Menu
Tuesday, 22 Maggio 2018

Nuovi modelli robusti e versatili

C.B. Ferrari ha introdotto sul mercato la nuova serie GT, composta da due nuovi centri evoluti ad alta velocità e precisione denominati GT1600 e GT2000. Modelli di particolare interesse per il costruttore di stampi.

di A.M.

Dicembre 2017

Attiva sul mercato dal 1966, la costante innovazione, l’orientamento alle massime prestazioni e l’elevata precisione dei prodotti, hanno portato
C.B. Ferrari a ricoprire una posizione ai vertici nella costruzione di centri di lavoro a CNC a 5 assi. L’azienda opera con due stabilimenti produttivi in Italia (Mornago, in provincia di Varese, e Modena), all’interno dei quali 170 dipendenti, forti di una lunga tradizione nel settore della meccanica di precisione, progettano e producono tutte le parti principali delle proprie macchine (compresi elettromandrini e tavole girevoli), realizzando internamente non solo le lavorazioni meccaniche ma anche quei processi, quali i trattamenti termici e la verniciatura, indispensabili per garantire la qualità e l’affidabilità nel tempo dei propri prodotti.

Gli stampisti in primo piano
L’industria degli stampi è il settore con cui C.B. Ferrari è nata e in cui vanta la più lunga tradizione. “Le nostre innovazioni, dalle macchine ad alta velocità ai software, ai servizi di ingegneria, sono punti chiave per aiutare gli stampisti a essere competitivi e vincenti nel mercato globale”, afferma Gabriele Tebaldi, Sales Manager
C.B. Ferrari. “Sia che si lavori stampi di forma complessa, stampi per micro parti, o stampi a iniezione di medie dimensioni, le macchine, l’esperienza e le tecnologie C.B. Ferrari offrono un’ampia gamma di possibilità per costruire i prodotti migliori con i cicli di lavorazione più brevi e una finitura superficiale di qualità superiore”.
Nel 2009, C.B. Ferrari ha ampliato la propria gamma di prodotti con l’introduzione della tecnologia laser di ablazione, soddisfacendo così le richieste di qualità e produttività sempre più esigenti dell’industria moderna degli stampi.

Centri di lavoro ad alta velocità a 5 assi continui
In occasione della scorsa edizione di EMO Hannover, l’azienda lombarda ha presentato la nuova serie di centri di lavoro ad alta velocità a 5 assi continui GT, disponibile in due versioni: GT 1600 e GT 2000.
“La nuova serie - sottolinea Tebaldi - presenta diverse novità, tra le quali spicca il nuovo design molto accattivante e soprattutto un’ampia area di lavoro che grazie alle corse, rispettivamente 1.600 o 2.000 mm per l’asse longitudinale,
820 mm per l’asse trasversale e 850 mm per l’asse verticale la pone ai vertici della sua gamma”.
La precisione e l’elevata dinamica dei movimenti di lavoro, rendono le macchine particolarmente indicate per il settore degli stampi e per lavorazioni che richiedono elevata accuratezza con alti gradi di finitura superficiale.
I due modelli GT 1600 e GT 2000 possono essere configurati a 3, 4 o 5 assi continui. Nella versione a 5 assi è prevista una tavola girevole con piattaforma diametro da 750 o 840 mm, annegata in una semitavola sagomata con dimensioni 1.500x1.000 mm,
in modo che il piano di lavoro sia perfettamente sullo stesso livello, per permettere di eseguire facilmente l’esecuzione di lavorazioni a 3 o a 4 assi.
Tutte le macchine sono dotate inoltre di righe ottiche assolute Heidenhain e tutti gli assi rotativi sono equipaggiati con encoder assoluti Heidenhain con risoluzione 0,0001°.
Per quello che riguarda la motorizzazione del mandrino, sono disponibili due tipi di elettromandrini di produzione C.B. Ferrari: a 16.000 giri/min con potenza da 33 kW e 105/140 Nm di coppia, oppure quello a 20.000 giri/min con rispettivamente potenza e coppia pari a 28 kW e 63/83 Nm.
Si può scegliere tra due alternative di magazzino utensile, la versione più semplice a 30 posti a ruota mobile oppure a 60 posti a catena con braccio di scambio.
Le macchine della serie GT vengono equipaggiate con il moderno CNC Heidenhain TNC640.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria