Menu
Monday, 15 Ottobre 2018

A+ A A-

Rinnovata la collaborazione per un altro triennio

Mario Corsi, Amministratore Delegato di ABB Italia, e Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, hanno siglato il rinnovo della Convenzione tra ABB e Polimi fino al 2020 rafforzando per un ulteriore triennio il loro legame.
Si tratta di un sodalizio di lunga data che, con questo rinnovo, si evolve ora verso una collaborazione a 360° rivolta a tutti i Dipartimenti del Polimi e finalizzata allo sviluppo di nuove tecnologie, soprattutto digitali, nei settori dell’energia e dell’automazione. Queste attività si contraddistinguono per avere un contenuto multidisciplinare e in funzione di ciò, tramite il Joint Research Center, ABB collaborerà con diversi gruppi di ricerca del Politecnico, dotati di competenze approfondite in settori come metrologia, automazione, robotica, statistica, intelligenza artificiale e sistemi elettrici per l'energia.
“Per un Gruppo come il nostro cooperare con un’importante istituzione universitaria come il Polimi è di fondamentale importanza e rappresenta un investimento imprescindibile che contribuisce ad aumentare la nostra competitività”, ha dichiarato Mario Corsi, Amministratore Delegato di ABB Italia. “Il periodo di lungo termine lungo il quale si articola la collaborazione costituisce uno dei suoi punti di forza. Consente infatti anche lo sviluppo di progetti a carattere internazionale che supportiamo con il network dei nostri centri di ricerca presenti nel mondo. Aprire le porte della nostra organizzazione agli studenti del Polimi è per noi uno stimolo a interpretare il nostro ruolo in Italia nello sviluppo di nuove risorse di valore al servizio delle imprese Italiane”.

Leggi tutto...

Un robot industriale a un braccio

ABB presenta in anteprima all’International Robotics Exhibition (iREX) 2017 di Tokio il nuovo robot collaborativo a un braccio. Come indica la definizione stessa, i robot collaborativi sono progettati per lavorare fianco a fianco con gli esseri umani, aumentando la produttività e favorendo la transizione alla personalizzazione di massa. Il nuovo robot verrà lanciato ufficialmente nel 2018. Come il predecessore YuMi, introdotto nel 2015 per l’assemblaggio e la manipolazione di piccoli pezzi, il nuovo robot ha una portata di 500 grammi e, grazie alla sua compattezza, può essere facilmente integrato in linee di montaggio esistenti, aumentandone la produttività. Il nuovo robot può essere programmato con la metodologia “lead-through”, cioè mostrandogli direttamente i movimenti che deve compiere, senza quindi richiedere competenze specifiche da parte degli operatori. “Il successo di YuMi è andato oltre le aspettative. Originariamente è stato progettato per l’assemblaggio di piccoli pezzi, ma si è dimostrato incredibilmente versatile: può preparare il sushi, risolvere il cubo di Rubik, impacchettare regali e dirigere un’orchestra. Sull’onda di questo enorme successo ci aspettiamo un’accoglienza altrettanto entusiastica per il nuovo modello a un braccio, soprattutto perché è stato sviluppato su richiesta dei clienti”, ha dichiarato Sami Atiya, Presidente della divisione Robotics and Motion di ABB. “Stiamo ampliando costantemente la nostra famiglia di robot collaborativi,” dice Per Vegard Nerseth, Managing Director, ABB Robotics. “L’ultimo modello è molto atteso dalla fabbrica del futuro, che consentirà ai nostri clienti di crescere e prosperare nell’era della personalizzazione di massa. Grazie alla combinazione di questo robot con le nostre soluzioni digitali ABB Ability™, i nostri clienti potranno raggiungere nuovi livelli di efficienza e affidabilità nelle loro fabbriche”.

Leggi tutto...

Un importante riconoscimento

ABB è stata nominata da Frost & Sullivan “Azienda dell’Anno 2017” per lo spirito pionieristico della sua offerta integrata di sistemi di controllo distribuito (DCS) e del suo impatto sulla performance dei clienti. Il premio riconosce la leadership digitale di ABB, non solo rispetto ad altri fornitori di sistemi e servizi per l’automazione industriale, ma anche rispetto ad aziende comparabili non operanti nel settore. Il premio evidenzia la capacità di ABB di soddisfare le esigenze dei clienti di una migliore performance in condizioni di mercato particolarmente difficili, in un momento in cui gli asset produttivi dell’industria di processo e dell’energia non sono mai stati così diversificati o complessi. Frost & Sullivan dichiara che la penetrazione e l’espansione di ABB nei mercati emergenti ha permesso all’azienda di dominare il mercato DCS con una quota di mercato pari al 20,5% nel 2016. Fa notare che i due maggiori concorrenti di ABB detengono quote di mercato rispettivamente del 15,2% e del 14,5%. “ABB ha guidato in maniera eccelsa il mercato DCS nel segmento degli utenti finali del settore energetico”, continua Frost & Sullivan. “La sua competenza nello sviluppo di soluzioni innovative in grado di soddisfare le esigenze dei settori con elevato fabbisogno energetico, come l’oil and gas, le utility e l’industria mineraria, ha rafforzato la sua quota di mercato globale, per altro già importante. ABB vanta il portafoglio DCS più ampio e completo nel mercato dell’automazione industriale. L’azienda offre ABB Ability System 800xA, ABB Ability Symphony Plus, Freelance e una serie di prodotti complementari volti a offrire una piattaforma di controllo dedicata per le esigenze specifiche del cliente”.

Leggi tutto...

Robot SCARA veloce, economico e preciso

abbABB presenta la nuova famiglia di robot SCARA (Selective Compliance Articulated Robot Arm), denominata IRB 910SC. I nuovi robot ABB hanno una portata massima di 6 kg e vengono proposti in tre configurazioni: IRB 910SC – 3/0,45m, IRB 910SC – 3/0,55m e IRB 910SC – 3/0,65m. Tutti i modelli hanno una concezione modulare, con bracci di diversa lunghezza e un raggio d'azione (sbraccio) rispettivamente di 450, 550 e 650 mm. “Nel progettare IRB 910SC abbiamo puntato su velocità e precisione”, afferma Phil Crowther, ABB Product Manager Small Robots. “Pur essendo compatti, i nostri robot IRB 910SC offrono lo stesso livello di prestazioni e gli stessi principi progettuali degli altri robot ABB di piccola taglia, dal controllo avanzato del percorso alla massima precisione in un ingombro ridotto”. La famiglia SCARA di ABB è destinata a svariate applicazioni generiche dove sono richiesti movimenti punto-punto veloci, ripetibili e articolati, ad esempio pallettizzazione, carico/scarico e assemblaggio. La famiglia SCARA è ideale per clienti con esigenze di tempi di ciclo rapidi, alta precisione e affidabilità per l’assemblaggio di piccole parti, oltre a essere particolarmente indicata per automazione di laboratorio e dosaggio di farmaci da ricetta. “I diversi sbracci di 450 mm, 550 mm e 650 mm consentono ai clienti di scegliere l’opzione più adatta alle loro esigenze”, sottolinea Crowther. Ogni modello SCARA permette una semplice installazione su banco e ha una protezione IP54 che ne garantisce la tenuta a polvere e liquidi.  

Leggi tutto...

Importante commessa per la fornitura di robot

Le tecnologie flessibili e intelligenti di ABB aiuteranno Valmet Automotive a ridurre i costi di investimento, ad aumentare la produttività e a rispondere prontamente alle richieste del mercato. ABB fornirà a Valmet Automotive oltre 250 robot destinati alla fabbrica di SUV Mercedes-Benz GLC di Uusikaupunki, in Finlandia. La produzione dei modelli GLC comincerà all'inizio del 2017. Si tratta del più grande ordine di robot industriali mai sottoscritto in Finlandia. Valmet Automotive raddoppierà così il proprio parco di robot ABB, superando quota 500. Il nuovo impianto produttivo annunciato di recente è un progetto “greenfield” costituito da linee di assemblaggio vettura e da celle per l’assemblaggio sottogruppi. I nuovi robot aumenteranno la flessibilità produttiva dell’azienda finlandese fornitrice dell’industria automobilistica, consentendole di potenziare la propria attività aumentando la produttività e accorciando i tempi di ciclo. “Grazie alle tecnologie di ABB per una produzione flessibile e intelligente, Valmet Automotive potrà ridurre i costi di investimento, aumentare la produttività e rispondere prontamente alle richieste del mercato”, ha dichiarato Pekka Tiitinen, presidente della divisione Discrete Automation and Motion di ABB. “L’incremento della produttività industriale è uno dei fattori di crescita più rilevanti nella strategia Next Level di ABB”. Le soluzioni ABB della robotica garantiscono a clienti come Valmet Automotive livelli di efficienza superiori nei processi manifatturieri, consentendo loro di fabbricare auto con saldature di qualità elevata, tolleranze più strette e un’ingegneria complessivamente più curata. L’ordine riguarda la famiglia di robot IRB 6700, lanciata nel 2013, che vanta maggiore robustezza e un’efficienza energetica superiore del 15% rispetto ai modelli precedenti.  

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria