Menu
Sunday, 23 Settembre 2018

A+ A A-

Attualità (71)

Laser 3D e strutture in acciaio

Si è tenuto lo scorso 15 marzo a Brescia il Convegno “L’utilizzo della tecnologia laser 3D nella progettazione e realizzazione di strutture in acciaio” nel quale si è voluto far comprendere ai partecipanti il processo che coinvolge gli attori coinvolti: la progettazione, la software house, il centro di trasformazione che adottano tale tecnologia. La consapevolezza delle qualità e delle potenzialità che offre il taglio laser fa si che si possa optare in sede progettuale per determinati profili e adottare soluzioni spaziali complesse, così come illustrato per la stazione della funivia del Monte Bianco, case history discusso per la circostanza, dove il concept architettonico ha trovato la sua materializzazione attraverso l’ingegnerizzazione della struttura e la possibilità di trasportare, grazie al linguaggio informatico, le istruzioni del progettista direttamente al centro di servizio e quindi alle apparecchiature laser per il conseguente taglio e dimensionamento.

3D laser and steel structures
The conference about “The use of 3D laser technology in the design and manufacturing of steel structures” was held last 15th March in Brescia. The aim of the event was to describe the whole process to the participants, starting from the design, the software house and the processing centre that use this technology. The knowledge of both qualities and potential of laser cutting allows to choose given profiles and to adopt complex solutions about the space during the design phase, as shown in the case of the Monte Bianco funicular station. Indeed, this case history was discussed at the conference: here the architectural concept was followed by a good manufacturing made possible by the engineering of the structure and by the possibility, due to the computer language, to transfer the designer’s instructions straight to the service centre and, as a consequence, to the laser machinery, in order to perform the operations of cutting and sizing.
Maggio-Giugno 2013
Leggi tutto...

Musica in officina

Un anno dopo la scomparsa di Giuseppe Giana, fondatore della Giuseppe Giana spa, Costruzione Macchine Utensili, è stato organizzato lo scorso 19 aprile presso lo stabilimento dell’azienda di Magnago in provincia di Milano un concerto in sua memoria. Il lavoro e la passione per la musica sono stati una cosa sola, come Giuseppe Giana avrebbe voluto. Così, un anno dopo la sua scomparsa, i familiari e i collaboratori ha voluto ricordarlo con questo evento particolare che tutti si augurano possa diventare un appuntamento annuale fisso. Levento prevedeva un concerto con la banda Santa Cecilia di Magnago, accompagnati dal pianoforte del maestro Sergio Cortese e dalla fanfara dei bersaglieri di Lonate Pozzolo. Già, perché prima ancora di essere un imprenditore capace e vincente era, e sarà per sempre, un bersagliere.

Music in the factory
A concert has been organized last 19th April at Giuseppe Giana Spa factory in Magnago, in the province of Milano. The event was dedicated to Giuseppe Giana, founder of the company, who passed away one year ago. Besides his job, Mr Giana was very much into music. Indeed, one year after his death, both his relatives and employees organized this event to the memory of the founder itself, with the aim to host the same event once a year. At the factory’s concert the music was played by a group named Santa Cecilia from Magnago, accompanied by the piano master Sergio Cortese and by the so-called “fanfara dei bersaglieri” from Lonate Pozzolo. Indeed, even before being a successful and skilled entrepreneur, Mr Giana was, and always will be, a “bersagliere”.
Maggio-Giugno 2013
Leggi tutto...

Investire su rotaie resistenti all’usura sempre più lunghe

Tata Steel ha annunciato che investirà oltre 12 milioni di euro in una nuova tecnologia che le permetterà di produrre rotaie resistenti all’usura più lunghe nella sua acciaieria francese. Grazie alla nuova tecnologia, l’azienda potrà trattare termicamente rotaie lunghe fino a 108 m nel suo stabilimento di Hayange, situato nella regione della Lorena nel nordest della Francia. Le rotaie trattate termicamente possono durare fino a tre volte di più di quelle standard quando sono usate in condizioni di forte usura, come nel caso di traffico pesante, elevati carichi sugli assali o curve strette. Il nuovo impianto di trattamento termico si aggiungerà a una linea di trattamento termico esistente nello stabilimento di Hayange, che può produrre rotaie aventi una lunghezza massima di 36 m. Il nuovo impianto, che dovrebbe essere completato entro l’autunno del 2013, raddoppierà la produzione annua di rotaie trattate termicamente da 55.000 a 120.000 t. Le rotaie trattate termicamente di Tata Steel sono realizzate utilizzando un processo brevettato unico che ne assicura l’eccezionale resistenza all’usura. La rotaia si sposta attraverso un forno a induzione che impiega un campo elettromagnetico per riscaldare l’acciaio a 950°C. La rotaia è quindi raffreddata rapidamente mediante aria compressa. I bassi stress residui risultanti offrono un’ulteriore protezione contro il rischio di rottura della rotaia rispetto ad altri processi di trattamento termico in linea.

Making investments for longer and wear-resistant rails
Tata Steel has announced that the company will invest 12 million euro in a new technology which will enable the company itself to manufacture longer and wear-resistant rails in its French steel plant. Thanks to this new technology, the company will be able to thermally treat rails with a length up to 108 m in its factory located in Hayange, in the region of Lorraine, Northwest France. Thermally treated rails last up to three times more compared to the standard ones, when used under wear conditions, as in the case of heavy traffic, high loads on the axles or sharp bends. The new thermal treatment plant will join a thermal treatment line already installed in Hayange factory. It is capable to produce rails with 36 m maximum length. The new plant, which is supposed to be finished by the autumn of 2013, will allow to double the production amount per year of thermally treated rails, from 55.000 to 120.000 tons. Tata Steel thermally treated rails are manufactured with a unique patented process ensuring very high wear resistance. The rail moves through an induction furnace using an electromagnetic field to heat the steel with a temperature of 950°C. The rail is then quickly cooled through the use of compressed air. The low residual stresses ensure further protection against the risk of rail breaking compared to other in-line thermal treatment processes.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

Il Piemonte sarà il protagonista al salone della subfornitura

La 42a edizione di Midest, salone specializzato nella subfornitura industriale, si svolgerà dal 6 al 9 novembre in Francia presso il quartiere fieristico di Paris Nord Villepinte. Sulla scia di un’eccellente edizione 2011, la percentuale di iscrizioni è identica a quella dello stesso periodo dell’anno scorso, con l’85% della superficie totale prenotata. Quest’anno la manifestazione parigina riveste un ruolo molto particolare per il nostro Paese, in quanto per la prima volta punta i riflettori su una regione, il Piemonte, celebrando l’Italia nella sua totalità. Costituisce un giusto riconoscimento per questo attore di primo piano della subfornitura italiana ed europea. La regione infatti in tre anni ha accentuato la propria presenza in fiera, una performance che dovrebbe essere ampiamente superata quest’anno sotto l’egida delle Camere di Commercio di Torino, Novara, Vercelli, e del Centro Estero per l’Internazionalizzazione. Il Piemonte beneficerà così di un padiglione specifico, organizzato in due grandi settori: una prima parte istituzionale che presenta l’industria e la subfornitura regionali attraverso istituzioni, associazioni, centri tecnici, stampa e via dicendo, e una seconda parte composta da stand che riuniscono subfornitori e industriali della regione. Inoltre, è in programma una serie di conferenze che raggruppa grandi attori piemontesi. (Photo credits: Michel Leclercq)

Spotlight on Piedmont at the subcontracting fair
The 42nd edition of Midest, a trade fair specialized in industrial subcontracting, will take place from 6th to 9th November at the Paris Nord Villepinte Exhibition Centre. Following the excellent 2011 edition, the number of registered exhibitors hasn’t decreased, compared to the same period last year, with 85% of the overall exhibition area already booked. This year’s edition of Midest is very important for our country, as for the first time the spotlights are focused on an Italian region, Piedmont, also celebrating Italy as a whole. It is a deserved award for a very relevant area for the Italian and European subcontracting industry. As a matter of fact, in the last three years the region has increased its presence at the fair. About this year’s edition, the target is to improve this performance, under the aegis of Torino, Novara and Vercelli Chambers of Commerce and the Agency for Investments, Export and Tourism (CEI Piemonte). The region will have the benefit of a dedicated pavilion, divided in two large sections. One is given over to institutions presenting the industry and subcontracting of the region, thanks to the presence of institutions, associations, technical centres, press operators and so on. The other section consists of stands of individual subcontractors and manufacturers of the region. Finally, a series of conferences with important players from Piedmont is scheduled at Midest 2012.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

Il salone dell’alluminio cambia location

Una nuova location, nuovi padiglioni tematici e una forte crescita in termini di superficie espositiva: Aluminium, il salone mondiale dell’alluminio, apre i battenti dal 9 all’11 ottobre presso il quartiere fieristico di Düsseldorf. Il cambio della location dalla Ruhr al Reno aveva dato già a quattro mesi dallo svolgimento della manifestazione un forte imprinting, con una netta crescita in tutti i comparti rispetto l’edizione 2010 svoltasi a Essen.
Ben 750 espositori provenienti da oltre quaranta Paesi avavano già confermato il proprio stand. Attualmente si è registrato un incremento dell’area espositiva di oltre il 20%, con una superficie di 75.000 m2. Nel quartiere fieristico di Düsseldorf, Aluminium 2012 può approfittare appieno dell’opportunità di migliorare il lay-out dei segmenti merceologici. La fiera è orientata secondo il ciclo di produzione: dalla produzione primaria e le tecnologie correlate attraverso il trattamento, le tecniche fusorie, il trattamento termico nonché il recycling per arrivare ai prodotti semilavorati e al trattamento delle superfici, senza dimenticare i segmenti del trattamento, la saldatura e l’assemblaggio dei metalli. L’ottimale sfruttamento di Aluminium 2012 si riflette anche nell’occupazione dei cinque padiglioni tematici e dei sei padiglioni di diverse nazioni. Il padiglione cinese rappresenta la collettiva più importante, seguito da quello danese, olandese, francese e scandinavo.

The aluminium trade fair changes its location
A new location, new theme-based exhibition areas and a strong growth in terms of exhibition space. Aluminium, the world trade fair specific for the aluminium industry, will be held from 9th to 11th October at the Düsseldorf fair area. The change of location from Ruhr to Rhine has already given a strong impulse to the event, with an evident growth in all the industrial fields compared to the last edition, held in Essen in 2010. The number of exhibitors who have already booked their stand is 750, coming from 40 countries. The current increase in terms of exhibition space is 20%, with a total amount of 75.000 m2. At the Düsseldorf fair area, Aluminium 2012 has the opportunity to improve the lay-out of the various product fields. As a matter of fact, the fair is organized according to the production cycle: from primary production and related technologies through treatment and fusion techniques, thermal treatment and recycling, up to semi-processed products and surface treatment, but also the fields of metal treatment, welding and assembly. Another proof of the accurate organization of Aluminium 2012 is the utilization of all the five theme-based pavilions and the six pavilions addressed to different countries. The Chinese one is the most crowded, followed by the Danish, Dutch, French and Scandinavian ones.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

Il mercato dell’Inox prosegue nel suo trend di crescita

Puntano a vedere il bicchiere mezzo pieno gli operatori del mercato italiano degli acciai inossidabili, intervenuti nel corso della quinta edizione dello Stainless Steel Market Outlook di Siderweb. Il convegno moderato dal direttore di Siderweb Stefano Ferrari ha visto gli interventi di Achille Fornasini (Siderweb), Gianfranco Tosini (Siderweb), Fausto Capelli (Centro Inox), Markus Moll (SMR) Luis C. Carmo (gruppo Cipa), Egidio Bini (Marcega-glia) e Vincenzo Mazzola (Schmolz + Bicken-bach). L’incontro ha realizzato una fotografia puntuale del mercato italiano e internazionale dell’inox, dove l’Italia si pone al primo posto europeo e al quinto posto globale per volumi di produzione (5% del mercato mondiale) degli acciai inossidabili. Posizione mantenuta anche nell’odierna fase di mercato. Se i volumi hanno sostanzialmente mantenuto i livelli visti nel 2010-2011, lo stesso non si può dire per le quotazioni, come rimarcato dallo stesso Fornasini, che ha descritto come “appiattiti verso il basso” i prezzi, che attraversano una fase calante. Il mercato italiano è quindi in tenuta ma resta a livelli inferiori del 12% rispetto al livello record del 2006. Un dato che rende evidente come il livello di utilizzo degli impianti “rimanga a livello mondiale al 65% della capacità produttiva, a cui si aggiunge il problema della compressione dei margini”. Secondo Markus Moll il futuro dovrebbe rivelare due scenari invece, che vedono l’Euro-pa crescere del 5% oppure ridurre di altrettanti punti percentuali il proprio livello di consumi nel corso del prossimo anno.

Stainless steel market continues its growing trend
The operators of the stainless steel Italian market, who took part to Stainless Steel Market Outlook by Siderweb, still aim to consider the glass as half full. Among the speakers of the conference, whose moderator was Siderweb editor Stefano Ferrari, were Achille Fornasini (Siderweb), Gianfranco Tosini (Siderweb), Fausto Capelli (Centro Inox), Markus Moll (SMR), Luis C. Carmo (Cipa Group), Egidio Bini (Marcegaglia) and Vincenzo Mazzola (Schmolz + Birchenbach). The meeting gave a precise image of both the Italian and the international stainless steel markets. In the latter, Italy is the first European country and the fifth global actor in terms of stainless steel production share (5% of the global market). This position in the chart has been kept also in the current market analysis. The production shares kept the same level compared to 2010-2011, while the pricing system was defined by Fornarini as “flattened to the bottom”, as the prices are facing a falling trend. The Italian market is thus quite steady, even though it’s 12% below the 2006 record share. The last result shows that the use of the plants “is just 65% of the global production capacity, to which the problem of margin compression has to be added”.
According to Markus Moll, the future is likely to unveil two different scenarios: one forecasts a 5% share of European growth and the other forecasts the same share of reduction of the European consumption level in 2013.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

Spedizione di quattro reattori

Geodis Wilson Italia, uno dei principali spedizionieri del nostro Paese e parte del fornitore globale di logistica Gruppo Geodis, ha intrapreso le operazioni di spedizione di quattro reattori Absorber verso il sito (AI Husn Gas) Shah Project Site della Abu Dhabi Gas Development Company, un nuovo campo a 250 km a sud degli Emirati Arabi Uniti, dove verrà costruito uno tra i più importanti impianti per l’estrazione e trattamento del gas naturale. Il primo dei quattro propulsori (ognuno del peso di 1.400 t, che raggiungono i 60 m di lunghezza e 10 di diametro, tutti costruiti in Italia) è partito da Ortona, in Abruzzo. A questa prima spedizione hanno fatto immediatamente seguito quelle da Monfalcone e da Marghera: l’arrivo a destinazione finale, in mezzo al deserto degli Emirati, è avvenuta intorno a fine luglio. L’arco temporale dell’intera operazione è stato di circa 18 mesi. Ai reattori si aggiungono i circa 200 componenti eccezionali in arrivo principalmente da Corea del Sud, Cina e Italia, che andranno a costituire le specifiche parti dell’impianto di Shah Gas. In totale, il volume trasportato raggiunge la mastodontica cifra di 300.000 m3, equivalente a circa 15 navi cargo complete e stivate all’orlo.

Shipping of four reactors
Geodis Wilson Italia, one of the main Italian shipping agents and belonging to the global logistic supplier Geodis Group, has started the shipping operations for four Absorber reactors towards the Shah Project Site (Al Husn Gas) of Abu Dhabi Gas Development Company, a new camp lying south of the United Arab Emirates. Over there, one of the most important plants for the extraction and processing of natural gas will be built. The first of four engines (weighing 1.400 Tons each, reaching 60 m length and 10 m diameter, and all of them manufactured in Italy) started its journey from Ortona, in Abruzzo. The first shipping was immediately followed by other shippings from Monfalcone and Marghera. They reached the final destination, in the desert of the Emirates, at the end of last July. The whole operation lasted approximately 18 months. In addition to the reactors, 200 special components mainly coming from South Korea, China and Italy are reaching the UAE. These components will constitute the specific parts of Shah Gas plant. The whole volume of the items already shipped is 300.000 m3, equal to about 15 fully loaded cargo ships.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

La lavorazione della lamiera punta su un futuro sostenibile

Dal 23 al 27 ottobre, la 22a edizione di EuroBLECH, Fiera Internazionale Tecnologica per la Lavorazione della Lamiera, apre di nuovo le sue porte ad Hannover, in Germania. L’esposizione offre una panoramica completa delle tendenze tecnologiche dominanti e della situazione economica. Attualmente le prospettive per il settore industriale sono cautamente positive: nonostante qualche incertezza dovuta alla situazione economica globale e alla crisi della moneta unica nella zona euro, l’industria della lavorazione della lamiera si presenta stabilizzata e fiduciosa. Un totale di 1.516 espositori provenienti da 38 Paesi ha già prenotato uno spazio espositivo di 85.000 m2 netti. In confronto all’edizione 2010, a cui hanno partecipato 61.500 visitatori, si è registrato un aumento del 4% del numero di espositori e dell’8% dello spazio espositivo. Con il tema di quest’anno “Per un futuro sostenibile”, EuroBLECH pone attenzione particolare sulle tecnologie energetiche efficienti, sui processi di produzione ecocompatibili e sull’uso intelligente di materiali. La partecipazione internazionale all’esibizione è aumentata ancora: il 49% degli espositori di quest’anno proviene da Paesi stranieri. Asia e America del Sud sono diventati parte integrante della fiera, mentre Italia, Cina, Turchia, Paesi Bassi, Svizzera, Spagna, Austria, Francia, Taiwan, Gran Bretagna e Stati Uniti rappresentano i maggiori espositori dopo la Germania.

For a sustainable future of the global sheet metal working industry
From 23 - 27 October 2012, the 22nd International Sheet Metal Working Technology Exhibition, EuroBLECH 2012, will open its doors again in Hanover, Germany. The show offers its audience a comprehensive idea of the prevailing technological trends and economic situation. Currently the economic outlook for the industry sector is cautiously positive: despite some uncertainty due to the global economic situation and the currency crisis in the Euro zone, the sheet metal working industry presents itself as stabilised and confident. A total of 1,516 exhibitors from 38 countries have already booked a net exhibition space of 85,000 square metres. Compared to the previous event in 2010, this is an increase of 4% in exhibitor numbers and of 8% in exhibition space. A total of 61.500 trade visitors from all over the world attended the previous show. With this year’s theme ‘For a sustainable future’, EuroBLECH puts a special focus on energy efficient technology, environmentally friendly manufacturing processes and intelligent use of material. Increasing global business of the sheet metal working industry means that the percentage of international participation at the show has gone up again: 49% of this year’s exhibitors come from outside Germany. Asia and the Americas have now become an inherent part of the exhibition. Italy, China, Turkey, the Netherlands, Switzerland, Spain, Austria, France, Taiwan, Great Britain and the USA are the largest exhibitor countries after Germany.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...

Nuovo AD per la costruzione di macchine e impianti

Con effetto immediato a partire dallo scorso maggio, un nuovo Amministratore Delegato è stato aggiunto al management team di Siempelkamp Maschinen - und Anlagenbau: come nuovo membro, Joachim Martin sarà corresponsabile per la gestione della divisione formatura di metalli, e si è unito al management di W. Strothmann. Nella sua carriera, Martin ha ricoperto varie posizioni manageriali presso il gruppo ThyssenKrupp, SMS Group e Salzgitter Mannesmannroe-hren-Werke. Dopo molti anni dedicati alla gestione della società di formatura di metalli SMS-Eumuco, è diventato Amministratore Delegato Tecnico di Salzgitter Mannesmann Stainless Tubes, dove è stato corresponsabile per il business mondiale dei tubi in acciaio inox. Nel 2012 il management è stato ampliato: nel mese di gennaio, Stefan Wissing è diventato il terzo Amministratore Delegato accanto a Hans W. Fechner e Heinz Classen. Fino a quel momento, Wissing era stato responsabile della gestione del servizio business di Siempelkamp, ed è stato Amministratore Delegato a interim della filiale SLS di Siempelkamp a Bad Kreuznach, in Germa-nia. Come parte del management team del ramo d'azienda dedicato all’ingegneria di macchine e impianti, d'ora in poi sarà responsabile per le aree di servizio, installazione e acquisti. Rimarrà anche Amministratore Delegato di SLS.

New managing director for Machinery and Plant Construction
Effective May, a new managing director was added to the management team of Siempelkamp Maschinen- und Anlagenbau: As a new member of the company management, Joachim Martin will be co-responsible for the management of the metal forming division and joined the management of W. Strothmann.
In his previous career, Joachim Martin held various management positions at ThyssenKrupp, SMS Group as well as Salzgitter Mannesmannröhren-Werke. After many years of managing the metal-forming company SMS-Eumuco, he became a technical managing director at Salzgitter Mannesmann Stainless Tubes, where he was co-responsible for the worldwide business with seamless stainless steel tubes. In 2012 the company management has been purposely expanded: In January, Stefan Wissing became the third managing director next to Hans W. Fechner and Heinz Classen. Up to that point Stefan Wissing was responsible for managing the Siempelkamp service business and has been the acting managing director of the Siempelkamp subsidiary SLS in Bad Kreuznach, Germany. As part of the management team of the machine and plant engineering business unit he will be responsible for the areas of service, installation, and shipping. He will also remain the managing director of SLS.


Settembre Ottobre 2012
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria