Menu
Wednesday, 18 Ottobre 2017
A+ A A-

Sono soluzioni integrate e dedicate per l’automazione industriale

Il Gruppo Rollon, specializzata in soluzioni complete per applicazioni complesse nei settori delle macchine utensili, della lavorazione della lamiera, del packaging e dell’automotive, ha di recente presentato Actuator System Line, la nuova linea di sistemi meccanici integrati per l’automazione industriale, progettati per applicazioni come l’asservimento di presse multi-stazione, il pick and place in spazi contenuti o la movimentazione di robot antropomorfi con il sistema a navetta “Seventh Axis”.

di Fabrizio Garnero

Giugno Luglio 2017

Soluzioni complete per l’automazione industriale, in grado di rispondere alle esigenze più specifiche nei settori delle macchine utensili, della lavorazione e movimentazione della lamiera, del packaging e dell’automotive. È questo il contesto in cui opera Rollon, gruppo di Vimercate specialista in soluzioni per la movimentazione lineare, che di recente ha presenta Actuator System Line, ovvero una nuova linea di sistemi meccanici integrati per l’automazione industriale, progettati per applicazioni come l’asservimento di presse multi-stazione, il pick and place in spazi contenuti o la movimentazione di robot antropomorfi con il sistema a navetta “Seventh Axis”.

Sempre più global provider per la movimentazione lineare
Actuator System Line nasce dall’evoluzione della gamma Rollon di attuatori lineari, Actuator Line, con l’obiettivo di soddisfare le richieste più esigenti dei clienti e del mercato, sempre più orientato verso sistemi integrati e soluzioni complete.?Se in precedenza i prodotti Rollon venivano principalmente utilizzati per la movimentazione degli elementi a contorno della macchina utensile - come porte, cassettoni e pannelli di controllo - l’Actuator System Line è una nuova linea di sistemi meccanici completi per l’asservimento e l’alimentazione dei macchinari. Grazie al know-how maturato come produttore di componenti per il moto lineare dal 1975 a oggi, Rollon ha, infatti, realizzato una linea di soluzioni altamente customizzate in grado di risolvere problematiche complesse e offrire al cliente un vantaggio competitivo, confermandosi sempre più come un global provider di soluzioni per la movimentazione lineare.

La navetta viaggia sul “settimo asse”
Con Actuator System Line, Rollon è in grado di fornire ai propri clienti numerose soluzioni dedicate all’automazione industriale. Dalla gamma del Seventh Axis all’attuatore telescopico, passando per i sistemi multi gantry e transfer pressa; ma vediamo brevemente di seguito ognuno dei componenti appartenenti a questo programma. Una sintesi perfetta dei vantaggi offerti dalla Actuator System Line è rappresentata dalla nuova gamma del cosiddetto “settimo asse” (Seventh Axis) che è stato progettato per colmare il maggiore limite fisiologico del robot antropomorfo, ovvero il raggio d’azione. Il Rollon ha sviluppato un sistema navetta in grado di trasportare robot fino ai 2.000 kg per lunghe distanze e con dinamiche elevate. Facilmente integrabile con ogni tipo di robot, la struttura è composta da profili in alluminio anodizzato che offrono notevoli vantaggi in termini di peso, trasportabilità e modularità, mantenendo un’elevata rigidezza. Le guide lineari sono a ricircolo di rulli o a ricircolo di sfere, mentre l’azionamento con cinghia o con pignone e cremagliera a denti inclinati rettificati. La gamma del settimo asse è strutturata in sette diverse soluzioni, abbinabili a differenti robot. Per poter operare con efficienza anche negli ambienti più sporchi, inoltre, sono disponibili tre versioni di protezione. Infine, il sistema può essere configurato per un montaggio con binari a terra, a parete o a soffitto.

L’attuatore telescopico
Tra le nuove soluzioni Rollon per l’automazione industriale spicca anche il nuovo attuatore telescopico. Il sistema può compiere movimentazioni in una o più direzioni per una corsa uguale o maggiore alla propria lunghezza in posizione chiusa, garantendo maggiore disponibilità di spazio e quindi un risparmio sui costi.?L’attuatore telescopico può essere usato in diverse direzioni di movimento: in orizzontale, in verticale o montato a parete. Nel primo caso l’attuatore telescopico consente l’alimentazione di presse montate in serie con un’unica unità centrale in grado di estendersi in una doppia corsa. Con un’installazione in verticale, invece, l’estrema compattezza del sistema in posizione chiusa rende l’attuatore telescopico la soluzione ideale per intervenire in applicazioni in cui il cliente non abbia spazio a sufficienza tra la macchina e il soffitto per accettare un braccio che si sollevi per lo stesso valore della corsa. Nel caso di un montaggio a parete, infine, l’attuatore telescopico facilita l’asservimento di macchine utensili laddove ci sia l’esigenza di non avere impedimenti nella chiusura dei portelloni di protezione, grazie alla possibilità di asservire la macchina e poi ritrarsi.

Sistema multicarro pick and place e multi gantry
Il nuovo programma Rollon prevede anche un sistema multicarro versatile progettato per l’asservimento delle stazioni di lavorazione. L’asse orizzontale può essere azionato da un sistema a pignone e cremagliera, per avere i carri multipli indipendenti, o da un sistema a cinghia corta, connettendo gli assi verticali tra loro con elementi rigidi. Le guide lineari possono essere a ricircolo di sfere o a cuscinetti a seconda dei carichi, delle dinamiche e dei diversi ambienti di lavoro. Fanno parte dell’Actuator System Line anche dei sistemi multi gantry, ovvero dispositivi X/Y/Z multipli con movimentazione a cinghia, a cremagliera, a vite e ibrida attraverso i quali, mettendo a frutto la modularità e la vastità della gamma dei propri attuatori lineari, Rollon offre diverse configurazioni di sistemi cartesiani con un forte focus sulla personalizzazione e sulle soluzioni dedicate alle specifiche esigenze dei clienti. Il sistema lift and move è la soluzione dedicata alla traslazione “alza e sposta” di pezzi su impianti multi-stazione anche molto lunghi, a “passo di pellegrino” con profilati anodizzati duri. La movimentazione orizzontale, solidale alla traslazione verticale, avviene su scorrimento a rotelle in poliammide tramite pignone e cremagliera. Il sollevamento è realizzato da moduli a colonna con trasmissione vite a ricircolo di sfere. I moduli a colonna sono azionati da un unico motoriduttore mediante trasmissione con alberi e rinvii angolari.

Sistema transfer pressa
Sistema transfer versatile è il fiore all’occhiello del programma essendo pensato per la movimentazione della lamiera, progettato come elemento principale in un sistema a serie di presse, eventualmente combinato con sistemi di carico/scarico. Questo sistema unisce alta precisione di posizionamento con cicliche e dinamiche elevate. Disponibile anche per lunghezze significative, gestisce carichi a sbalzo mantenendo un lato della serie di presse libero per le operazioni. Gli assi Z possono essere posizionati a distanza variabile, a seconda dei carichi.

Una presenza strategica in Giappone
Rinforzare la propria presenza in un hub strategico per l’industria delle macchine utensili, della robotica e dell’automazione: è questo l’obiettivo della recente apertura da parte di Rollon di una filiale a Tokyo, in Giappone, ultima tappa del percorso di internazionalizzazione della società, che tra uffici e filiali conta oggi nove sedi estere di cui due già esistenti in Asia, a Shangai (Cina) e Bangalore (India). La filiale giapponese del Gruppo parte con un carattere commerciale e di supporto per il distributore locale, con cui l’azienda collabora già da diversi anni. Grazie alla nuova struttura, Rollon punta a intensificare la propria presenza in Giappone, un mercato strategico per l’industria delle macchine utensili, della robotica e dell’automazione: settori in cui il Paese del Sol Levante figura stabilmente tra i principali produttori ed esportatori di tecnologie. Una presenza in loco più strutturata si tradurrà in tempi di consegna ridotti, migliore assistenza e tempestività, ma anche in una maggiore vicinanza culturale, grazie alla presenza di personale locale in grado di garantire a Rollon un approccio più funzionale ed efficace verso il mercato. Un percorso di consolidamento in Asia che il Gruppo di Vimercate ha già seguito con successo nelle due filiali di Bangalore (India) e Shangai (Cina), dove i clienti si possono rapportare direttamente con lo staff tecnico locale con maggiore facilità e immediatezza. “L’apertura di una filiale in Giappone non è un traguardo ma un nuovo punto di partenza”, ha affermato Eraldo Bianchessi, Presidente e CEO di Rollon. “L’85% del nostro fatturato è realizzato all’estero: per noi l’export ha un’importanza fondamentale e in quest’ottica guardiamo con sempre maggiore attenzione all’Asia, un mercato da cui ci aspettiamo una crescita notevole anche per i prossimi anni. L’apertura di una nuova filiale in un hub internazionale della grande industria come il Giappone ha inoltre una profonda valenza strategica, dato che ci permette di avvicinarci ai centri direzionali dei principali produttori di macchine utensili del mondo”.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria