Menu
Wednesday, 18 Ottobre 2017
A+ A A-

È robotizzata ed è una cella di pannellatura

Iron è stata grande protagonista dell’ultima edizione di Lamiera dove ha tenuto a battesimo IRONBEND® la nuovissima cella di pannellatura robotizzata studiata per realizzare pannelli di dimensioni medio piccole.

di Claudia Radaelli

Giugno Luglio 2017

IRON è nome importante tra i costruttori italiani di macchine per la lavorazione della lamiera da coil, ambito nel quale dal 1969 (anno di nascita) persegue un cammino costante sul piano dell’innovazione, della tecnologia e della qualità. Non a caso, per continuare a crescere e innovare ha da tempo creato un dipartimento dedicato alla ricerca e sviluppo supportato dal fondatore e da collaboratori che hanno garantito negli anni il passaggio generazionale ai figli Franco e Patrizia Dalla Pace che oggi guidano l’azienda in un mercato profondamente mutato nelle richieste e nelle aspettative cui IRON ha saputo adeguarsi e reagire forte della propria tradizione e del know how tecnologico maturato negli anni.

Una cella robotizzata di pannellatura
Di recente, IRON è stata tra le protagoniste dell’edizione milanese di fiera Lamiera in cui ha proposto una cella automatica, o meglio, robotizzata di pannellatura. Un concetto di macchina per certi versi nuovo per l’azienda di Mareno di Piave non processando materiale da coil, bensì da quadrotti semilavorati tagliati a misura che ha attratto l’interesse dei visitatori per l’intera durata della manifestazione.
Denominata IRONBEND® la cella ha nella stazione di pannellatura il cuore pulsante della sua operatività; una struttura ben costruita in carpenteria elettrosaldata e stabilizzata. La pannellatrice è gestita totalmente da motori brushless digitali Siemens che permettono la piegatura secondo un profilo ricavato da disegno. Tutti gli assi si muovono su guide e carrelli a ricircolo di sfere, il movimento è ottenuto per mezzo di viti a ricircolo di sfere con trasmissione al motore brushless per mezzo di cinghia ad alte prestazioni. La pannellatrice permette di eseguire pieghe positive e negative, di altezza massima pari a 150 mm. La larghezza massima del foglio processabile può essere di 1.000, 1.500 o 2.000 mm per uno spessore massimo di 1,5/2 mm. La stazione di pannellatura è dotata di una serie di utensili di piega (fissaggio di tipo manuale) e di un piano di centraggio e appoggio foglio dotato di sfere e di un cilindro pneumatico che permette di inclinare il piano e facilitare il centraggio e la movimentazione del formato. L’intero sistema è fissato su di un basamento costruito in carpenteria elettrosaldata, su cui sono appunto fissate la pannellatrice e il robot; ciò permette un facile posizionamento e allineamento a pavimento, riducendo i tempi di installazione e avviamento impianto.

Robot di manipolazione e dispositivo di presa pezzo
Il robot antropomorfo a sei assi integrato nella cella è in grado di lavorare praticamente con ogni tipologia di pannello da produrre. Estremamente flessibile e versatile e è perfetto per la manipolazione di pannelli per il settore delle scaffalature, degli armadi e delle scatole elettriche, dei mobili metallici, degli ascensori, degli elettrodomestici, e per l’automotive. È la soluzione ottimale per impianti di questo tipo efficienti e con tempi di ciclo imbattibili. Inoltre, grazie alla sua struttura robusta, il robot è in grado di lavorare senza sosta su tempi lunghi in modo molto affidabile e con la massima disponibilità.
Il dispositivo di presa dei fogli è dotato di attacco rapido per una facile intercambiabilità con altri dispositivi di presa applicabili al braccio del robot ed è equipaggiato con ventose per la manipolazione del foglio, dimensionate in funzione delle dimensioni massime del pannello. Tre le grandezze disponili, 170 x 170 mm per la versione da 1.000 mm di larghezza, 300 x 170 mm per la versione da 1.500 e 500 x 170 mm  per quella da 2.000 mm. Questo dispositivo è completo di pompa a vuoto, dispositivo di esclusione ventose non interessate e sensori di controllo, presenza foglio e doppio foglio. Il sistema IRONBEND® è interamente gestito con controllo numerico CNC Sinumerik 840 D SL con interfaccia operatore a colori 12” TFT con sistema operativo Windows XP. Dotato di ingresso USB e porta Ethernet per collegamento alla rete aziendale. Il programma di simulazione macchina utensile in grado di controllare tutti i suoi allarmi, dare il tempo di esecuzione del pezzo e comunicare direttamente con essa. Processo di lavorazione automatico, non presidiato. IRONBEND® viene fornito un software CAM che permette di creare il programma di pannellatura direttamente dal disegno DWG/DXF.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria