Menu
Thursday, 21 Settembre 2017

Uno strumento per gestire l'innovazione

Grazie ai continui miglioramenti in termini di produttività, collaborazione e gestione dei dati di prodotto, SolidWorks 2017 assicura a oltre tre milioni di utenti di sfruttare il potenziale emotivo del design per creare esperienze evolute.

di Alberto Marelli

Novembre 2016

Dassault Systèmes ha organizzato lo scorso settembre un incontro per presentare alla stampa tecnica SolidWorks® 2017, la nuova release del portafoglio di applicativi per la progettazione in 3D caratterizzata da 520 miglioramenti. All’evento erano presenti Lisa Bettin, SolidWorks, Professional Channel Marketing Manager Italia, Balcani, Israele; Marco Gazzetto, SolidWorks, Direttore Vendite Italia, Balcani, Israele; Gualtiero Marcellan, SolidWorks, Area Senior Technical Manager. “I nostri clienti - ha spiegato Marco Gazzetto - devono affrontare quotidianamente le sfide legate all’innovazione. Il mondo sta diventando sempre più complesso, e le aziende per restare competitive devono rispondere in modo rapido ed efficace alle richieste che giungono dal mercato. SolidWorks 2017 permette di ridurre i tempi di progettazione e quindi aumentare il tempo a disposizione delle imprese manifatturiere per fare innovazione”. “SolidWorks 2017 - continua Gazzetto - fornisce un ecosistema completo di sviluppo prodotto adatto all’adozione semplicissima da parte delle start-up come delle grandi imprese globali. La nuova release, che permette di aprire e riutilizzare qualsiasi modello 3D, è dotata di strumenti ultra-veloci, flessibili e accessibili ovunque con ogni tipo di device, oltre che di numerose nuove funzionalità per gestire con successo le tecnologie emergenti come l’additive manufacturing”.

Potenza e prestazioni ancora superiori
Basato sulla piattaforma 3DEXPERIENCE di Dassault Systèmes, SolidWorks 2017 aiuta i protagonisti dell’innovazione a progettare, validare, collaborare, costruire e gestire i loro processi di sviluppo dei prodotti con una suite di applicativi integrati. La nuova versione offre potenza e prestazioni ancora superiori, oltre a nuove funzionalità per realizzare attività produttive “senza carta” grazie alla Model Based Definition e per la progettazione di circuiti stampati (PCB). Tutti gli utenti, da quelli nuovi ai più esperti, possono aumentare la produttività sfruttando la simulazione per analizzare, risolvere, visualizzare e verificare le funzionalità di un progetto prima ancora che venga creato un prototipo. Nuovi strumenti agevolano la collaborazione fra fornitori e clienti su qualsiasi modello 3D, mentre la gestione dinamica dei dati di prodotto (PDM), dal progetto concettuale iniziale fino alla produzione, favorisce una maggiore efficienza nella gestione di team distribuiti in diverse sedi. “SolidWorks 2017 semplifica il processo di progettazione e sviluppo grazie al miglioramento dell’esperienza dell’utente, nuove funzionalità per tecnologie emergenti e funzionalità evolute per la collaborazione con team e reti di partner”, ha affermato Gazzetto. “Ogni anno i riscontri forniti dalla grande community di SolidWorks guidano la nostra attività di ricerca e sviluppo, contribuendo all’evoluzione di una gamma di prodotti flessibile che risponde alle esigenze delle imprese, dei progettisti e degli ingegneri”. SolidWorks 2017 è stata sviluppata considerando cinque pilastri fondamentali: Innovazione (nuove funzionalità che aiutano a integrare le tecnologie emergenti); Progettazione (maggiore potenza e prestazioni per velocizzare il lavoro di progettazione); Convalida (idee progettuali che consentono di sviluppare prodotti innovativi); Collaborazione (sbloccare tutti i modelli 3D per lavorare con SolidWorks); Creazione e Gestione (integrazione dei dati, dalla fase concettuale fino alla produzione per soddisfare le esigenze aziendali).
Nei prossimi paragrafi entreremo più nei dettagli delle principali novità, funzionalità e migliorie di SolidWorks 2017 richieste dagli utenti.

Innovazione
La prima novità riguarda la possibilità di fare innovazione puntando direttamente sulla progettazione di circuiti stampati. Grazie a SolidWorks PCB è infatti possibile sincronizzare direttamente la parte elettronica e meccanica di un progetto combinando le competenze specifiche di Altium nella progettazione elettronica e la facilità d’uso di SolidWorks. Tutto ciò attraverso un ambiente unificato con diagrammi e strumenti di layout per selezionare le opzioni di instradamento (routing) migliori in base ai vincoli progettuali, con funzioni di Interactive Routing, AutoRoute, Multi-Track e Differential Pair, individuazione e selezione di nuovi componenti basate su dati dei fornitori in tempo reale, e integrazione dei modelli SolidWorks nell’ambiente di progetto PCB per verificare l’intento progettuale elettromeccanico.

Progettazione
Con SolidWorks 2017 il processo di progettazione è più veloce grazie a potenza e prestazioni superiori. Il processo di progettazione viene accelerato grazie a nuovi strumenti per smussi, raccordi e fori che consentono di creare smussi multipli variabili con una sempre operazione, trasformare qualsiasi smusso esistente in un raccordo e viceversa per apportare modifiche in pochi secondi, catturare le definizioni dei fori e applicare specifiche memorizzate in un istante e, infine, realizzare più velocemente fori “scalinati” con una sola operazione. Sono stati eliminati inoltre i limiti alla creazione di geometrie 3D complesse, riducendo i tempi ed evitando procedure complesse grazie a nuove funzionalità quali Wrap, Drag and Drop, Emboss, Deboss e 3D Curve. È infine possibile lavorare con assiemi grandi e complessi organizzando facilmente attrezzature e spazi, pubblicando parti e assiemi come risorse con punti di connessione appropriati per agevolare l’accoppiamento mediante Drag-and-Drop e il riposizionamento dei modelli.

Convalida
La convalida dei progetti avviene attraverso diversi strumenti come lo studio statico della simulazione, nel quale si possono immettere parametri per generare automaticamente le scelte più logiche, oppure attraverso i punti di sollecitazione, dai quali si possono individuare velocemente i punti soggetti a maggiori sollecitazioni per analizzare un modello o predisporre un’ulteriore simulazione e verifica dei risultati. Da sottolineare anche le funzioni “Conversione con un clic” (conversione istantanea degli studi da lineare statico a non-lineare o dinamico) e “RealView” (visualizzazione dei risultati di simulazione per una chiara comunicazione sull’analisi).

Collaborazione
Con la nuova versione di SolidWorks è possibile migliorare la collaborazione attivando nuovi flussi di progettazione snelli e abbattendo le barriere verso i dati di terze parti. Con 3D Interconnect si può lavorare con dati CAD sia neutri sia nativi, ad esempio aggiornando i file di parti e assiemi in caso di modifiche con la funzione Update Model, aprendo direttamente file importati e manipolandoli come Base Parts, oppure attivando flussi di lavoro da diverse sorgenti per collaborare con clienti e fornitori. Con eDrawings è invece possibile visualizzare tutti i tipi di dati di progettazione per una collaborazione più semplice e precisa, dai formati CAD nativi alla realtà 3D con Google Cardboard. L’accesso ai dati di prodotto avviene sempre e ovunque grazie alle app per dispositivi mobili Android e iOS.

Creazione e Gestione
SolidWorks 2017 assicura la produzione e la gestione con dati integrati dalla concezione alla produzione. Grazie a SolidWorks PDM i team possono gestire il lavoro e collaborare ai progetti in modo più efficiente grazie al controllo dei dati di progetto e alla disponibilità garantita della versione sempre corretta e aggiornata. È stato migliorato il supporto di SolidWorks MBD (Model Based Definition) con generazione automatica di PDF 3D, elenco dei file CAD nativi nella struttura di check-in di SolidWorks PDM Vault, tracciabilità delle locazioni d’uso dei file e sovrascrittura delle versioni per ridurre l’affollamento. Attraverso SolidWorks MBD le informazioni critiche di un prodotto possono essere comunicate in modo preciso e rapido attraverso operazioni a valle con funzionalità quali quote di base e schemi di coordinate polari completamente automatizzati, riferimento diretto agli spigoli, creazione facilitata di geometrie di intersezione fra superfici disegnate, pubblicazione di PDF 3D con diversi livelli di precisione per garantire il miglior controllo sulle dimensioni e la qualità dei file.

Un’esperienza di successo
Nel corso dell’evento organizzato da Dassault Systèmes, ha partecipato anche Massimo Faccà, della Direzione Tecnica di Vortice, che ha illustrato la propria esperienza e i vantaggi legati alla produttività che ha raggiunto grazie a SolidWorks. Vortice oggi è un gruppo multinazionale che opera in oltre 90 paesi nel mondo, nei settori della ventilazione residenziale, commerciale e industriale e del trattamento dell’aria in generale.

Sono circa 300 le persone che, nelle diverse società del Gruppo, operano in tre continenti: Europa, Asia e Sud America.

La sede storica di Vortice Elettrosociali SpA è a Tribiano (Milano) dove lavorano circa 160 persone: da essa dipendono la filiale francese di Vortice France (aperta nel 1974 con sede a Parigi), la filiale inglese Vortice UK Ltd (aperta nel 1977 con sede a Burton on Trent) e la società Loran (acquisita nel 2010 con sede a isola della Scala - Verona) dove il Gruppo concentra il proprio know-how nel settore del trattamento aria industriale.

Vortice Ventilation System ha invece sede a Changzhou in Cina: fondata nel 2012, è dedicata alla progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti specifici per il mercato cinese.

Vortice Latam ha sede a San Josè in Costa Rica: fondata nel 2012, è una società commerciale che ha l’obiettivo di presidiare lo sviluppo del mercato sud americano e dell’America Latina in particolare.

 L’azienda ha oltre 20 anni di esperienza nell’impiego di sistemi CAD: 7 anni di CAD 2D, 9 anni di CAD 3D con PDM e 7 anni di CAD 3D PDM oltre alle tecniche FEM (analisi agli elementi finiti) e CFD (fluidodinamica computazionale). “Nel 2014 - ha spiegato Faccà - la nostra società aveva la necessità di estendere maggiormente la collaborazione fra i vari reparti aziendali in modo che i vari team di lavoro potessero visualizzare i modelli CAD e i disegni. Iniziammo quindi un progetto per implementare un sistema PLM che potesse seguire l’intero ciclo di vita di un prodotto, dalle prime fasi di marketing fino alle schede di fine vita. Con il tempo ci accorgemmo che un sistema PLM completo era impegnativo sotto diversi punti di vista (tempi, costi, training, migrazione dati, storia del prodotto) e che per la nostra realtà aziendale era meglio utilizzare un sistema PDM evoluto. La nostra scelta è caduta su SolidWorks PDM Professional, sistema che consente al team di progettazione di trovare e utilizzare file, parti e disegni, condividere i dati dei progetti, automatizzare i flussi di lavoro e garantire alla produzione di disporre sempre della versione corretta”. “Siamo soddisfatti di SolidWorks PDM Professional - continua Faccà - anche perché ci ha assicurato un ritorno dell’investimento in tempi rapidi, circa 2 anni e mezzo, compreso di sistema FEM e Rendering”.
Visti i benefici ottenuti presso lo stabilimento di Tribiano, i prossimi passi dell’azienda italiana sono di implementare SolidWorks PDM Professional in altri stabilimenti del gruppo.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria