Menu
Sunday, 19 Novembre 2017

Attualità (136)

Nuovo sito web per configurare i cavi

Per mettere a disposizione le informazioni in modo semplice e veloce, igus ha ulteriormente migliorato il sito web “chainflex” (www.igus.de/chainflex) per i cavi da posa mobile per catene portacavi inserendo nuovi filtri e una navigazione intuitiva delle pagine. Qui il cliente non solo può trovare velocemente il giusto cavo per la sua applicazione e ordinarlo nello shop online, ma ha anche la possibilità di poter calcolare direttamente online la durata d’esercizio dei cavi selezionati. L’utente può quindi scegliere in modo semplice e veloce da un assortimento complessivo di 1.244 tipi di cavi. Inoltre è possibile classificare i prodotti selezionati in base non solo ai requisiti essenziali, ma anche a prezzo e tempo di consegna. La nuova struttura del sito web consente di ricevere immediatamente una panoramica di tutti i dati tecnici, le schede tecniche chainflex in formato PDF, nonché strumenti di servizio come i configuratori online e il calcolatore della durata d’esercizio.

Settembre-Ottobre 2017

New website to set up cables
To make information available simply and rapidly, igus has further improved the “chainflex” website (www.igus.de/chainflex) for cable carriers moving applications by adding new filters and user-friendly surfing. Here, customers not only can find quickly the right cable for its application and order it in the online shop, but also manage to calculate online the work life of the chosen cables. Then, users can choose simply and quickly among 1,244 cables. It is also possible to categorize the selected products according to not only key features, but also cost or delivery time. The structure of the brand new website allows users to receive immediately an overview of all chainflex technical data and technical features in PDF format, as well as service tools such as online configurators and work life calculator.

Leggi tutto...

Una collana editoriale sull’Industria 4.0

All’interno della collana editoriale “Guerini 4.0”, dedicata all’Industria 4.0 e lanciata dalla casa editrice Edizioni Angelo Guerini, lo scorso giugno è uscito il volume “La Fabbrica Connessa” di Luca Beltrametti, Nino Guarnacci, Nicola Intini e Corrado La Forgia. L’Industria 4.0 può e deve essere realizzata in Italia all’interno delle piccole e medie imprese attraverso un percorso graduale, nel quale le aziende possano fare investimenti contenuti, finalizzati ad aggiornare i macchinari già in possesso, sviluppare competenze ed esplorare le potenzialità che le nuove tecnologie offrono. Il libro, nato da una ricerca di Federmeccanica, propone una visione evolutiva e non rivoluzionaria, nella consapevolezza che il cambio di paradigma tecnologico impone un cambio di paradigma culturale che muove innanzitutto dalla formazione. La prossima uscita, a settembre, sarà “Industria 4.0 nel mondo. Politiche e testimoni a confronto” a cura di Annalisa Magone e Roberta De Bonis, che racconterà le scelte di alcuni Paesi (Germania, Francia, Inghilterra, Stati Uniti, Cina) che si stanno cimentando sul terreno di questa trasformazione epocale.

Settembre-Ottobre 2017


A book series on Industry 4.0
Within the book series named “Guerini 4.0”, dedicated to Industry 4.0 and promoted by Edizioni Angelo Guerini, last June the book titled “La Fabbrica Connessa” (The Connected Factory), written by Luca Beltrametti, Nino Guarnacci, Nicola Intini and Corrado La Forgia, was released. Industry 4.0 is supposed to be implemented in Italy in SMEs through a gradual path, in which companies can make reduced investments, aiming to upgrade their machinery, develop skills and explore the potential ensured by new technologies. The book, resulting from a research by Federmeccanica, offers an evolutionary vision, not a revolutionary one, being aware that the change of technology paradigm implies a new cultural paradigm starting from education. The next issue of the book series, in September, will be “Industria 4.0 nel mondo. Politiche e testimoni a confronto”, by Annalisa Magone e Roberta De Bonis, based on the policies brought forward by some countries (Germany, France, UK, US, China) engaged in such a huge transformation.

Leggi tutto...

Filiale in Giappone

Rinforzare la propria presenza in un hub strategico per l’industria delle macchine utensili, della robotica e dell’automazione: è questo l’obiettivo di Rollon, Gruppo di Vimercate specialista in soluzioni per la movimentazione lineare, che ha recentemente aperto una filiale a Tokyo, in Giappone. Ultima tappa del percorso di internazionalizzazione della società, che tra uffici e filiali conta oggi nove sedi estere, di cui due già esistenti in Asia, a Shangai (Cina) e Bangalore (India), un mercato sempre più importante per la crescita di Rollon. “L’apertura di una filiale in Giappone non è un traguardo ma un nuovo punto di partenza”, ha affermato Eraldo Bianchessi (nella foto), Presidente e CEO di Rollon. “L’85% del nostro fatturato è realizzato all’estero: per noi l’export ha un’importanza fondamentale e in quest’ottica guardiamo con sempre maggiore attenzione all’Asia, un mercato da cui ci aspettiamo una crescita notevole anche per i prossimi anni”.

Settembre-Ottobre 2017

Branch in Japan
Strengthening the company’s presence in a strategic hub for machine tools, robotics and automation industries: this is the target of Rollon Group, based in Vimercate and specialized in linear motion solutions. The company has recently inaugurated a branch in Tokyo, Japan, as the last stage of an internationalization project that counts currently on 9 branches abroad. Two of them are in Asia, precisely in Shanghai (China) and Bangalore (India), the latter a very important market for Rollon. “We see the opening of a new branch in Japan not as a goal but rather as a starting point”, said Eraldo Bianchessi (pictured), Rollon President and CEO. “Around 85% of our turnover comes from exports, which are very important for us: that’s why we look at Asia with an ever increasing attention. We expect this market to grow remarkably in the next years”.

Leggi tutto...

Premio all’innovazione semplice e intuitiva

La giuria di INDUSTRIEPREIS 2017, prestigioso premio assegnato in Germania alle soluzioni industriali innovative in grado di combinare vantaggi economici e tecnologici a benefici sociali e ambientali, ha conferito a Universal Robots+, la piattaforma online che offre accessori plug&play (end effector, sistemi di visione, sensori, software ecc.) per personalizzare i robot UR e le applicazioni connesse di robotica collaborativa, la qualifica “Best of 2017” nella categoria “Servizi”. Il gruppo indipendente di giudici ha riconosciuto a Universal Robots+ la capacità di aiutare le piccole e medie imprese ad avviare l’automazione in maniera semplice e intuitiva. “Siamo molto contenti di questo premio. Per noi è un’ulteriore conferma della bontà del nostro lavoro e del ruolo di pionieri che ci siamo costruiti”, ha dichiarato Helmut Schmid, AD di Universal Robots (Germany) GmbH e General Manager Western Europe.

Settembre-Ottobre 2017

An award to simple and intuitive innovation
The judges of INDUSTRIEPREIS 2017, a prestigious award assigned in Germany to innovative industrial solutions capable to join economic and technological advantages with social and environmental benefits, awarded Universal Robots+ as the “Best of 2017” for the “Services” category. Universal Robots+ is the online platform that provides plug&play tools (end effectors, vision systems, sensors, software and so on) to customize UR robots as well as connected applications of collaborative robotics. The panel of judges  acknowledged Universal Robots+ for its capacity to support the SMEs in their efforts to promote simple and intuitive automation.“We are very pleased with this award. We consider it as a further proof of the success of our work and the role of pioneers that we have gained”, said Helmut Schmid, CEO of Universal Robots (Germany) GmbH and General Manager Western Europe.

Leggi tutto...

Certificazione internazionale

Samac, azienda di riferimento nella progettazione e costruzione di macchine per l’automazione di assemblaggio e collaudo, ha ricevuto dalla società Cribis l’attestato di Prime Company. Il riconoscimento internazionale, attribuito sulla base di una serie di parametri, quali, tra gli altri, informazioni sui pagamenti, analisi di bilancio, algoritmi statistici e altri dati inerenti, è stato rilasciato nel 2017 solo al 7,6% delle imprese italiane, come certificazione di massima affidabilità commerciale RATING 1. Con oltre 14.000 clienti in Italia e la collaborazione con 77 delle prime 100 aziende del nostro Paese, nonché la partnership con D&B worldwide network che gli permette di fornire in tempo reale aggiornamenti su oltre 250 milioni d’imprese nel mondo, Cribis (gruppo CRIF SpA) si pone come il più importante provider globale delle business information e del risk management. Il certificato, attribuito per il secondo anno consecutivo a Samac, testimonia e oggettiva a livello internazionale la costante solidità economica e finanziaria dell’azienda guidata da 42 anni da Valentino Vaglia.

Settembre-Ottobre 2017

International certification
Samac, a leading company in the design and manufacturing of machines for assembly and testing automation, has received from the company Cribis the Prime Company certification. This international recognition, bestowed on the basis of a series of parameters, such as, among the others, payment information, balance sheet analysis, statistical algorithms and other relevant data, was provided in 2017 only to 7.6% of the Italian companies, as a certification of maximum commercial reliability, RATING 1. With over 14,000 customers in Italy and the collaboration with 77 of the first 100 companies of our country and also the partnership with D&B worldwide network, which allows it to provide in real time updates about over 250 million enterprises worldwide, Cribis (CRIF SpA group) stands as the most important global provider of business information and risk management. The certificate, awarded for the second year in a row, witnesses and objectifies at international level the constant economic and financial solidity of the company, which has been led by Mr. Valentino Vaglia for 42 years.

Leggi tutto...

A productronica il futuro dell’elettronica

Come sarà il futuro dello sviluppo e della produzione elettronica? Lo vedremo al salone internazionale productronica, in programma dal 14 al 17 novembre 2017 presso il centro fieristico di Monaco di Baviera. Fra le tematiche in primo piano spiccano la robotica, la miniaturizzazione, i semiconduttori e la digitalizzazione. In quest’ottica, productronica sarà accompagnata dai saloni SEMICON Europa e IT2Industry. Falk Senger, direttore generale di Messe München, si è detto molto ottimista per productronica 2017 in virtù di queste previsioni. “Le fiere rispecchiano lo stato di salute del settore di riferimento. Per questo motivo le cifre pubblicate da VDMA lasciano prevedere un’edizione di productronica di grande successo, sia per gli espositori sia per i visitatori. Insieme agli appuntamenti concomitanti di SEMICON Europa e IT2Industry offriremo una panoramica completa su produzione elettronica, semiconduttori e Industria 4.0”. La proposta di productronica si articola in cinque diversi cluster: PCB & EMS Marketplace (Electronic Manufacturing Services e produzione di schede a circuiti stampati); SMT (tecnologia di montaggio); Cables, Coils & Hybrids; Future Markets Cluster e Semiconductor Cluster (semiconduttori). Nel contesto della fiera si svolgerà anche la seconda edizione dei productronica innovation Award, con riconoscimenti per ogni cluster e per la nuova categoria Inspection & Quality.

Settembre-Ottobre 2017

 

The future of electronics at productronica
The world’s leading trade fair productronica, which takes place at the Messe München trade fair center from November 14–18, 2017, will show what the future of electronics development and production will look like. Besides robotics and miniaturization, the fair’s focal points include semiconductor solutions and digitalization. In that regard, two other events - SEMICON Europa and IT2Industry - are being held at the same time as productronica. Falk Senger, Managing Director at Messe München, is very optimistic about productronica 2017. “Trade fairs reflect the current situation in their respective industries. For this reason, the VDMA’s numbers are indicative of a successful productronica for exhibitors and visitors alike. Furthermore, together with our parallel events SEMICON Europa and IT2Industry, we offer a comprehensive overview of electronics manufacturing, semiconductors and Industry 4.0”. Productronica’s exhibits are broken down into five different clusters: PCB & EMS Marketplace (electronic manufacturing services and printed circuit board manufacturing); SMT (surface-mount technology); Cables, Coils & Hybrids; Future Markets Cluster and Semiconductors Cluster. There will also be room for the second edition of productronica Innovation Award, addressed to each cluster and to the brand new category for Inspection and Quality.

Leggi tutto...

Prove di nuovo manifatturiero

Bergamo - “terra di manifattura resiliente e capace di rigenerarsi”, per citare il sindaco della città orobica, Giorgio Gori - ha ospitato lo scorso 21 giugno la IV assemblea nazionale del Cluster Fabbrica Intelligente (CFI). I lavori si sono tenuti nel magnifico scenario dell’ex chiesa di Sant’Agostino, edificata, pare, poco prima del 1300 e dal 2015 aula magna dell’Università degli Studi di Bergamo. La IV assemblea nazionale del Cluster Fabbrica Intelligente è stata l’occasione per fare il punto sull’attività del Cluster e sul progetto dei Lighthouse Plant, gli impianti che faranno da guida, a livello nazionale, per il settore manifatturiero, e sulla sinergia con i ministeri di riferimento, MIUR e MISE. I Lighthouse Plant sono impianti faro creati per avere dei sistemi produttivi che diventeranno il riferimento per il settore manifatturiero italiano nel mondo. “È importante riuscire a mostrare anche alle PMI i benefici di Industria 4.0”, ha ribadito Gianluigi Viscardi, bergamasco e presidente del CFI. “Il MIUR ha stanziato 250 milioni per il potenziamento del Cluster”, ha detto Viscardi. “Non possiamo che accogliere con piacere iniziative come questa”.

Settembre-Ottobre 2017

Attempts for a New Manufacturing

On June 21, Bergamo - “a resilient manufacturing land capable to recreate itself”, to quote the city mayor, Giorgio Gori - hosted the 4th National Assembly of the Smart Factory Cluster (CFI). The works were held in the magnificent setting of the former Sant’Agostino church, which was built, seemingly, just before the 1300s. Since 2015, the church has been the main hall of the University of Bergamo. The 4th Smart Factory Cluster National Assembly was the occasion to focus on the Cluster activity and the Lighthouse Plant project, the plants that will lead the manufacturing industry nationwide, in addition to take stock of the synergy with the ministries of reference, MIUR and MISE. The Lighthouse Plants were created to have production systems that will lead the Italian manufacturing sector in the world. “It is also important to show the benefits of Industry 4.0 to SMEs”, said Gianluigi Viscardi, Bergamo-born and president of CFI. “MIUR has allocated 250 million euro to develop the Cluster”, Mr Viscardi said. “Initiatives like these are only welcome”.

Leggi tutto...

Etichetta di garanzia

Il Consiglio Direttivo dell’AIdAM ha deliberato un’importante novità: l’adozione di una etichetta di garanzia da applicare sulle macchine prodotte. L’appartenenza all’AIdAM, e le doti imprenditoriali che contraddistinguono gli associati, sono sicuramente un forte binomio di moralità nei confronti di un mercato sempre più esigente. L’applicazione della targhetta sulle macchine prodotte sarà un’ulteriore garanzia di responsabilità nei confronti del cliente.

Settembre-Ottobre 2017

Guarantee Tag

AIdAM Executive Board took quite an important decision: the adoption of a “guarantee tag” to be applied on the machines. The membership to AIdAM, and the entrepreneurial skills of member companies, are certainly a strong sign of morality in a more and more challenging market. By applying the tag on the machines, manufacturers will be able to provide a further proof of responsibility towards the customers.

Leggi tutto...

Benvenuto ai nuovi associati

Abbiamo contattato i rappresentanti delle quattro nuove aziende associate ad AIdAM e chiesto loro le ragioni per cui hanno deciso di aderire all’Associazione.
NET Italia, nata a Brescia nel maggio 2011, è un’azienda che opera nel mercato della visione artificiale grazie alla sua gamma di soluzioni di alto livello. “La necessità di aumentare la penetrazione nel mercato e di creare sinergie a lungo termine ci ha spinto all’affiliazione ad AIdAM, con la confidenza di poter dare il nostro contributo nelle scelte e nelle strategie del futuro”, afferma il CEO Vincenzo Bava.
Nato come studio tecnico nel 1996 a Livorno, oggi Stecam opera prevalentemente nella progettazione e costruzione di macchine automatiche speciali, banchi prova, macchine di assemblaggio, linee di montaggio. “Le ragioni della nostra scelta di associarci ad AIdAM sono da ricercarsi nella necessità di trovare tutela e supporto in un’associazione che raggruppa aziende del nostro specifico settore di attività - ci dice Stefano Segri, Amministratore di Stecam -, ma soprattutto nella volonta dell’azienda di rendersi più visibile sul panorama nazionale e internazionale, accrescendo la propria organizzazione anche grazie alla sinergia con gli altri associati”.
Ha sede a Codroipo (UD) Video Systems, fondata nel 1993 e specializzata nella progettazione e costruzione di sensori, sistemi di visione e di controllo qualità. “Per diverso tempo ho sentito parlare delle attività dell’associazione dal buon amico Fabio Greco”, racconta il CEO Alessandro Liani. “Finalmente quest’anno abbiamo deciso di entrare a farne parte e devo dire che già dal primo momento mi sono accorto di essere entrato in un’associazione vivace e spumeggiante, in cui vogliamo essere elemento attivo. Penso che sia una grossa opportunità per consolidare e creare nuove sinergie tra le aziende associate ad AIdAM e per ampliare il nostro mercato interno ed estero”.
Stesso anno di fondazione, il 1993, per S.I.C.A., con sede a Ruvo di Puglia (BA), costruttore di macchine speciali per diversi settori industriali. “Le ragioni che ci hanno spinto ad associarci ad AIdAM sono principalmente due”, ci ha detto Michelangelo Cappelluti. “Una è certamente la vetrina offerta, in ambito nazionale e soprattutto internazionale, direttamente ai più importanti fruitori di sistemi di automazione. La seconda, e probabilmente la più importante in un’ottica di crescita complessiva e di lavoro sinergico, è la volontà di far parte di una rete interconnessa fatta di costruttori e fornitori di apparecchiature e componenti e integratori come noi, accomunati dalla volontà di far emergere con forza la bontà e la qualità del prodotto meccatronico finale made in Italy”.

 Settembre-Ottobre 2017

Welcome to the New Associates

We contacted the representatives of the four new AIdAM associates and asked why they decided to join the association.
NET Italia, founded in Brescia in May 2011, is a company working in the field of artificial vision, thanks to its broad range of solutions. “The need to increase market penetration and create long-term synergies has pushed us to join AIdAM, willing to give our contribution to the association’s future choices and strategies”, says CEO Vincenzo Bava.
Born as an engineering office in Livorno in 1996, today Stecam mainly designs and builds automatic special machines, test benches, assembly machines and lines. “We decided to join AIdAM above all to find protection and support in an association that gathers companies in our specific business - says Stefano Segri, Stecam’s Administrator -, and especially aiming to increase the company’s visibility on the national and international scene, thus enhancing our organization also thanks to the synergy with the other associates”.
Based in Codroipo (UD), Video Systems was founded in 1993. The company designs and manufactures sensors as well as vision or quality control systems. “I had heard about the association’s activities from a good friend of mine, Fabio Greco”, says CEO Alessandro Liani. “We eventually decided to join in and I must say that since the very first moment I realized how lively is the association, in which we want to be truly active. I see this as a great opportunity to create and strengthen new synergies between member companies as well as to expand our domestic and foreign markets”.
Same year of foundation, 1993, for S.I.C.A., based in Ruvo di Puglia (BA), manufacturer of special machines for several industrial sectors. “The reasons that led us to join AIdAM are mainly two”, explains Michelangelo Cappelluti.
“One is certainly the national and international exposure to the most important users of automation systems. The second, probably the most important in terms of overall growth and synergy, is the desire to be part of an interconnected network made by manufacturers and suppliers of equipment and components as well as integrators like us, bonded by the will to clearly show the high quality of the made-in-Italy mechatronic products”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Comunicazione tecnica per l'industria