Menu
Monday, 18 Dicembre 2017
Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74
A+ A A-

Campionature e piccoli lotti non sono più un problema

Si chiama LaserCube la nuova macchina per il taglio lamiera introdotta di recente da IPG Photonics sul mercato europeo e, dunque, anche in Italia. Pensata e realizzata per venire incontro alle esigenze di chi deve tagliare pezzi di dimensioni contenute o piccole serie con elevata precisione, la LaserCube ha una struttura in granito ed è equipaggiata con assi lineari e con un sistema di visione integrato e solidale con la testa di taglio.

di Cesare Pizzorno

Novembre 2017

Dopo il suo esordio sul mercato americano; ora è pronta ad affrontare quello europeo, sicuramente caratterizzato da differenti peculiarità. IPG Photonics Italy, filiale Italiana del gruppo IPG Photonics, ha, infatti, lanciato di recente la nuova macchina compatta da taglio piano LaserCube. Il sistema, sviluppato appunto presso la sede americana del Gruppo, è stato pensato e realizzato per venire incontro alle esigenze di chi deve tagliare pezzi di dimensioni contenute o piccole serie con elevata precisione. “Per questo tipo di lavorazioni, infatti, le classiche macchine disponibili sul mercato risultano spesso poco flessibili e sicuramente troppo grandi e costose” esordisce Gianluca Motter di IPG Photonics (Italy). La nuova LaserCube è caratterizzata da compattezza, versatilità - garantita dalla presenza di un generatore interno di impulsi a forma variabile che consente alte prestazioni su qualsiasi materiale metallico - e convenienza.

Precisione e prestazioni ottimali con un campo di lavoro ridotto
“Il formato della LaserCube (1.250 x 1.250 mm) è parecchio diffuso in paesi come gli Stati Uniti o la Cina, per fare degli esempi”, racconta ancora Motter. “Sul mercato italiano ci sono comunque settori e aziende, penso a quelle medio-piccole, dove questa macchina può certamente trovare uno sbocco. Si tratta di una macchina con un campo di lavoro ridotto ma caratterizzata da elevata precisione e prestazioni ottimali anche in termini di velocità e accelerazioni. Infatti, è equipaggiata con assi lineari, ha una struttura in granito e riesce a garantire elevata precisione nella lavorazione di pezzi di dimensioni ridotte”. Pur non essendo, insomma, una macchina particolarmente adatta per carpenterie o terzisti, è ideale per chi è interessato a lavorazioni di taglio laser di buona qualità - soprattutto su piccoli lotti - senza dover affrontare un investimento importante.

Un sistema di visione integrato e solidale con la testa di taglio
Chiediamo a Gianluca Motter quali potrebbero essere i principali settori di sbocco della LaserCube. “L’oggettistica e la moda, dove anche la valenza estetica è un fattore da considerare. Più in generale, tutte le aziende che realizzano prodotti propri e che hanno interesse ad avere in officina un sistema di taglio laser proprio per garantire tempi di risposta rapidi sul mercato, fare prototipazione, campionature o lavorazioni di piccoli lotti. Per esempio, la LaserCube potrebbe operare al fianco di una punzonatrice ed essere utilizzata per lavorazioni di finitura. Chi ha già in officina una punzonatrice potrebbe, quindi, aggiungere una macchina di questo tipo anziché investire in una combinata di nuova generazione, che ha un altro livello di investimento”. La macchina sviluppata da IPG Photonics, caratterizzata da una precisione di 25 µm sul campo di lavoro, si abbina a un sistema di visione integrato e solidale con la testa di taglio. Questo consente di individuare anche riferimenti meccanici o grafici presenti sulla lamiera come, per esempio, una serigrafia. Il programma di taglio può essere così direttamente riallineato, senza che sia necessario riprendere e modificare una parte già processata.

Il “cuore” del sistema è sviluppato internamente
Componenti come refrigeratore, sorgente laser in fibra e testa di taglio - il “cuore” del sistema, insomma - sono tutti sviluppati da IPG Photonics. Il piano di taglio, inoltre, può essere equipaggiato con il classico letto di fachiro per processare lamiere con spessori di media dimensione, oppure con il supporto a maglia fine per le lamiere con spessori sottili, in modo tale che anche pezzi di dimensioni ridotte o materiali sottili possano avere un corretto sostegno. “La macchina può processare fogli di lamiera di diversi spessori - continua Motter - che sono, naturalmente, legati alla potenza della sorgente laser. Potenzialmente si possono tagliare anche spessori più elevati, tuttavia, date le sue caratteristiche, il sistema è ideale per lamiere con spessori fino a 5-6 mm, considerato anche che il sistema di carico/scarico è manuale e che il campo di lavoro ha dimensioni ridotte. Per tagliare spessori oltre i 5-6 mm, forse ha più senso pensare ad altre tipologie di macchine”. Per quanto riguarda il software, infine, al controllo numerico possono essere abbinate due tipologie di CAD/CAM rintracciabili in commercio. “Abbiamo scelto, però, di non vincolare i clienti e lasciare loro la libertà di abbinare soluzioni alternative per garantire un alto livello di personalizzazione, con soluzioni diverse in termini sia di prestazioni che di costo”, conclude Gianluca Motter.


Samples and Small Lots Are No Longer a Problem
LaserCube is the name of the new machine for sheet metal cutting recently launched by IPG Photonics on the European market and therefore in Italy too. Designed and produced to meet the requirements of those who need to cut small-sized pieces or small series with high precision, LaserCube has a granite structure and is equipped with linear axes and with an integrated vision system, joined to the cutting head.

After its launch on the American market, it is now ready to tackle the European one, which is definitely characterized by different peculiarities. IPG Photonics Italy, the Italian branch of the IPG Photonics group, recently launched the new compact flat cutting machine, LaserCube. The system, which was developed at the Group’s American headquarters, was designed and produced to meet the requirements of those who need to cut small-sized pieces or small series with high precision. “For this type of machining, the solutions normally available on the market are often not very flexible and definitely too large and expensive”, Gianluca Motter (IPG Photonics Italy) explains. The new LaserCube is characterized by its small size, versatility - ensured by the presence of an internal variable shape impulse generator which allows excellent performances on any metallic material - and convenience.

Precision and optimal performances with a limited working field
“The size of the LaserCube (1,250 x 1,250 mm) is quite popular in such countries as the United States or China, to mention some examples”, Motter continues. “On the Italian market there are in any case industries and companies, I am thinking about small and medium ones, where this machine can definitely find a market. It is a machine with a limited working field but characterized by high precision and optimal performances even in terms of speed and acceleration. It is equipped with linear axes, has a granite structure and manages to guarantee high precision when machining small pieces”. Even though it may not be, all things considered, a machine especially suitable for carpentry work or third-party machining, it is ideal for those interested in good-quality laser machining- especially for small lots - without having to face large investments.

An integrated vision system joined to the cutting head
We asked Gianluca Motter which industries could be the main markets for LaserCube. “Gifts, gadgets and fashion, where aesthetics is a factor which needs to be considered. More in general, all those companies which manufacture their own products and are interested in having in their workshop their own laser cutting system to guarantee short lead times on the market, to manufacture prototypes, samples or small lots. For instance, LaserCube could work next to a punching machine and be used for finishing work. Those who already have a punching machine in their workshop, therefore, could add on a machine of this type rather than invest in a latest-generation combo machine, which requires a different level of investment”. The machine, developed by IPG Photonics, characterized by a 25 µm precision on the work field, includes a vision system which is integrated and combined with the cutting head. This allows to detect even mechanical or graphic reference points present on the sheet metal, such as, for instance, a screen print. The cutting program may therefore be directly realigned, without any need to pick up and modify again a part which has already been processed.

The “heart” of the system was developed internally
Such components as the refrigerator, fiber laser source and cutting head - in short, the “heart” of the system - are all developed by IPG Photonics. The cutting plane may also be equipped with a fakir’s bed-shaped support to process metal sheets of average thickness, or with a fine mesh support for thin metal sheets, so as to enable even small pieces or thin materials to have a correct support. “The machine may process metal sheets with different thicknesses - Motter continues – which are, of course, linked to the power of the laser source. There is the possibility of cutting thicker materials too, however, given its properties, the system is ideal for metal sheets up to 5-6 mm thick, considering that the loading - unloading system is manual and that the work field is small in size. In order to cut sheets thicker than 5-6 mm, it makes sense to consider different types of machines”.
Regarding software, to conclude, numeric control may be matched with two types of CAD/CAM available on the market. “We chose, however, not to limit clients and to allow them to freely match alternative solutions to our systems so as to ensure a high level of customization, with different solutions both in terms of performances and of costs”, Gianluca Motter concludes.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria