistiche. La P&PM School è un percorso di studi intensivo, di 10 giorni, che, nelle 10 precedenti sessioni finora svolte, ha coinvolto oltre 250 studenti provenienti dalle migliori Università di tutto il mondo. Un’attività di alta formazione che Comau realizza grazie al supporto di un network di partner internazionali, come il Politecnico di Torino, l’Università Cattolica di Milano, la Tongji University di Shanghai, la Finsaa (Associazione per il Finanziamento degli Studi in Amministrazione Aziendale) e la SAA – School of Management di Torino. Il percorso di formazione, totalmente in lingua inglese, permette agli studenti di partecipare a una stimolante esperienza di studio e di lavoro, condotta direttamente sul campo, in una realtà aziendale multiculturale, lavorando a stretto contatto con un team di professionisti. Attraverso l’attività della sua Academy, Comau mette a disposizione, anche al di fuori del proprio contesto aziendale, l’esperienza che deriva da oltre 40 anni di presenza globale nel settore industriale e dà un orientamento fortemente votato all’innovazione, sia in ambito tecnico che manageriale. Le lezioni della P&PM School si sviluppano in due macro aree tematiche: Project Management e People Management. La prima è focalizzata sull’apprendimento delle principali metodologie e gli strumenti necessari per gestire efficacemente un progetto in ambito aziendale. La seconda riguarda la comprensione e l’utilizzo di metodi e di best practices utili per guidare le persone, attraverso un lavoro di team, verso risultati di business efficaci. Le domande di iscrizione vanno presentate attraverso l’apposito modello disponibile all’indirizzo http://ppmform.comau.com/

Leggi tutto...

Nuova tecnologia laser per applicazioni industriali

Ieri è stata presentata presso gli stabilimenti Comau di Grugliasco (TO) LHYTE, la nuova tecnologia laser per applicazioni industriali sviluppata da Comau in collaborazione con Prima Electro. Destinata sia al comparto Automotive che alla General Industry, LHYTE è un innovativo sistema modulare che permette agli end user di scegliere tra l’impiego di una sorgente laser in fibra, a diodo o ibrida, rispondendo così a necessità di impiego industriale sempre più variegate e flessibili. Ad aprire l’evento Tobias Daniel, Responsabile del Sales and Marketing di Comau Robotics and Automation Products, che ha introdotto la nuova tecnologia LHYTE attraverso un video di presentazione. I vantaggi tecnici e applicativi di soluzione laser per l’industria sono stati quindi illustrati da Maurizio Cremonini, Responsabile del Marketing Comau e da Giovanni Di Stefano, Head of Materials & Process Technologies Comau, insieme a Maurizio Gattiglio, Executive Vice President Divisione Laser di Prima Electro, parte del gruppo Prima Industrie. Una spiegazione generale delle soluzioni laser e delle nuove tecnologie sviluppate da Comau è stata affidata all’intervento dell’esperto di tecnologia laser Ulrich Thombansen, dell’Istituto Fraunhofer ILT di Aachen. Tobias Daniel ha chiuso quindi l’evento con una demo tecnica che ha mostrato al pubblico le principali caratteristiche e le modalità di utilizzo della nuova tecnologia laser. LHYTE è una soluzione brevettata da Comau, capace di unire attraverso una struttura modulare e flessibile, le potenzialità di una sorgente laser diretta a quelle di un laser in fibra. È adattabile a qualunque applicazione industriale, andando così a rispondere alle esigenze produttive di un mercato in continuo cambiamento, dove costruttori primari e integratori di sistemi sono alla costante ricerca di tecnologie versatili ad alte prestazioni.

Leggi tutto...

Un accordo internazionale di cooperazione

Engineering Ingegneria Informatica Spa e Comau Spa hanno sottoscritto un accordo di cooperazione, a livello globale, unendo le forze per proseguire congiuntamente lo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni per la manutenzione predittiva basate su hardware e software modulari finalizzati all’acquisizione e analisi di dati di campo (Internet of Things, Big Data Analytics). Tali soluzioni sono rivolte all’industria manifatturiera e in particolare alle aziende operanti nei settori automotive, industrial manufacturing, food and beverage, pharma, white goods secondo il paradigma dell’Industria 4.0. Da un punto di vista tecnico, le soluzioni in sviluppo dalle due società partner hanno l’obiettivo di prevedere il potenziale verificarsi di malfunzionamenti o fermi delle macchine e intercettare i trend negativi nella qualità del processo di produzione (predictive maintenance system). In questo modo i processi manutentivi e produttivi all’interno degli stabilimenti diventano più rapidi ed efficaci, a tutto vantaggio della competitività delle aziende sui mercati globali. Negli ultimi anni si è assistito a un costante incremento di tecnologie (IoT, robot collaborativi, data analytics) e paradigmi (Industria 4.0) capaci di raggiungere e rendere sostenibili i sempre maggiori livelli di efficienza, qualità, produttività e time-to-market richiesti dal mercato all’industria manifatturiera. Per far fronte a queste sfide e, più in generale, alla profonda trasformazione in atto nei processi produttivi, Comau ed Engineering mettono a disposizione delle aziende più innovative le rispettive competenze ed esperienze in settori diversi ma complementari, come quelli dell’Industrial Automation (Comau) e dell’Information and Communication Technology (Engineering).

Leggi tutto...

Una cella demo per l’etichettatura e occhiellatura

Durante l’edizione 2016 di Cibus Tec, in programma a Parma dal 25 al 28 ottobre, Comau presenta una cella demo per l’etichettatura e occhiellatura di confezioni di pasta integrata da Delta Automation. Protagonista della demo è Racer3 il quale, tramite una particolare pinza, preleva l’etichetta e la deposita sulla confezione sfruttando un sofisticato sistema di visione che rileva la posizione 3D del bordo della confezione garantendo il perfetto posizionamento dell’etichetta. Questo sistema consente di ottenere una ribattuta degli occhielli con elevata precisione e uniformità. La macchina che esegue la ribattuta dell’occhiello è gestita tramite un asse elettronico facilmente regolabile e l’alta flessibilità consente di produrre una vasta gamma di formati, con cambi di produzione rapidi.

Leggi tutto...

I robot protagonisti dell’Industry 4.0

Ieri, presso la Sala delle Colonne del Museo della Scienza e della Tecnica a Milano, è stato presentato il Piano Nazionale Industria 4.0. In rappresentanza del settore dell’automazione industriale e della robotica è intervenuta la società Comau. “Comau è orgogliosa di essere stata scelta con i propri robot per partecipare a un appuntamento tanto importante per la realtà industriale italiana”, ha dichiarato Mauro Fenzi, Amministratore Delegato di Comau. “La nostra presenza qui, oggi, conferma il ruolo di protagonista che Comau ha e intende ulteriormente sviluppare per l’automazione in Italia e nel mondo. Il pensiero che guida Comau, forte di oltre 40 anni di esperienza nel settore, è l’impegno a rendere l’automazione industriale sempre più aperta e facile da usare, per rispondere alle nuove esigenze del mondo produttivo, più rapido, flessibile e customizzato”. Per l’occasione, la Sala delle Colonne è stata allestita con la famiglia di robot industriali Comau. Tra questi, era in funzione uno dei robot collaborativi AURA. Comau, società del Gruppo FCA, è un nome di riferimento a livello mondiale nel settore dell’automazione industriale e della robotica.

Leggi tutto...

Aperte le iscrizioni alla sesta edizione del Master

Dopo il successo ottenuto dal 2012 ad oggi, con le prime cinque edizioni, si avvicina il nuovo biennio del Master di II livello in Industrial Automation, che avrà inizio a gennaio 2017. Le selezioni per la sesta edizione del Master, finanziato dalla Regione Piemonte e organizzato dal Politecnico di Torino in collaborazione con Comau, sono aperte infatti dal primo settembre fino all’11 novembre 2016. Oltre 90 giovani ingegneri che hanno finora frequentato il Master sono entrati a far parte di Comau, che mette al centro di ogni sua strategia le persone e le loro competenze. Il Master in Industrial Automation è un percorso di formazione e, al contempo, una concreta esperienza di lavoro, che punta ad attrarre e selezionare i migliori laureati in Ingegneria, provenienti da Università italiane ed estere. I partecipanti hanno così l’occasione di studiare e specializzarsi nel campo dell’Automazione Industriale, venendo contemporaneamente assunti da Comau fin dal primo giorno, attraverso un contratto di Alto apprendistato. Il percorso formativo, completamente in lingua inglese, prevede nel primo anno 540 ore di lezione e, nel secondo anno, 660 ore dedicate a un project work in azienda. I corsi vengono tenuti dai migliori manager Comau e docenti del Politecnico di Torino. Il Master non prevede costi a carico degli studenti selezionati. Lo stretto legame tra didattica di eccellenza e realtà industriale è la scelta vincente.

Leggi tutto...

Due nuovi robot di piccola taglia

Comau presenta l’estensione della famiglia di robot di piccole dimensioni per applicazioni veloci in spazi ristretti, quali manipolazione, assemblaggio, pick&place, con l’introduzione di due nuovi robot, Racer5-0.63 e Racer5-0.80. Entrambi controllati da R1C, il controllo rack da 19” che può essere integrato in un unico cabinet per controllare un’intera linea, i robot sono disponibili anche nella versione openROBOTICS grazie alla quale il robot è direttamente integrato nella macchina/linea di automazione esistente, controllato da tecnologia B&R. Comau, così facendo, mantiene la promessa fatta lo scorso giugno con il lancio di Racer3, quando ha annunciato una presenza competitiva nel settore delle piccole macchine entro l’anno. Entrambi i robot sono costruiti sulla piattaforma tecnologica Racer3, offrendo così soluzioni che condividono gli stessi componenti e parti di ricambio, in una strategia volta ad ampliare una gamma robot concretamente integrata. In dettaglio, i due nuovi robot estendono la capacità di Racer3 in termini di payload e reach. Racer5-0.63 offre un reach di 630 mm e un payload di 5 kg. Racer5-0.80 ha a sua volta un payload di 5 kg, ma ha un reach esteso a 809 mm. Tutte le altre caratteristiche di Racer3 si ritrovano in queste due nuove macchine, inclusi i settori e le applicazioni per le quali sono adatte: handling, assemblaggio, pick&place.

Leggi tutto...

Si riparte con le edizioni di Detroit e Shanghai

Dopo l’edizione di San Paolo, la Project & People Management School organizzata da Comau riapre i battenti del quarto anno di corsi, con gli appuntamenti di Detroit (25 luglio - 5 agosto) e Shanghai (22 agosto - 2 settembre). La formula di successo, ormai sperimentata in 8 precedenti edizioni, frequentate da oltre 200 studenti provenienti da tutto il mondo, si arricchisce di alcune importanti novità, che rafforzano il valore di una delle iniziative di formazione di maggior successo della Comau Academy. Sono 55, con un’età compresa tra 22 e 25 anni, i giovani studenti coinvolti nelle due edizioni estive della P&PM School 2016: 33 diretti a Detroit, mentre 22 faranno rotta su Shanghai. Gli studenti iscritti alla P&PM School di Detroit e Shanghai quest’anno hanno avuto la possibilità di accedere a nove borse di studio. Sempre in tema di novità, dal 2016 è prevista una partnership con la SAA – School of Management di Torino, che va così ad ampliare il network che supporta la P&PM School, già costituito dal Politecnico di Torino, dall’Università Cattolica di Milano, dalla Technische Universität di Monaco di Baviera, dalla Tongji University di Shanghai, da HRC (HR Community) e CSR Innovators. Il corso, tenuto interamente in lingua inglese, permette ai partecipanti di entrare a far parte di un team multiculturale e di vivere un’esperienza di studio e di lavoro all’interno di una realtà industriale tra le più innovative e stimolanti, come Comau. Dopo i corsi dell’estate 2016, la Project & People Management School ripartirà alla fine di gennaio 2017 con l’edizione di San Paolo, in Brasile, a cui seguiranno, tra giugno e settembre, i corsi di Torino, Detroit e Shanghai.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria