Menu
Thursday, 19 Luglio 2018

Componenti sempre più intelligenti

Maggio/Giugno 2018

L’interconnessione tra uomini, macchine e IT sta plasmando la produzione di domani. Non solo, infatti, gli impianti stanno diventando sempre più automatizzati, ma anche i componenti sono sempre più intelligenti e interconnessi, grazie all’uso massiccio del software. Festo lavora per incrementare la produttività dei suoi clienti attraverso nuove tecnologie rese possibili dalla digitalizzazione. “Per noi, ciò significa focalizzarci sempre più sullo sviluppo della parte software. Stiamo aprendo la strada a funzionalità altamente flessibili aumentando le funzionalità dei prodotti proprio grazie al software”, ha detto Frank Melzer, membro del Management Board di Festo, sintetizzando le prospettive future. Un primo esempio di questo sviluppo è il Festo Motion Terminal, in cui la fusione di hardware e software ha permesso di realizzare la prima valvola controllabile tramite le App. In futuro, i componenti Festo saranno progettati in modo da poter acquisire e analizzare tempestivamente i dati. Festo propone diverse piattaforme digitali per poter valutare e utilizzare questi dati nel modo più opportuno. Inoltre, da alcuni anni ormai Festo collabora con università, istituti e sviluppatori con l’obiettivo di creare oggetti, utili ai fini di ricerca, basati su principi fondamentali derivanti dalla natura. Nel caso del BionicFlyingFox, gli sviluppatori hanno rivolto la loro attenzione ai cosiddetti “pipistrelli della frutta” o “volpi volanti”. Malgrado un’apertura alare di 2,28 m, questo oggetto volante ultraleggero è in grado di curvare con raggi molto ridotti. Ciò che consente al BionicFlyingFox di volare in semi autonomia all’interno di uno spazio definito è la capacità di comunicare con un sistema di tracciatura del movimento in grado di registrare costantemente la sua posizione. Nello stesso tempo, il sistema pianifica la traiettoria di volo e rilascia i necessari comandi per il controllo dell’oggetto. Decollo e atterraggio sono effettuati con l’ausilio di un operatore umano.

The networking of humans, machinery and IT is shaping tomorrow’s production. Not only production plants are now increasingly automated: even the components themselves are becoming more intelligent and are being networked to an increasing extent, thanks to the increased use of software components. Festo is setting out to make its customers even more productive by means of new technologies from the field of digitalisation. “For us, this means focusing even more strongly on software development. We are paving the way for flexible functionalities by depicting more and more product functions in the form of software”, said Management Board member Dr Frank Melzer in summing up the prospects for the future. A prime example of this development is the Festo Motion Terminal, in which the fusion of hardware and software has yielded the first valve to be controlled by Apps. In future, components from Festo will be designed in such a way as to acquire and pre-sort data for analysis. Festo offers various digital platforms for the appropriate evaluation and use of these data. Besides, for many years, Festo has been working together with universities, institutes and development companies in devising research objects based on fundamental principles derived from nature. For the BionicFlyingFox, the developers have turned their attention to the fruit bat, also known as flying fox. Despite its wingspan of 2.28 m, this ultralight flying object can turn with small radii of curvature. To enable the BionicFlyingFox to fly partly autonomously within a defined airspace, it communicates with a motion tracking system that constantly records its position. At the same time, the system plans the flight paths and issues the necessary control commands. Take-off and landing are carried out by the human operator.

Leggi tutto...

Primi “official partner” in Italia

Marzo/Aprile 2018

Un connubio storico per quanto riguarda le soluzioni riguardanti l’automazione industriale, pneumatica ed elettrica ha vissuto nei mesi scorsi una tappa fondamentale nel suo percorso di crescita. Bianchi Industrial e Luigi Bianchi, due società appartenenti alla galassia dell’omonimo gruppo attivo nel campo della distribuzione di prodotti industriali, hanno ottenuto il riconoscimento di Official Partner da Festo spa. Si tratta della prima volta in Italia, e tra le primissime al mondo, che Festo concede a un gruppo esterno questo prestigioso titolo.
Un riconoscimento molto importante che arriva al culmine di un lungo percorso insieme, che ha avuto inizio nella prima metà degli anni ’70, quando - come ha raccontato Bruno Cornigliani, Distribution Manager di Festo - “la filiale italiana di Festo fu tra le prime a credere nella logica dei distributori, quando ancora prevaleva quella della vendita diretta”.
Negli anni successivi anche l’approccio della casa madre tedesca divenne quello di agire sul piano della vendita di soluzioni per l’automazione attraverso diversi canali integrati tra loro, da quello diretto a quello tramite distributori selezionati con attenzione, fino a quello più recente dell’e-commerce.
“Il nostro core business è il power transmission”- ha spiegato Mario Molteni, vice direttore delle aziende italiane del Gruppo Bianchi -, ma altrettanto importanti sono le soluzioni per la movimentazione lineare meccanica ed elettrica, la pneumatica e la tecnologia sia dei sistemi di tenuta che di lubrificazione. Lo spirito e la strategia globale sono quelli degli inizi ma con le tecnologie attuali e una rinnovata vivacità aziendale”.

First “official partners” in Italy
A historical partnership about industrial, pneumatic and electrical automation has experienced a key stage in its growth path over the last few months. Bianchi Industrial and Luigi Bianchi, two companies belonging to the homonymous group working in the distribution of industrial products, have been acknowledged by Festo spa as Official Partners. This is the first time in Italy, and among the very first
in the world, that Festo grants
such a prestigious title to an external group.
Quite an important acknowledgement, then, which is the landing place of a long journey together, started in the first half of the 70s, when - as Bruno Cornigliani Distribution Manager at Festo told - “the Italian branch of Festo was among the first to believe in the logic of distributors, when that of direct sales still prevailed”.
In the following years also the approach of the German parent company shifted to the sale of automation solutions through several integrated channels, from the direct one to the support of carefully selected distributors, up to the most recent channel, e-commerce.
“Power transmission is our current core business - explained Mario Molteni, vice director of the Italian companies belonging to the Bianchi Group -, but equally important are the solutions for mechanical and electrical linear handling, as well as pneumatics and the technology of both lubrication systems and seals. The spirit and the global strategy are those of the beginnings, but with the current technologies and a renewed company liveliness”.

Leggi tutto...

Ingrassaggio automatizzato grazie al portale compatto

Il mini portale H-Gantry EXCM di Festo è la soluzione di automazione applicata da Stecam su un’innovativa linea di ingrassaggio di sistemi di chiusura realizzata per conto di un cliente che opera nel settore delle serrature. In particolare, il portale con superficie di lavoro rettangolare interviene nella gestione delle operazioni di dosatura del grasso sui componenti, garantendo elevate prestazioni ed estrema precisione in uno spazio di lavoro ridotto.

di Cesare Pizzorno

Leggi tutto...

Industria 4.0, a che punto siamo?

Un convegno organizzato da Festo nella propria sede di Assago ha riunito intorno al tavolo esperti e aziende per fare il punto sullo stato dell’arte, in Italia ma non solo, delle soluzioni di Industria 4.0 applicate ai processi produttivi. Con interessanti case history da studiare.

di Davide Passoni

Leggi tutto...

Comunicazione tecnica per l'industria