Menu
Monday, 18 Giugno 2018
A+ A A-

Saldatura efficiente dell’acciaio

Fronius ha di recente presentato TransSteel 2200 il suo generatore a inverter MIG/MAG con capacità multiprocessuali monofase, un apparecchio polivalente che offre ottimali proprietà di saldatura nelle applicazioni MIG/MAG,
TIG e manuali a elettrodo.

di Lollo Campione

Febbraio 2018

La saldatura dell’acciaio richiede uno strumento stabile e affidabile in grado di funzionare alla perfezione anche in condizioni di impiego difficili, come nel caso dell’industria meccanica e delle costruzioni in acciaio, nonché nella costruzione di condutture, gru e veicoli su rotaia. Con TransSteel 2200, Fronius ha introdotto sul mercato il suo primo generatore a inverter MIG/MAG con capacità multiprocessuali monofase, un apparecchio polivalente che consente di ottenere le migliori proprietà di saldatura nelle applicazioni MIG/MAG, TIG e manuali a elettrodo.

Su tutto, l’ampia gamma di curve caratteristiche
TransSteel 2200 è adatto a numerose applicazioni manuali in svariati settori, in particolare le costruzioni in acciaio per le officine e i lavori di montaggio, riparazione e manutenzione. Con un peso di soli 15,5 kg, TransSteel 2200 è predestinato all’impiego mobile e convince anche per il robusto corpo esterno.
Un enorme vantaggio del nuovo generatore a inverter MIG/MAG consiste nell’ampia gamma di curve caratteristiche, che includono anche le leghe di alluminio e rame-silicio. TransSteel dispone inoltre di una seconda valvola magnetica del gas che agevola il passaggio da MIG/MAG a TIG. Un altro vantaggio per gli utilizzatori consiste nella semplicità di utilizzo: TransSteel 2200 consente l’uso rapido e intuitivo, nonché di realizzare giunti saldati perfetti in soli tre passaggi. Il generatore offre anche una funzione che si basa sul fusibile di rete impostato per cui l’abbassamento automatico e continuo della corrente di saldatura consente di mantenere la modalità di saldatura il più a lungo possibile, senza influire sul risultato della giunzioone. La correzione automatica del fattore di potenza PFC (Power Factor Correction) protrae l’assorbimento di corrente nel tempo, consentendo lo sfruttamento efficiente della potenza disponibile. In questo modo, gli apparecchi dispongono di un ampio raggio di azione, dato che la tecnologia PFC consente di portare perfettamente a termine il lavoro anche con linee di rete lunghe e di aumentarne così la flessibilità d’impiego.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria