Menu
Sunday, 22 Luglio 2018
A+ A A-

Focus sulle applicazioni collaborative

Giugno/Luglio 2018

Il 19 giugno 2018 a Monaco, durante la nuova edizione di AUTOMATICA, sotto i riflettori ci saranno i temi di tendenza come robotica collaborativa e sistemi MRK. Secondo Enrico Krog Iversen, CEO del produttore danese di pinze OnRobot nonché investitore in OptoForce, azienda ungherese specializzata in sensori, e nella start-up statunitense Perception Robotics, non si tratta più solamente di robot collaborativi; il nuovo obiettivo è un approccio olistico alle applicazioni collaborative. “Durante l’ultima edizione di AUTOMATICA, nel 2016, ero ancora CEO di Universal Robots”, racconta Enrico Krog Iversen. “Già allora la robotica collaborativa non era più un argomento di nicchia e non poteva essere trascurata: la collaborazione uomo-macchina iniziava a essere al centro di molte manifestazioni fieristiche. Da allora, tuttavia, il mercato è realmente esploso: oltre alle numerose start-up, quasi tutti i produttori di robotica affermati hanno iniziato a offrire nel loro portafoglio anche diversi modelli di cobot leggeri”. Per Krog Iversen, la conclusione è chiara: “Attualmente i robot leggeri collaborativi sono così diffusi da essere praticamente diventati merce comune per le aziende manifatturiere. L’attenzione si sposta dal semplice braccio robotico al modo in cui esso viene effettivamente utilizzato, cioè all’applicazione. Dopotutto, sono le applicazioni collaborative a creare il valore aggiunto per gli utenti. Il braccio robotizzato, invece, è semplicemente un supporto necessario”.

È importante sfruttare il potenziale dei cobot
Tutte e tre le aziende collegate a Krog Iversen saranno presenti ad AUTOMATICA 2018.
OnRobot, di cui è CEO, con sede a Odense, in Danimarca, produce pinze a due dita per uso collaborativo, e presenterà la pinza collaborativa RG2.
OptoForce, che vede Krog Iversen come investitore, è invece una società ungherese specializzata nell’introduzione del senso del tatto nella robotica industriale. Utilizzando varie applicazioni per l‘assemblaggio elettronico, la lavorazione delle superfici e la finitura dei metalli, OptoForce ad automatica dimostrerà come i sensori di forza-coppia e il software associato consentano l’automazione di compiti complessi e delicati. Nel suo stand i sensori saranno esposti in azione insieme alle pinze OnRobot. Infine Perception Robotics, una giovane start-up di Los Angeles, USA, specializzata in sistemi di movimentazione ispirati alla natura, proporrà i suoi primi prodotti: la pinza Gecko, progettata per il pick-and-place di oggetti piatti, che, a differenza delle pinze a vuoto, può manipolare pezzi perforati come un circuito stampato; e la pinza Gripper, che adatta automaticamente la sua stretta alle esigenze del pezzo, cosa che consente di lavorare senza problemi con oggetti morbidi o rigidi.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria