Menu
Saturday, 27 Maggio 2017

Estesi i confini della simulazione

Giunta alla release 18, la piattaforma di simulazione ANSYS ha ulteriormente migliorato le capacità degli strumenti, la loro velocità e la semplicità d’uso, per favorirne l’adozione a ogni livello in azienda.

di E.B.

Aprile 2017

La nuova release ANSYS® 18 permette agli ingegneri, dal principiante al più esperto, di utilizzare il software di simulazione per l’intero ciclo di vita del prodotto. Questa nuova generazione di soluzioni di simulazione a marchio ANSYS, che si basa su decenni di tecnologia d’avanguardia, dà origine ai più completi e accurati prototipi digitali in tutti i settori: dall’analisi fisica all’elettronica, al software embedded. Questa release, ricca di funzionalità, estende i confini della simulazione dalle prime fasi del processo di sviluppo per l’esplorazione digitale fino ai digital twin, i “gemelli digitali” che portano la simulazione in ambito operation e di manutenzione dei prodotti.

Per automatizzare molte fasi della simulazione
Le industrie moderne stanno assistendo a un’importante trasformazione per quanto riguarda produzione e sviluppo di prodotto. I trend attuali quali Internet of things, additive manufacturing e machine learning contribuiscono sempre più alla fusione tra mondi fisici e digitali. L’opportunità è immensa, ma crea anche incredibili livelli di complessità attraverso l’intero ciclo di vita del prodotto. “Le tecnologie emergenti e le mutate aspettative dei clienti stanno favorendo una profonda trasformazione nel modo in cui i prodotti vengono fabbricati e immessi sul mercato. In tale contesto la simulazione ricopre un ruolo fondamentale poiché offre agli ingegneri gli strumenti necessari per innovare e trasformare i prodotti attraverso l’intero ciclo di vita”, ha dichiarato Ajei Gopal, Presidente e CEO di ANSYS. “Grazie ad ANSYS 18, i clienti possono utilizzare la simulazione già nella prima fase del processo di sviluppo per poter valutare rapidamente eventuali modifiche da apportare al progetto e - successivamente - per effettuare analisi in tempo reale dei dati operativi, offrendo alle aziende informazioni innovative per favorire innovazione, efficienza operativa, qualità del prodotto, riduzione dei costi e time to market”. La nuova interfaccia ANSYS AIM è stata infatti pensata per automatizzare molte fasi della simulazione, consentendo anche ai progettisti e agli analisti meno esperti di accedere con semplicità e attraverso workflow guidati all’intero processo di verifica del progetto. Il tutto senza compromessi sulla velocità e sulla affidabilità dei solutori multifisici.

Simulazione “pervasiva”
La simulazione consente agli ingegneri di “immaginare” più opzioni, una tendenza che ANSYS definisce simulazione “pervasiva”. L’aumentata facilità di utilizzo della simulazione ANSYS consente a un maggior numero di utenti di usufruirne già nelle prime fasi del processo di progettazione. Inoltre, la sua maggiore scalabilità permette di valutare rapidamente migliaia di scelte per una progettazione ottimale. ANSYS 18 si integra anche con piattaforme di Internet of things per simulare i digital twin degli asset operativi. Le decisioni di progetto iniziali rappresentano la maggior parte dei costi di un prodotto. Grazie alle funzionalità di esplorazione digitali presenti in ANSYS 18, gli utenti possono inizialmente testare centinaia di concept e valutare rapidamente le prestazioni dei prodotti, ottimizzando la corrispondenza con le specifiche tecniche quali robustezza, potenza, calore, pressione, e molti altri. Attraverso questa esplorazione digitale, i progettisti e gli ingegneri saranno in grado di identificare le combinazioni ottimali, esplorando ed eliminando alternative di progetto non efficaci e risparmiando quindi tempo e denaro. Le aziende stanno inoltre estendendo l’utilizzo della simulazione alle operation con la creazione dei digital twins, rappresentazioni virtuali di asset operativi individuali le cui performance e produttività possono essere migliorate attraverso la tecnologia di simulazione. I sensori sulla macchina trasmettono dati di funzionamento specifici, quali temperatura, vibrazioni, impatto e loading ai digital twin. Questo feedback continuo, supportato dalla simulazione numerica che viene eseguita in tempo reale, aiuta gli ingegneri a ottimizzare il funzionamento di una macchina o di un sistema e consente di prevedere condizioni avverse molto prima che accadano, risparmiando molto sui costi di produzione e ottimizzazione della manutenzione. ANSYS 18 - in combinazione con applicazioni di partner quali GE Predix e PTC ThingWorx - consente agli utenti di creare i digital twins e applicare analisi predittive per ottimizzare le prestazioni e l’operatività del prodotto sul campo. “L’Internet industriale consente di ottenere maggiori informazioni e controllo e di ottimizzare i processi decisionali legati all’operatività e - in questo contesto - la simulazione ricopre un ruolo significativo”, ha dichiarato John Magee, Chief Marketing Officer di Predix, GE Digital. “Grazie alla collaborazione con ANSYS possiamo disporre di funzionalità di modellazione e simulazione che ci permettono di raccogliere dati e offrire ai nostri clienti migliori strumenti decisionali. La combinazione dei tool di simulazione ANSYS con la piattaforma Predix di GE ci consente di offrire al mondo industriale una soluzione ancora più solida e sofisticata”.

Altro in questa categoria: « Un obiettivo: l’America’s Cup

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Utensili

Comunicazione tecnica per l'industria