Menu
Friday, 21 Luglio 2017
A+ A A-

Nuove soluzioni aiutano il saldatore

Il nuovo inverter per MMA/TIG Renegade di ESAB pesa 15 kg, fornisce fino a 300 A a un ciclo di lavoro del 40% e offre funzionalità aggiuntive che ne fanno la soluzione ideale nelle applicazioni di saldatura di livello industriale. Il nuovo inverter per MMA/TIG Renegade di ESAB pesa 15 kg, fornisce fino a 300 A a un ciclo di lavoro del 40% e offre funzionalità aggiuntive che ne fanno la soluzione ideale nelle applicazioni di saldatura di livello industriale.

La nuova saldatrice ESAB Renegade ES 300i MMA/LiveTIG offre più potenza in una soluzione portatile così come la nuova maschera per saldatura automatica ad alte prestazioni Sentinel™ A50 assicura elevato comfort per gli operatori unito a una notevole funzionalità operativa.

di Lorenzo Benarrivato

Marzo 2017

ESAB Welding & Cutting Products è nome di spicco nel campo della saldatura e del taglio come confermano alcune delle ultime novità presentate quali la saldatrice portatile Renegade ES 300i o la nuova maschera per saldatura Sentinel A50. Vediamone le caratteristiche a iniziare dalla saldatrice Renegade ES 300i MMA (SMAW)/LiveTIG (GTAW, ovvero una macchina per saldatura MMA/TIG basata su inverter che offre la massima potenza in un formato compatto: pesa 15 kg, misura 460 x 200 x 320 mm e fornisce una corrente di uscita massima di 300 A a un ciclo di lavoro del 40%. Le impugnature anteriore, posteriore e superiore facili da afferrare, offrono all’operatore la massima flessibilità per il trasporto della macchina. Gli operatori possono facilmente superare ostacoli, salire scale e passare attraverso fori di ispezione. Tutto questo rende la saldatrice Renegade una macchina per saldatura ottimale per cantieri navali e offshore, cantieri edili, interventi di riparazione e manutenzione e per l’industria pesante. “La saldatrice Renegade è una macchina di nuova generazione per saldature sul campo che offre maggiore potenza e ha una struttura tale da essere più facilmente trasportabile su qualsiasi sito di lavoro” afferma Martin Freibergs, Business Product Manager - Arc Equipment, ESAB. “Se la saldatrice Renegade non può essere posizionata in prossimità del luogo dell’intervento, la sua grande potenza consente di utilizzare cavi di saldatura fino a una distanza di 100 m, mentre un dispositivo di controllo remoto dell’amperaggio ne estende la portata operativa garantendo la massima precisione su lunghe distanze”. Per una maggiore flessibilità, la rilevazione automatica della tensione di alimentazione consente alla macchina di accettare un’alimentazione primaria trifase compresa tra 230 V e 480 V ±10%. Il design unico delle impugnature della saldatrice Renegade consente di riporre i cavi: gli operatori possono preparare rapidamente la macchina per il trasporto avvolgendoli attorno alle impugnature, bloccandoli poi con un’apposita tracolla. La custodia della saldatrice Renegade, realizzata in materiale composito a elevata resistenza, è stata progettata per resistere alle condizioni più difficili di qualsiasi altra macchina presente sul mercato.

Potenza e prestazioni
La saldatrice Renegade è in grado di fornire una corrente di uscita compresa tra 5 e 300 A, inclusa la funzione LiveTIG per saldatura TIG dove l’accensione HF non è permessa. In grado di saldare con elettrodi fino a 6 mm e dotata della funzione di scriccatura con elettrodi di carbone di diametro massimo di 4,8 mm, la Renegade è la saldatrice più potente nella sua classe di peso. Fra le funzionalità, è incluso l’Hot Start regolabile, che offre l’energia ottimale durante la sequenza di innesco, migliorando l’accensione. Analogamente, l’Arc Force regolabile consente all’operatore di regolare le caratteristiche dell’arco al fine di trovare il corretto bilanciamento fra controllo arco, penetrazione ed estetica del cordone. Le impostazioni possono essere salvate in una delle tre funzioni di memoria. “In quanto inverter di nuova generazione, la saldatrice Renegade offre un controllo della saldatura ottimale per un arco più stabile, una minore quantità di spruzzi e un innesco/arresto dell’arco migliorati” afferma Freibergs.

Maggiore comfort agli operatori
Come detto però, la saldatrice Renegade non è l’unica new entry in casa ESAB che ha aggiunto la nuova maschera per saldatura automatica ad alte prestazioni Sentinel™ A50, alla propria gamma di prodotti. Il design radicalmente nuovo della maschera offre un caschetto interno ergonomico e la massima flessibilità di regolazione per aumentare produttività, funzionalità e usabilità. Le caratteristiche avanzate della maschera Sentinel A50 comprendono un caschetto interno regolabile in cinque punti, un’area di visione di 100 x 60 mm, un pulsante esterno di attivazione della modalità molatura, un pannello di controllo con touch screen a colori e una lente di copertura anteriore convessa disponibile in varie tonalità, sostituibile in 10 s . “La tecnologia applicata è la stessa utilizzata quotidianamente sui nostri smartphone” afferma Guy Shelverton, Global Product Manager, ESAB. “Da oggi i saldatori possono utilizzare questa tecnologia per lavorare più agevolmente ed essere più produttivi sul luogo di lavoro”. Il caschetto interno regolabile in cinque punti Halo™ della maschera Sentinel A50 offrirà immediatamente maggiore comfort agli operatori. Il design ergonomico con profilo ribassato garantisce una migliore distribuzione del peso grazie ai cinque punti di contatto, compreso un punto centrale che lascia il massimo spazio alla testa quando la maschera è in posizione sollevata. I punti di contatto aggiuntivi consentono circa 500.000 diverse configurazioni del caschetto interno, cinque volte in più rispetto alle normali maschere per saldatura. Oltre al caschetto interno migliorato, la maschera Sentinel A50 vanta una lente ADF di classe ottica elevata con area di visione di 100 x 60 mm per una maggiore visibilità e percezione spaziale. Grazie alla classe ottica 1/1/1/2, con la maschera Sentinel A50, i saldatori sono certi di disporre di una visione nitida, chiara e uniforme del bagno di saldatura. La tecnologia True Color consente agli operatori di ottenere una migliore visione del bagno di saldatura e dell’area circostante, aiutando a mantenere il bagno di saldatura centrato sul punto di giunzione.

Elevata funzionalità
Per la molatura viene attivata la modalità corrispondente esternamente, all’altezza della tempia della calotta, evitando agli operatori di rimuovere la maschera durante il passaggio da operazioni di saldatura a operazioni di molatura. La modalità di molatura è facilmente accessibile e disattivabile con la semplice pressione del pulsante per due secondi. Grazie al pulsante di molatura esterno, gli operatori riducono al minimo i tempi di inattività passando rapidamente da un’applicazione all’altra senza dover accedere ad alcun interruttore interno sul pannello di controllo. La maschera Sentinel A50 comprende una lente di copertura anteriore convessa che previene l’accumulo di spruzzi e può essere facilmente rimossa e sostituita. La lente di copertura, principale prodotto di consumo di una maschera per saldatura, è il componente maggiormente esposto durante la lavorazione: spruzzi costanti, scintille e calore usurano e consumano la lente impedendo una visione adeguata. La lente di copertura sferica a rilascio rapido si sgancia con la semplice pressione di un unico pulsante. L’operazione avviene in 10 s, riducendo al minimo il tempo di sostituzione dei componenti. La forma sferica della lente di copertura riduce inoltre i piccoli incavi e spazi in cui si accumulano e penetrano gli spruzzi, in particolare nel caso della saldatura sopratesta. Sulla lente di copertura viene applicato un rivestimento anti-graffio per una maggiore durata del componente e per offrire una resistenza più elevata ai graffi. Gli operatori apprezzeranno il grande schermo touch screen della Sentinel A50 con display retroilluminato a colori, facilmente leggibile in condizioni di scarsa luminosità. L’interfaccia della maschera è nitida, intuitiva e accessibile con la semplice pressione di un pulsante. La struttura semplice dell’interfaccia consente agli operatori di prendere la maschera, accendere lo schermo e attivare tutte le funzioni in modo intuitivo. Inoltre la tecnologia della lente digitale della maschera offre all’operatore il massimo controllo per regolare tonalità (da 5 a 13) e sensibilità. L’interfaccia contiene otto impostazioni di memoria, consentendo al saldatore di passare facilmente da un’applicazione o da un processo all’altro.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria