Menu
Monday, 21 Agosto 2017

A+ A A-

Leggera e senza barriere

Il progetto di riqualificazione urbana e idraulica di Mont Saint-Michel prevede, in primo luogo, la rimozione della diga esistente e la successiva realizzazione di una nuova passerella in acciaio, che non si pone come barriera ma lascia circolare liberamente il flusso dell’acqua, che non invade mai il suo piano di calpestio.

di Silvia Vimercati

 Novembre-Dicembre 2016


Dal 1979 il borgo medievale di Mont Saint-Michel e la sua baia sono inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO. Il sito si trova in Normandia, sull’estuario del fiume Cuesnon, ed è famoso per il suo forte carattere insulare determinato dal ciclo delle maree, che però, con il passare degli anni, ne hanno minato la peculiarità: i sedimenti che man mano si sono depositati, infatti, hanno rischiato di collegarlo in modo permanente alla terraferma, facendo pertanto perdere le specificità che l’hanno reso unico in tutto il mondo. Il grande lavoro di riqualificazione urbana e idraulica dello studio Dietmar Feicthtinger Architects, volto a restituire a Mont Saint-Michel il carattere marino che lo contraddistingue, si inserisce proprio in questo contesto. Il progetto prevede in primo luogo la rimozione della diga esistente e la successiva realizzazione di una nuova passerella in acciaio, che non si pone come barriera ma lascia circolare liberamente il flusso dell’acqua, che non invade mai il suo piano di calpestio.

Una passerella con una larghezza totale che va da 12,5 a 16,5 m
Il  nuovo pontile in acciaio offre, dalla terraferma fino al monte, una varietà di punti di vista lungo i suoi 756 m, dato che il suo tracciato non è lineare ma forma una curva continua fino all’arrivo a Mont Saint-Michel. La passerella è costituita da due corsie laterali pedonali e da due centrali, riservate alle navette, per una larghezza totale che varia da 12,5 a 16,5 m. La struttura è sorretta da 134 pilastri in acciaio con un diametro di 250 mm (con spessore variabile da 40 a 60 mm in relazione alla posizione) posti a una distanza di 12 m tra loro e dislocati lungo la parte centrale del ponte. Ad essi sono saldate le travi in acciaio a sbalzo che costituiscono l’impalcato. La  sezione ridotta dei pilastri, ottenuta grazie all’utilizzo di profili in acciaio e strutture in carpenteria metallica per un totale di 1.800 t, ha permesso di minimizzare l’impatto con l’acqua, che costituiva uno dei problemi principali della diga precedente. Inoltre, l’arretramento degli stessi rispetto al filo esterno della passerella ha consentito di aumentare quella sensazione generale di leggerezza del progetto. La forma semplice del camminamento consente una perfetta integrazione con il contesto, rendendolo quasi parte della baia in cui si inserisce. L’impalcato in acciaio, nel suo complesso, è protetto dalla corrosione attraverso rivestimenti di tipo C5M per ambiente marino, mentre i pilastri immersi in acqua sono caratterizzati da un rivestimento IM2. A completamento del progetto, le ringhiere sono costituite da cavi tesi inox e montanti in acciaio zincati a caldo, su cui poggia il corrimano in legno di quercia che caratterizza anche la pavimentazione delle corsie pedonali. Nella sezione centrale carrabile, invece, è presente un getto di calcestruzzo con una pavimentazione stradale in asfalto drenante, adatto a reggere un peso fino a 40 t. La passerella di accesso a Mont Saint-Michel ha vinto il primo premio nella sua categoria del French Steel Award Trophées Eiffel 2015.

CREDITS
PASSERELLA D’ACCESSO A MONT SAINT-MICHEL, FRANCIA
Committente: Syndicat Mixte Baie du Mont Saint-Michel

Progetto architettonico: Dietmar Feichtinger Architectes

Team di progetto: Christian Schmölz, Gabriel Augier, Rupert Siller, Ulrike Plos, Barbara Feichtinger-Felber, Michael Felder, Wolfgang Juen, Frank Hinterleithner (concorso); José Luis Fuentes,
Christian Wittmeir, Guy Deshayes, Mathias Neveling, Arne Speiser (progetto)

Progetto strutturale:
Schlaich Bergermann und Partner (capogruppo)

Costruttore metallico:
Eiffage Construction Métallique (mandataria), BP Métal (ringhiere e opere metalliche accessorie)

Opere civili, stradali e idrauliche: Eurovia (mandataria), Vinci Construction

QUALIFICA
Silvia Vimercati, autrice dell’articolo, è giornalista per Fondazione Promozione Acciaio.


Light and Barrier-free
The hydraulic and urban redevelopment project of Mont Saint-Michel provides, in the first place, the removal of the existing dam and the subsequent realization of a new steel walkway, which does not arise as a barrier but leaves freely circulate the flow of water, which never invades its decking.

From 1979 to the medieval village of Mont Saint-Michel and its bay are included in the list of UNESCO World Heritage Site. The site is located in Normandy, on the estuary of the river Cuesnon, and is famous for its strong insular nature determined by the tidal cycle, but, over the years, have undermined the peculiarity: the sediments that gradually they are deposited, in fact, threatened to attach permanently to the mainland, thus causing you to lose the specificity that made it unique in the world. The great work of hydraulic and urban redevelopment of Dietmar Feicthtinger Architects, designed to give back to Mont Saint-Michel the marine character that sets it apart, is inserted in this context. The project provides in the first place the removal of the existing dam and the subsequent realization of a new steel walkway, which does not arise as a barrier but leaves freely circulate the flow of water, which never invades its decking.

A catwalk with a total width from 12.5 to 16.5 meters
The new steel pier offers, from the mainland up to the mountain, a variety of viewpoints along its 756 meters, as its path is not linear but forms a curve continues until arrival at Mont Saint-Michel. The catwalk is constituted by two pedestrian side lanes and two central, reserved to the shuttles, for a total width which varies from 12.5 to 16.5 meters. The structure is supported by 134 stainless steel pillars with a diameter of 250 mm (with 40 to 60 mm variable thickness in relation to the position) placed at a distance of 12 m between each other and located along the central part of the bridge. They are welded to the steel cantilevers that constitute the bridge deck. The reduced section of the pillars, obtained thanks to the use of steel profiles and steel structures for a total of 1,800 tons, allowed to minimize the impact with the water, which constituted one of the main problems of the previous dam. Moreover, the withdrawal of the same from the outer edge of the runway has helped to increase the overall feeling of lightness of the project. The simple shape of the walkway allows seamless integration with the context, making it almost part of the bay. The steel deck, as a whole, is protected from corrosion by means of C5M type coatings for marine environment, while the pillars are immersed in water are characterized by a coating IM2. To complete the project, the railings are made of stainless steel cables and pillars made of hot galvanized steel, on which the oak handrails which also characterizes the paving of the pedestrian lanes. In the driveway middle section, however, it is a concrete casting with a road surface drainage asphalt, suitable to hold a weight up to 40 tons. The walkway access to Mont Saint-Michel won the first prize in its category at the French Steel Award Trophées Eiffel 2015.

Ultima modifica ilMartedì, 29 Novembre 2016 10:00

87 commenti

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Tubifici

Comunicazione tecnica per l'industria