Menu
Friday, 21 Luglio 2017
A+ A A-

In mostra la potenzialità della robotica

Lo scorso giugno, a Monaco di Baviera Automatica 2014 ha mostrato quella che sarà la produzione industriale del futuro: con 34.500 visitatori da oltre 100 Paesi e 731 espositori, ha puntato i fari sull’importanza della robotica e dell’automazione, mettendo a segno un ottimo debutto per la robotica di servizio.

di Claudia Dagrada

Settembre 2014

Come tradizione vuole, anche l’edizione 2014 di Automatica si è conclusa positivamente: la fiera internazionale di Monaco dedicata all’automazione e alla meccatronica, svoltasi lo scorso giugno, ha registrato un aumento dei visitatori di oltre il 10%, e del 7% degli espositori. Il Direttore della fiera, Reinhard Pfeiffer, ha sottolineato: “I tassi di crescita e l’alto livello di soddisfazione di espositori e visitatori confermano che Automatica ha ulteriormente consolidato la sua leadership”. Aggiunge Patrick Schwarzkopf, Direttore Generale di VDMA Robotik + Automation: “Come vetrina dell’innovazione, Automatica svolge un ruolo determinante per l’evoluzione dell’industria manifatturiera. È qui che gli operatori provenienti da tutto il mondo scoprono come sarà il futuro”.

Ottimizzare la propria produzione grazie alla robotica industriale
Il 32% dei visitatori è giunto dall’estero, registrando un incremento di oltre il 15%. “Il motto di Automatica “Optimize Your Production” gode di una congiuntura favorevole in tutto il mondo,” spiega Hans-Dieter Baumtrog, Presidente del Consiglio di Amministrazione di VDMA Robotik + Automation. “Il tema riguarda la qualità, la sicurezza e la sostenibilità dei prodotti. E, in questo contesto, le soluzioni di assemblaggio integrate, la robotica e la visione industriale sono le chiavi per il successo. La crescente internazionalità di Automatica è un chiaro indice di questa evoluzione”. Anche nell’UE il ruolo svolto dal settore risulta ben chiaro: Neelie Kroes, Vicepresidente della Commissione Europea, ha aperto Automatica 2014 annunciando il più grande programma mondiale di promozione e incentivazione della robotica civile: SPARC. Con un investimento complessivo di 2,8 miliardi di euro, l’Europa punta a consolidare la propria leadership nella robotica e a creare oltre 240.000 posti di lavoro.

Debutta in fiera la robotica di servizio professionale
La collaborazione fra uomo e macchina proietta la robotica e l’automazione in una nuova dimensione. I robot liberano gli operatori dalle mansioni monotone, nocive alla salute e a basso valore aggiunto, facendo diventare le postazioni di lavoro più produttive, flessibili ed ergonomiche. Con molti esempi concreti, Automatica ha dimostrato l’enorme potenziale anche per le piccole e medie imprese. La robotica di servizio, ormai matura per la commercializzazione, ha suscitato grande interesse: oltre 60 aziende specializzate in questo campo in ambito B2B hanno mostrato le straordinarie potenzialità di robot e componenti intelligenti nei campi della medicina e della cura della persona, dell’ispezione, della manutenzione e della logistica. L’azienda berlinese Argo Medical Technologies ha vinto la prima edizione del Service Robotics Masters Start-up Award con il suo “vestito esoscheletro”, che restituisce la capacità di camminare ai paraplegici.

Avanza la quarta rivoluzione industriale
L’attenzione di Automatica era puntata anche sulla quarta rivoluzione industriale, che ormai da tempo non è più solo un’ipotesi. Dimostrazioni dal vivo e presentazioni di specialisti hanno mostrato ai visitatori gli effetti concreti della Industry 4.0 sulla produzione. “La piena realizzazione dell’Industria 4.0 determinerà il nostro futuro, perché solo così possiamo riuscire a creare una forma di economia integrata, estremamente flessibile e capace di garantire l’uso efficiente delle risorse” ha dichiarato Kapferer.
Per scoprire le nuove evoluzioni del mercato, l’appuntamento con la prossima edizione di Automatica è fissato dal 21 al 24 giugno 2016.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria