Menu
Monday, 18 Dicembre 2017

La precisione è la chiave della produttività

Specializzata nella costruzione di stampi trancia, plastica e pressofusione, Ste-ma è un’azienda lombarda che si affida da molti anni alle tecnologie di elettroerosione della multinazionale svizzera GF Machining Solutions.

di Alberto Marelli

Ottobre 2017

Progettazione e costruzione di stampi progressivi nonché di stampi per materie plastiche e pressofusione. È questa la carta d’identità di Ste-ma, azienda bergamasca (la sede è a Ciserano - località Zingonia) attiva sul mercato da oltre 40 anni.
Fondata nel 1974 da Santi Sterrantino, oggi coadiuvato dal figlio Fabio, Ste-ma si è costantemente evoluta restando sempre al passo con gli sviluppi delle tecnologie e con le necessità del mercato; questa continua crescita ha permesso all’azienda di acquisire nel tempo un solido “know how” di competenze specifiche e di essere oggi punto di riferimento nella costruzione degli stampi.
Come la maggior parte delle aziende italiane costruttrici di stampi, anche Ste-ma è stata fondata grazie all’intraprendenza del fondatore, che lavorava come dipendente in un’azienda del settore. “All’inizio dell’attività, in un’officina di soli 50 m2 a Pognano (BG), mi occupavo esclusivamente di stampi per estrusione dell’alluminio. Nel corso degli anni, l’azienda si è specializzata anche negli stampi plastica, grazie anche a un’acquisizione di un’azienda operante nel settore. Negli anni 2000, con l’ingresso sui mercati mondiali dei paesi emergenti, in primis la Cina, il settore della plastica subì un forte calo nel nostro Paese e di conseguenza decisi di ampliare ulteriormente i nostri ambiti produttivi entrando anche nel campo della tranciatura.
Ormai sono dieci anni che costruiamo stampi progressivi (stampi per macchine a induzione, per motori universali, per generatori eolici, per generatori di corrente, per alternatori settore automotive, per motori a poli schermati), e questa attività è diventata il nostro core business”. Circa l’80% del fatturato è dedicato agli stampi trancia (per i settori automotive, del bianco e delle pompe) mentre il restante 20% è suddiviso fra plastica e pressofusione.
Ste-ma è una realtà industriale con una forte vocazione internazionale. “Lavoriamo in ogni parte del mondo con Paesi quali Stati Uniti, Brasile, Germania, Svezia, Francia, Spagna, Austria...”. Nonostante ciò il mercato interno riveste notevole importanza per l’azienda bergamasca. “Attualmente il mercato nazionale riveste circa l’80% del fatturato. Il nostro obiettivo è comunque di riportare l’export introno al 50%”, afferma Bruno Lodi, Direttore Generale di Ste-ma.

Standard tecnologico ai più alti livelli
Partendo dalla progettazione fino alla produzione, ogni passaggio in Ste-ma è gestito internamente, forte di circa 40 addetti altamente qualificati. Solo per certi componenti standard l’azienda si avvale di partner esterni di fiducia.
Ste-ma mette a disposizione dei committenti le tecnologie più avanzate in molteplici tipi di lavorazioni come tornitura, fresatura, rettifica in piano e in tondo, elettroerosione a filo e tuffo, ecc.
Ma la vera forza di Ste-ma risiede nella capacità di risolvere le problematiche e nel sapersi adattare con la massima flessibilità alle esigenze dei clienti in termini di qualità e servizio. “Anche di fronte a richieste “fuori standard” o particolarmente impegnative, siamo in grado di fornire soluzioni rapide e innovative nel rispetto dei tempi e dei budget previsti”, afferma Sterrantino. “L’esperienza dei nostri progettisti è la vera risorsa che trasforma le esigenze dei nostri clienti in prodotti di qualità”.
Ste-ma offre ai propri clienti uno standard tecnologico ai più alti livelli, grazie ai propri impianti produttivi all’avanguardia e ad un’officina completamente specializzata.

Una partnership di lunga data
Come sopra citato, l’alta qualità professionale offerta da Ste-ma è basata non solo su un’esperienza quarantennale nel settore stampi, ma su un continuo aggiornamento tecnologico, sulla ricerca di soluzioni innovative e su misura per le esigenze di ogni singolo committente. “La performance di un motore varia molto in base allo spessore della lamiera”, spiega Sterrantino. “Negli ultimi anni c’è la tendenza a ridurre sempre più lo spessore della lamiera allo scopo di garantire maggiori prestazioni dei motori. Tutto ciò comporta una maggiore precisione dello stampo a causa del minor gioco tra matrice e punzone; lavoriamo infatti con precisioni inferiori al centesimo”.
Ed è a questo punto che entra in gioco l’impianto di elettroerosione a filo AgieCharmilles CUT P 550 di GF Machining Solutions, entrato recentemente a far parte dell’attrezzeria Ste-ma.
Una parte importante delle macchine per elettroerosione presenti nei reparti produttivi appartengono al gruppo svizzero GF Machining Solutions. “La nostra collaborazione con GF Machining Solutions è iniziata anni fa con l’acquisto del primo impianto, che si è subito dimostrato un valido investimento. Nel corso degli anni abbiamo continuato a investire in questo marchio - attualmente abbiamo circa 15 impianti - perché riteniamo che siano macchine affidabili e ad alte prestazioni”, sostiene Sterrantino.
Il rapporto tra GF Machining Solutions e Ste-ma non si limita all’acquisto della sola macchina, ma in realtà è una vera e propria collaborazione. “Collaboriamo attivamente per migliorare il livello tecnologico delle macchine”, sottolinea Lodi.

Necessarie macchine performanti
L’impianto di elettroerosione a filo AgieCharmilles CUT P 550 entrato recentemente in Ste-ma sarà dedicato alla realizzazione delle parti più importanti dello stampo. “Con questo impianto lavoreremo componenti in metallo duro con durezza 78 HRc”, spiega Sterrantino. “Il metallo duro è un materiale costituito di particelle dure di carburo di tungsteno inglobate in una matrice metallica (spesso cobalto). Viene prodotto attraverso un processo di sinterizzazione, cioè polveri fini che vengono mescolate, pressate e poi riscaldate mantenendo un’elevata pressione in modo che i granuli delle polveri si uniscano a formare un pezzo unico.
Per lavorare questo tipo di materiale sono necessarie macchine estremamente performanti, come lo è sicuramente l’impianto AgieCharmilles CUT P 550”.
Gli impianti della serie AgieCharmilles CUT P comprendono quattro modelli di taglia crescente: AgieCharmilles CUT P 350, 550, 800 e 1250 che vanno a integrarsi tra la gamma delle macchine da produzione della serie AgieCharmilles CUT E e quelle di elevata precisione della serie AgieCharmilles CUT 1000 X, 2000 X/S e 3000 X/S.
Le macchine utilizzano lo stesso generatore IPG (Intelligent Speed Generator) che permette di ottenere un’elevata performance di finitura abbinata ad un aumento di produttività rispetto alla serie precedente e a consumi ridotti di filo. Gli ambiti d’applicazione sono molteplici e trovano ampio spazio dai segmenti dell’elettronica, della microelettronica e del medicale a quello degli stampi termoplastici o della tranciatura. La gamma riassume in un unico prodotto tutte le competenze e le soluzioni migliori dei marchi storici.

Progettate per produrre e per abbattere il costo d’esercizio e i tempi di consegna
Che si tratti di una microlavorazione per un componente medicale o di uno stampo automotive da 6 t, la serie CUT P è progettata per permettere ai propri utilizzatori di espandere i propri orizzonti e il proprio business; l’aumento di produttività per parti precise raggiunge valori del 20% rispetto alla serie precedente. La termostabilizzazione, l’integrazione con sistemi d’automazione e l’affidabilità di processo garantita completano il quadro per consentire la produzione su più turni anche in ambienti non climatizzati con precisione costante.
La tranquillità di eseguire il set up in tempi stretti anche per processi automatizzati o multipli nello stesso piazzamento è, inoltre, garantita dall’esclusivo sistema anticollisione che preserva la macchina da eventuali danni e fermi prolungati. Sempre in materia di set up non è da dimenticare l’interfaccia utente semplice e intuitiva tramite lo schermo generoso da 19” con tecnologia touch. “I nostri operatori devono seguire diverse macchine e quindi operare su un CNC di semplice utilizzo è molto importante. L’interfaccia utente del controllo della AgieCharmilles CUT P 550 è simile a quello delle macchine già presenti in officina”, afferma Sterrantino.
L’utilizzo di fili performanti AC Cut e delle 600 tecnologie già presenti a bordo macchina permette, inoltre, di proiettare ulteriormente in avanti la performance di taglio, utilizzando sempre i parametri ideali per il proprio materiale e per i propri applicativi. Il costo d’esercizio viene ulteriormente abbattuto, oltre che dal minor consumo di filo, anche da un consumo di energia ridotto del 25% rispetto alla serie precedente.

Precisione in ogni situazione
In qualsivoglia situazione di lavoro, sia microlavorazioni o produzione di parti di grandi dimensioni, gli impianti della serie AgieCharmilles CUT P sono particolarmente indicati per ogni utilizzatore che voglia ottenere sempre la precisione dovuta, anche fino ad arrivare a tolleranze e finiture di tutto riguardo e ripetibili. È possibile raggiungere precisioni nell’arco dei 2 µm e finiture superficiali fino a Ra 0,08 µm. Ulteriore qualità è sicuramente quella relativa al taglio conico, possibile su tutta la corsa utile, per cui è possibile rientrare in 10 secondi di accuratezza; i profili con bassa tolleranza di rettilineità e privi di rigature sono facilmente eseguibili con l’esclusivo sistema Taper EXPERT di GF Machining Solutions. Anche in tema di precisione la termostabilizzazione che può equipaggiare le macchine gioca un ruolo fondamentale, soprattutto nelle lavorazioni di lunga durata.

Esperienza e affidabilità
Tutte le competenze e l’esperienza di GF Machining Solutions sono riassunte nella gamma AgieCharmilles CUT P, che sfrutta molte delle tecnologie e delle soluzioni esclusive del marchio elvetico che, oltre a porsi come innovatore, fa anche tesoro di tutti gli anni d’esperienza e di sviluppi generati, nonché delle competenze del proprio staff di tecnologi che continuamente affinano tecnologie di taglio specifiche per le più svariate situazione di lavoro. A livello Italia, GF Machining Solutions dispone di un servizio diretto a supporto dei propri clienti, anche attraverso l’organizzazione di training specifici e di sessioni personalizzate per spingere la performance delle proprie soluzioni in modo mirato sugli applicativi del cliente, aumentando la competitività del suo processo.

Industria 4.0 e Connettività
Il fatto di essere proprietari di tutte le tecnologie per la meccanica di precisione, delle attrezzature e dell’automazione, GF Machining Solutions è, per estrazione, un’azienda rivolta all’industria 4.0. Gli impianti AgieCharmilles CUT P possono essere collegati al service GF tramite la piattaforma r-Connect, che permette di monitorare il funzionamento in remoto e di correggere eventuali anomalie, nonché di aiutare l’utilizzatore. Lo scambio dati con il sistema aziendale può essere assicurato su vari livelli, fino all’integrazione del macchinario in un sistema di più macchine grazie ai software System 3R Workshop Manager e Cell Manager.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Utensili

Comunicazione tecnica per l'industria