Menu
Tuesday, 22 Agosto 2017

A+ A A-

Taglio robotizzato flessibile per le costruzioni offshore

Kranendonk presenta una nuova macchina in grado di offrire grande flessibilità nel taglio di tubi e travi, grazie all’uso di un solo sistema. Kranendonk vanta oltre 25 anni di esperienza nella realizzazione di linee di taglio robotizzate per l’industria offshore. Con questo nuovo sistema, l’azienda fornisce una soluzione di taglio affidabile e precisa per una costruzione offshore flessibile.

di Mario Lepo
Settembre-Ottobre 2013

I produttori di costruzioni offshore hanno bisogno di un’automazione flessibile per la grande varietà di profili in acciaio che utilizzano. I tubi e le travi H/I vengono usati per realizzare grandi impianti di trivellazione, piattaforme e opere morte. Kranendonk, centro olandese di tecnologia robotica, presenta una nuova macchina in grado di offrire grande flessibilità consentendo il taglio di tubi e travi con lo stesso sistema. “Grazie al nuovo sistema di taglio Tube and Beam, i produttori di costruzioni offshore possono gestire la maggior parte dei profili in acciaio che utilizzano con un solo investimento”, spiega Jan Kranendonk, responsabile marketing. “Il flusso di produzione è stato migliorato e il sistema è in grado di procedere al taglio mentre il processo di carico e scarico avviene dall’altra parte. Questa struttura multi-stazione consente anche di risparmiare spazio”.
{gallery}/Taglio/09_10_2013/kranendonk/kranendonk_01{/gallery}

Elevata precisione per aderire perfettamente
L’uso di un robot garantisce un’elevata flessibilità per tagliare forme complesse partendo da tubi e travi di grandi dimensioni. Il sistema processa tubi fino a 2.300 mm di diametro e travi fino a un’ampiezza di 1.250 mm. Continua Jan Kranendonk: “Abbiamo ulteriormente esteso la portata del robot, posizionandolo su un binario e raggiungendo un’area effettiva di taglio di 60 m2. In questo modo, il robot può viaggiare lungo grandi tubi e travi e procedere a qualsiasi taglio”. Tubi fino a 900 mm di diametro possono essere alimentati attraverso il mandrino galleggiante per procedere al taglio su entrambi i lati senza la necessità di una nuova chiusura, con conseguente risparmio di tempo. Oltre alla flessibilità, i costruttori offshore sono molto attenti alla precisione dei tagli. Se le parti non aderiscono in modo perfetto, i saldatori manuali devono impiegare diverse ore per regolare gli spazi. Aggiunge Jan Kranendonk: “Abbiamo implementato un sistema di misurazione intelligente che regola il percorso di taglio perché aderisca al prodotto lavorato in quel momento. Il robot calibrato con il laser si adatta a qualsiasi possibile deviazione. Questa tecnologia permette di ottenere materiale perfettamente tagliato e fa sì che le parti di connessione aderiscano in modo ottimale”. Il sistema è basato su un software open: di conseguenza, la strategia di taglio preferita dall’utilizzatore finale può essere incorporata nel setup del sistema. Grazie alla programmazione automatizzata, all’interfaccia CAD e alla semplice regolazione dei parametri, non è necessaria una profonda conoscenza del robot. Un solo operatore è quindi sufficiente per gestire il sistema.

Flexible cutting robot for offshore construction
Kranendonk introduces a new machine that offers great flexibility by cutting tubes as well as beams on the same system. Kranendonk has over 25 years of experience in robot cutting lines for the offshore industry. With this new system, the company provides an accurate and reliable cutting solution for flexible offshore construction.

di Mario Lepo

Manufacturers of offshore constructions require flexible automation for the variety of steel profiles they use. Tubes and H/I beams are used to create giant rigs, jack‐ups and topsides. Kranendonk, the robot technology centre from Holland, introduces a new machine that offers great flexibility by cutting tubes as well as beams on the same system. “With the Tube and Beam cutting system, manufacturers of offshore constructions need only one investment to handle most of the steel profiles they use”, explains marketing manager Jan Kranendonk. “The production flow is improved as the system is able to proceed cutting while loading or unloading takes place at the other side. This multi‐station setup saves in square meters as well”.

High accuracy for perfect fits
Using a robot gives high flexibility for cutting complex shapes in large tubes and beams. The system processes tubes up to 2.300 mm in diameter and beams up to a width of 1.250 mm. Jan Kranendonk continues: “We further extended the reach of the robot by placing it on a track, which results in an effective cutting area of 60mq. In this way, the robot can travel alongside large tubes and beams and make every possible cut”. Tubes up to 900 mm in diameter can be fed through the floating chuck for cutting on both sides without reclamping, which saves time. Besides flexibility, offshore manufacturers put high demands on the accuracy of cuts. If parts do not perfectly fit, manual welders have to spend hours to adjust the gaps. Jan Kranendonk: “We implemented a smart measuring system that adjusts the cutting path to match the actual product. The laser calibrated robot adapts to any deviations that may occur. This technology results in perfectly cut material and better fits for connecting parts”. The system features open software, meaning that the end‐user’s preferred cutting strategy can be incorporated in the setup of the system. Thanks to automated programming, a CAD‐interface and easy editing of parameters, there is no need for in‐depth robot knowledge. Therefore, only one operator is needed to run the system.

52 commenti

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria