Menu
Monday, 26 Giugno 2017
Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 66
A+ A A-

Tutto pronto per la première milanese

Si avvicina il debutto milanese di LAMIERA, la biennale internazionale dedicata all’industria delle macchine utensili a deformazione e a tutte le tecnologie innovative legate al comparto, che si terrà per la prima volta presso il complesso fieristico di Rho dal 17 al 20 maggio. Come sottolineato nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, la fiera si propone sempre più come punto di riferimento in un settore, quello della lavorazione e deformazione della lamiera, che vede l’Italia tra i maggiori protagonisti al mondo.

di Fabrizio Dalle Nogare

Aprile 2017

Nessun incidente - metaforico - di percorso sulla strada che da Bologna porta a Milano. Dal 17 al 20 maggio prossimi LAMIERA, la biennale internazionale dedicata all’industria delle macchine utensili a deformazione e a tutte le tecnologie innovative legate al comparto, debutterà, infatti, nel complesso fieristico milanese di Rho. E le premesse perché sia un’edizione di successo ci sono tutte. Oltre 440 aziende esporranno le loro novità tecnologiche nei 40.000 m2 distribuiti tra il padiglione 13 e il 15 della fiera. I settori interessati sono quelli delle macchine per la deformazione della lamiera, macchine per la lavorazione di barre, tubi e profilati, presse, macchine per la tranciatura e punzonatura, laser, robot, automazione, stampi, trattamenti termici, trattamento e finitura superfici, fili e carpenteria metallica, subfornitura.

La spinta arriva da un contesto economico favorevole
Le macchine per la deformazione e il taglio della lamiera, il taglio laser e la saldatura costituiranno il cuore dell’esposizione milanese. “D’altra parte - ha affermato Massimo Carboniero, presidente UCIMU-Sistemi per produrre - nelle graduatorie internazionali di comparto l’Italia recita un ruolo di primo piano. Terzo tra i produttori, secondo tra gli esportatori, e quarto nella classifica dei consumatori, il paese può contare su imprese leader specializzate nella deformazione e lavorazione della lamiera e su una domanda vivace e dinamica. LAMIERA poggia le sue basi su presupposti quali competenza dei produttori locali e ricettività del mercato interno, dimostrandosi capace di attrarre anche espositori stranieri e potendo beneficiare, per questa edizione, di un contesto economico particolarmente favorevole”. Nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, che si è tenuta lo scorso 14 marzo, il presidente Carboniero si è soffermato anche sulle opportunità offerte dal Piano nazionale Industria 4.0 per il rilancio del manifatturiero in Italia. “Il consumo di sistemi di produzione è atteso in crescita anche nel 2017 e vedo, anche grazie agli eventi finora organizzati per discutere sul tema, sempre maggiore consapevolezza da parte degli imprenditori”.

Tre aree tematiche e 13 delegazioni dall’estero
Ad arricchire la manifestazione saranno anche le nuove aree tematiche incentrate su prodotti e soluzioni connessi con le tecnologie della deformazione. Sono già oltre 30 le imprese che fanno parte della nuova area Fastener Industry, dedicata a viti, bulloni, sistemi di serraggio e fissaggio; più di 20, invece, sono le imprese che fanno parte di Ecocoatech, spazio realizzato in collaborazione con ANVER, Associazione Verniciatori Industriali, che presenta tutti i processi interoperazionali più innovativi per la verniciatura della lamiera. A completamento dell’offerta c’è Blech Italy Service, incentrato su subfornitura tecnica e servizi all’industria. “Se guardiamo la manifestazione nel dettaglio - ha affermato Alfredo Mariotti, direttore generale di UCIMU-Sistemi per produrre - cresce il numero degli espositori (+12%) e cresce lo spazio (+15%) ma cresce soprattutto il contenuto dell’evento che, in virtù dell’offerta in mostra e delle numerose iniziative previste a corollario, saprà richiamare un numero ancora maggiore di visitatori”. Mariotti ha inoltre sottolineato un dato emerso dalle rilevazioni sui visitatori delle ultime edizioni di LAMIERA: l’82% dei visitatori è coinvolto nelle decisioni di acquisto. Un dato importante, che mostra l’interesse concreto di chi si reca alla fiera verso i prodotti e le soluzioni in mostra. Il networking tra espositori e visitatori sarà favorito anche dall’iniziativa, promossa dall’associazione in collaborazione con Ministero dello Sviluppo Economico e ICE-Agenzia, che consiste nell’invito di 13 delegazioni di operatori esteri provenienti dai mercati più vivaci e promettenti quali: Algeria, Brasile, Canada, Cina, Germania, India, Iran, Marocco, Messico, Polonia, Russia, Serbia e Turchia.

La mostra dedicata al mondo del design
Infine, per la sua prima edizione nella capitale del design, LAMIERA proporrà LAMIERALIVING, mostra di una selezione di oggetti, accomunati dal prestigioso riconoscimento ADI Compasso d’Oro, realizzati, totalmente o in parte, con macchine e tecnologie a deformazione. L’iniziativa è sviluppata in collaborazione con la delegazione lombarda di ADI, Associazione per il Disegno Industriale. “La mostra LAMIERALIVING segna l’avvio della collaborazione tra ADI e UCIMU-Sistemi per produrre per dimostrare l’importanza delle lavorazioni dei metalli che da sempre accompagnano il benessere quotidiano e il prestigio del made in Italy a livello planetario”, ha detto Luciano Galimberti, presidente ADI, Associazione per il Disegno Industriale. Un intrigante diversivo per i visitatori di LAMIERA che, all’interno del padiglione 15, potranno ammirare alcune delle creazioni che hanno fatto la storia del design italiano. Tra i brand che hanno aderito ci sono Alessi, Aresline, Artemide, Caimi, Campagnolo, Desalto, Forky, Grivel, Ifi, Illy, Lorenz, Luce Plan, Magis, Moroso, Opinion Ciatti, Piaggio, Rimadesio, TechnoGym, Thermomat, Tubes, Vice Versa e Yooda.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria