Menu
Friday, 21 Settembre 2018

A+ A A-

Il mondo del tubo si incontra a Düsseldorf

Durante la conferenza stampa di presentazione di Tube 2018 è stato ribadito il carattere internazionale della fiera. Ancora una volta, protagonisti assoluti saranno i tubi (declinati nei più diversi materiali, inclusa la plastica) e le
tecnologie e gli impianti più innovativi destinati alla loro produzione. Numerosa la rappresentanza italiana, che oggi conta oltre 160 aziende espositrici.

di Laura Alberelli

Febbraio 2018

Secondo i dati divulgati dall’associazione professionale della siderurgia tedesca Wirtschaftsvereinigung Stahlrohre e. V. di Düsseldorf, dopo la crisi registrata dal comparto dei tubi d’acciaio nel 2015, negli ultimi anni le prospettive di crescita sono migliorate virando decisamente verso l’alto. “Le attività di investimento dell’industria dell’energia, praticamente inesistenti dal crollo dei prezzi del greggio del 2015, starebbero pian piano tornando alla normalità”, sostengono i vertici dell’associazione. “Oltre al recupero su quel fronte il settore dovrebbe beneficiare anche dell’aumento ciclico dei prezzi delle materie prime e dell’acciaio, e del perdurare di una solida congiuntura all’interno dei Paesi industrializzati. In tutto questo giocano un ruolo fondamentale i prezzi relativamente più convenienti dell’energia, una politica fiscale espansionistica e un tasso di cambio euro-dollaro favorevole”.
Per l’industria dei tubi di acciaio l’associazione si aspetta effetti positivi derivanti da una politica economica prevedibilmente più espansiva in Nordamerica e, sempre in Nordamerica, da una politica energetica più fortemente incentrata sui vettori energetici fossili.
In questo clima di generale ottimismo si alza il sipario sull’edizione 2018 di Tube, fiera mondiale dedicata agli impianti e ai macchinari per la produzione e la lavorazione dei tubi, in programma dal 16 al 20 aprile presso l’area espositiva dell’Ente Fiera Messe Düsseldorf.

Nel 2016, la quota di espositori stranieri si aggirava attorno al 75%
Durante la conferenza stampa di presentazione di Tube 2018 organizzata a Milano da Honegger (rappresentante, in esclusiva per l’Italia, dell’ente Fiera Düsseldorf), Friedrich-Georg Kehrer, Global Portfolio Director Metals and Flow Technologies di Messe Düsseldorf, ha ribadito il carattere internazionale della manifestazione. “Tube rappresenta un importante momento di incontro/raffronto a livello mondiale. Il grande interesse riscosso in questi anni da Tube (e da wire, fiera specializzata del settore dei fili metallici e dei cavi che si svolge in contemporanea con Tube) ci ha convinti a dar vita a delle manifestazioni “gemelle” a quella di Düsseldorf che si svolgono però all’estero in mercati di importanza strategica per gli operatori del comparto, ovvero India, Sud America, Cina, Sud Est Asia, Russia.
Per quanto riguarda l’edizione tedesca di Tube, a livello internazionale i Paesi più rappresentati sono l’Italia, i Paesi Bassi, la Spagna, la Turchia, la Francia, la Gran Bretagna, l’Austria, la Polonia e la Germania. Da oltreoceano invece i Paesi maggiormente presenti sono l’India, gli Stati Uniti, la Cina e la Corea del sud. È ormai evidente come Tube rappresenti ormai un appuntamento irrinunciabile per chiunque operi nell’industria dei tubi”.
I numeri parlano chiaro: con circa 1.280 espositori provenienti da 51 Paesi del mondo, Tube ha fatto registrare un nuovo record nel 2016 con un incremento del 6% rispetto al 2014.
La quota di espositori stranieri nel 2016 si aggirava attorno al 75% e la superficie espositiva acquistata rispetto al 2014 è salita a 51.000 m2, registrando così un aumento del 2%. “Questi dati sottolineano concretamente la posizione di preminenza della fiera”, ha commentato Kehrer. “I visitatori che hanno attraversato i padiglioni della passata edizione di Tube sono stati oltre 31.300 di cui circa il 60% di provenienza internazionale”.

Importante la presenza italiana
Per quanto riguarda la presenza italiana, a oggi sono 164 le aziende nostrane che hanno aderito alla fiera occupando una superficie espositiva che supera i 10.000 m2. Ma come ha sottolineato Friedrich-Georg Kehrer durante la conferenza stampa di Milano “c’è ancora un certo margine di crescita compatibilmente con gli spazi ancora disponibili. Per l’edizione 2020 di Tube non avremo più limiti di spazio: sarà infatti in funzione il nuovo padiglione 1, che avrà a disposizione un’area espositiva di 12.000 m2 e sorgerà sugli spazi degli attuali padiglioni 1 e 2. I lavori sono iniziati nel 2017 e termineranno nel corso di quest’anno. Proprio a causa di questi lavori, quest’anno gli espositori di Tube, da sempre accolti nei padiglioni 1 e 2 dell’area fieristica, avranno uno spazio all’interno dei padiglioni 16 e 17 con stand particolarmente attrattivi”.
L’edizione 2018 di Tube sarà dunque allestita nei padiglioni dal 3 al 7.0 e nei padiglioni 16, 17 e 18.

Il tubo di domani: sempre più leggero e resistente
Come per ogni edizione, anche quest’anno ampio sarà il range di prodotti in mostra: macchine e impianti per la produzione, la lavorazione e la trasformazione di tubi, materie prime, tubi e accessori, macchine usate, utensili e strumenti utilizzati per le tecnologie di processo, i mezzi ausiliari, le attrezzature per le tecniche di misurazione, di controllo e di regolazione e per le tecniche di collaudo.
In mostra anche le condutture (Pipeline) e le tecnologie OCTG, i profilati e le macchine oltre che i tubi di plastica (Plastic Tubes). “Il tubo in acciaio non è più il protagonista indiscusso come avveniva in passato, ma deve “dividere il palcoscenico” con altre soluzioni realizzate con i materiali più diversi”, spiega Friedrich-Georg Kehrer. “Chi avrà modo di visitare Tube potrà ammirare tubi in metallo ferroso e non ferroso, ma anche tubi in materiale plastico, in fibra ottica, in vetro, in ceramica, in calcestruzzo e in fibrocemento. Tra tutti, una segnalazione particolare meritano i tubi in materiale plastico, che stanno assumendo un’importanza crescente in ogni campo d‘applicazione, grazie soprattutto alla loro particolare leggerezza e alla maggiore resistenza alla corrosione e all’aggressione da parte degli agenti chimici. La loro presenza in fiera è la prova di come Tube sia una manifestazione molto ricettiva verso quelle che sono le nuove tendenze del mercato e l’impatto che potranno avere nel futuro del comparto”.
Gli accessori per tubi saranno esposti nel padiglione 17, mentre le aziende che commerciano in tubi o li producono saranno ospitate nei padiglioni 3 e 4, accanto ai quali, nel padiglione 5, sono posizionate le imprese specializzate nel fissaggio dei tubi. I macchinari e gli impianti nonché le macchine per la lavorazione dei tubi saranno esposti nei padiglioni 6 e 7a, mentre i profilati e i tubi di plastica si troveranno nei padiglioni dal 3 al 7.0 come nei padiglioni 16 e 17.

Un padiglione dedicato alle competenze tecniche cinesi
Sulla scia delle numerose richieste provenienti dal mercato cinese, per l’edizione di quest’anno gli organizzatori di Tube hanno deciso di allestire nuovamente un padiglione dedicato al Paese. Sotto l’insegna di “Meet Chinas Expertise” le imprese cinesi dei settori dei fili metallici, dei cavi e dei tubi si presentano unite all’interno del padiglione 16.
Oltre a un’offerta merceologica completa e alla possibilità di fare rete e creare nuovi contatti e relazioni d’affari, un altro aspetto che invoglia visitatori ed espositori a partecipare a Tube è l’estrema facilità di accesso alla fiera. L’ottimo collegamento alla rete di trasporti garantisce infatti una facile accessibilità alle strutture di Messe Düsseldorf nelle cui vicinanze si trovano sia l’aeroporto, sia due stazioni ferroviarie di lunga percorrenza facili da raggiungere. A ciò si aggiunge il collegamento diretto con la stazione della ferrovia urbana Arena/Messe Nord.
I visitatori e gli espositori che si muovono in automobile troveranno parcheggi con 20.000 posti a loro disposizione e quattro diversi ingressi da cui accedere velocemente all’interno dell’area espositiva.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria