Menu
Tuesday, 19 Giugno 2018
A+ A A-

Il primo robot per il riciclo dei mega pneumatici

Maggio 2018

Un camion da miniera è in grado di trasportare oltre 350 t di materiali e per farlo monta pneumatici mastodontici, che misurano anche 4 m di diametro per 1,80 m di larghezza e 5,7 t di peso. Questo spiega perché, una volta consumato il battistrada, queste gomme molto spesso vengano abbandonate in enormi discariche a cielo aperto, talmente grandi che si riescono a vedere persino con Google Maps.
A risolvere questo problema, ambientale ed economico, è ora l’azienda Salvadori, insediata in Polo Meccatronica a Rovereto (TN), con il primo robot al mondo progettato e realizzato per lavorare direttamente sul posto i mega-pneumatici, in modo tale da renderne più facile e vantaggioso il trasporto verso gli impianti di riciclo: MT-REX, appena lanciato sul mercato dopo tre anni di ricerca e sviluppo, è un gigantesco macchinario interamente programmabile, capace di funzionare in maniera autonoma, che aggancia i copertoni e li taglia, diminuendo volume e peso delle parti da avviare al riciclo e rendendo così più facile e redditizio il trasporto. “La gomma trasportata da un muletto - spiega Samuel Salvadori, co-fondatore della società e inventore di MT-REX - viene deposta in una specie di culla meccanica che la aggancia e le permette di stare in piedi, dopodiché viene inforcata da un mandrino che la orienta in posizione orizzontale su un perno che la fa girare. A questo punto, delle grandi cesoie iniziano a tagliarla in un numero di spicchi che può essere programmato a seconda della grandezza del pneumatico e delle esigenze del cliente, spicchi destinati su un nastro trasportatore che li farà arrivare sul camion diretto verso gli impianti di riciclo”.

Benefici ambientali ed economici
L’arrivo di MT-REX è un’ottima notizia anzitutto sotto il profilo ambientale, perché permetterà di smantellare le discariche in cui sono accumulate migliaia di queste gomme, ma anche dal punto di vista dell’economia circolare: uno pneumatico di un camion da miniera costa tra 30.000 e 60.000 euro, ma in caso di particolari picchi di richiesta può raggiungere anche i 120.000 euro. Un pit-stop, che si svolge di solito una volta ogni 10 o 12 mesi, può costare fino a 720.000 euro. Grazie a MT-REX però è possibile recuperare parte di quella spesa. Il business model di Salvadori prevede tre strategie: la vendita del macchinario ai gestori delle miniere che così possono smaltire i rifiuti, oppure alle società che forniscono servizi alle miniere stesse o ancora infine alle case produttrici di pneumatici, in grado così di fornire ai gestori non solo le gomme per i loro camion ma anche il servizio per riciclarle.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria