Menu
Sunday, 17 Dicembre 2017

La parola agli associati

Promozione di attività ed eventi di networking; rappresentanza presso le istituzioni; presenza sui mezzi di comunicazione e iniziative di formazione professionale. Le aziende associate, interpellate da AIdAM nel contesto di un’indagine conoscitiva affidata a una società specializzata in ricerche di marketing, si sono espresse sui punti di forza dell’associazione, indicando la strada da percorrere in futuro.

di Fabrizio Dalle Nogare

Settembre-Ottobre 2017

Insieme alle figlie Veronica e Ginevra, Vincenzo Freni guida la family company fiorentina Freni Ricerche di Marketing, che ha fondato nel 1983. L’istituto di ricerca ha condotto per conto di AIdAM un’indagine tra gli associati - ma sono stati interpellati anche alcuni ex associati e responsabili di aziende del comparto che non fanno parte di AIdAM - finalizzata a valutare la soddisfazione per l’azione portata avanti dall’associazione. Rappresentanza presso le istituzioni, visibilità mediatica, collegamento e collaborazione fra imprese del settore, così come le attese e le esigenze non adeguatamente coperte, sono stati tra i temi principali. A Vincenzo Freni abbiamo rivolto qualche domanda per conoscere un po’ più a fondo la metodologia adottata e la valenza dei risultati emersi.

Considerato il numero di risposte pervenute da associati e potenziali associati che avete interpellato, i risultati dell’indagine si possono ritenere sufficientemente rappresentativi del sentimento delle aziende del settore verso AIdAM?
Il numero di questionari raccolti conferisce all’indagine un valore praticamente censuario; di conseguenza l’errore statistico (la variabilità che accettiamo per avere delle informazioni da un campione piuttosto che dalla totalità dell’universo) è in questo caso marginale. Le opinioni che abbiamo raccolto corrispondono quindi esattamente al sentiment delle aziende del settore verso l’Associazione. La lettura delle risultanze permette di capire come i soci vivano l’Associazione e i loro desiderata per sentirla ancora di più vicina ai loro bisogni. C’è la consapevolezza che la ridotta presenza numerica di aziende nel comparto non corrisponda all’effettiva importanza che queste hanno nel condizionare il futuro del manifatturiero italiano (e non solo). La meccatronica, infatti, svolge un ruolo di primissimo piano per quanto riguarda le evoluzioni e i cambiamenti socio-economici che interesseranno l’economia mondiale.

Rispetto a indagini simili che la vostra azienda ha condotto in passato, ci sono elementi che, in questo caso, vi hanno sorpreso? Ce ne potete descrivere, brevemente, qualcuno?
Il nostro istituto di ricerca, uno di quelli che da più tempo operano nel settore delle ricerche sociali e di mercato, ha avuto negli anni occasione di collaborare con importanti associazioni, sia a livello nazionale che a livello locale. Indagini di questo tipo mirano a fornire all’associazione le informazioni per risultare effettivamente al fianco dei propri associati e difenderne i valori e le posizioni. Si identificano, quindi, sia i punti di forza che di debolezza dell’associazione dalle parole stesse degli associati, da quelli più recenti a quelli che hanno cariche all’interno dell’associazione stessa. Nel caso di AIdAM, abbiamo rilevato un’elevata soddisfazione di appartenenza, come attestano le ottime valutazioni sui servizi offerti, gli aggiornamenti normativi e la serietà e competenza nello svolgere il lavoro. Si tratta in tutti i casi di valori significativamente elevati (decisamente infrequenti in questo tipo di indagini), che evidenziano l’intensità del legame associativo e giustificano il costo della quota associativa. Ma l’aspetto che più di tutti dimostra l’attaccamento all’associazione e l’importanza dell’appartenenza è il proselitismo che tutti i soci indistintamente fanno in favore di AIdAM, con la consapevolezza che solo raggiungendo una massa critica possono far valere, nei confronti delle istituzioni, le proprie richieste. Il collante tra i soci è rappresentato proprio dalla rivista Soluzioni di Assemblaggio & Meccatronica, che conta su una conservazione del magazine particolarmente elevata (è strumento di consultazione anche a distanza di tempo) e una readership estremamente attenta ai contenuti tecnici degli articoli. È un tratto, quello del traino di una rivista tecnica (in termini di visibilità, comunicazione, aggiornamento), nella mia esperienza, veramente originale.

Come possono le aziende, le associazioni o gli enti che si rivolgono ai vostri servizi utilizzare i risultati che emergono dalle indagini? Possono effettivamente servire, in alcuni casi, per promuovere il cambiamento?
Le ricerche di mercato nascono proprio per promuovere il cambiamento e orientarlo nella giusta direzione nel rispetto degli aspetti sociali, così come di quelli economici. Stupisce il fatto che, mentre le ricerche di mercato hanno una ampia diffusione non solo nel largo consumo, ma anche nel mondo ospedaliero/farmaceutico e dell’automobile, non siano così richieste nel settore industriale, settore dove l’orientamento al mercato sarebbe indispensabile per produrre esattamente ciò di cui le aziende necessitano. Emerge in modo particolare dall’indagine il tema dell’accesso ai mercati esteri, dell’analisi SWOT (punti di forza e di debolezza), della conoscenza degli scenari competitivi e soprattutto delle opportunità di penetrazione e partnership. Occorre però disporre, per la messa a punto di questo tipo di strategia, di competenze ed esperienze operative che i nostri clienti ci riconoscono.

In relazione all’attività che svolgete, quanto è importante per un vostro potenziale cliente rivolgersi a un’azienda certificata? Ci sono garanzie sulla metodologia di ricerca adottata, e quindi sull’efficacia dell’intera indagine?
In genere, quando c’è bisogno di un intervento chirurgico ci si rivolge a un chirurgo specializzato in quel tipo di patologie, accreditato dalla sua reputazione professionale, dal riconoscimento dei suoi colleghi, dal ruolo e dal rango dell’istituzione clinica in cui esercita. Non è il caso, insomma, di assumere rischi. Anche per la vita delle imprese la scelta del ricercatore può essere decisiva; affidarsi a metodiche improvvisate, sprovviste di validazione statistica, a numeri sostanzialmente prodotti a caso da qualche algoritmo non rappresenta, a mio parere, per usare un delicato eufemismo, un buon investimento. Il mondo della ricerca scientifica, al quale la ricerca di marketing appartiene, conta in tutta Italia circa 60 aziende, alcune multinazionali e altre, come la nostra, family company specializzate nella ricerca ad hoc. I clienti serviti nel tempo rappresentano, comunque, la migliore certificazione del proprio operato.

 

AIDAM NEWS

Let’s Give the Floor to the Associates

Promoting networking activities and events; representing the associates before institutions; being present in the media and promoting vocational training initiatives. The associated companies, interviewed by AIdAM in the context of a survey entrusted to a company specializing in marketing research, gave their opinion on the association strengths, showing the way to be followed in the future.

Together with his daughters Veronica and Ginevra, Vincenzo Freni leads the Florentine family company Freni Ricerche di Marketing, which he founded in 1983. On behalf of AIdAM, the research institute carried out a survey among AIdAM associates - but some former associates and non-AIdAM companies were also interviewed - aiming at assessing their satisfaction for the activities carried out by the association. Being represented before institutions, media visibility, networking and collaboration between companies in the sector, as well as expectations and needs that are not properly met, were some of the main issues. We asked Vincenzo Freni a few questions to learn more about the methodology adopted and the value of the survey results.

Given the number of responses by associates and potential associates you interviewed, can the survey results be considered sufficiently representative of the companies’ sentiment about AIdAM?
The number of questionnaires collected gives the survey a fairly census value; therefore, in this case, the statistical error (the variability we accept to get information from a sample rather than the universe totality) is marginal. So, the opinions we have received precisely represent the companies’ sentiment about the Association. Reading the results allows you to understand how the members perceive the Association and their wish to feel it even closer to their needs. They are aware that the reduced number of companies in the sector does not correspond to the actual importance they have in influencing the future of Italian manufacturing (and not only). Indeed, mechatronics plays a very important role as regards the socio-economic evolutions and changes that will affect the world economy.

Compared to similar surveys your company has carried out in the past, are there factors that, in this case, have surprised you? Can you describe some of them briefly?
Our research institute, one of the longest-serving companies in the field of social and market research, has been able to work with important associations for years, both at a national and local level. Surveys of this kind are intended to provide the association with information to be by their associates’ side effectively and defend their values ​​and positions. Therefore, the strengths and weaknesses of the association are identified by the words of the same associates, from the new members to the ones that have responsibilities within the association itself. In the case of AIdAM, we found a high level of satisfaction, as attested by the excellent ratings for the services offered, regulatory updates, and the Association seriousness and competence. In all cases, these are considerably high values (very infrequent in this type of surveys), which show the intensity of the associative relationship and justify the cost of the membership fee. But the aspect that most of all proves the members’ attachment to the association and the importance of being part of it is the proselytism of all members in favor of AIdAM, as they are aware that reaching a critical mass is the only way to assert their demands before institutions. The glue that holds members together is the Soluzioni di Assemblaggio & Meccatronica magazine, which counts on a particularly high magazine retention (the magazine is also a long-time reference tool) and an extremely sensitive readership for the technical content of the articles. This factor, that of a technical magazine as a driving force (in terms of visibility, communication, updating) is very original in my experience.

How can companies, associations or institutions asking for your services use the survey results? Can they actually be useful, in some cases, to promote change?
Market research is meant precisely to promote change and guide it in the right direction, respecting both social and economic aspects. It is surprising that, while market research is widely used not only in consumer products, but also in the hospital/pharmaceutical sector and in the automotive industry, it is not very common in the industrial sector, where market orientation would be indispensable to produce exactly what companies need. The issue of having access to foreign markets, SWOT analysis (strengths and weaknesses), knowledge of competitive scenarios, and in particular, penetration and partnership opportunities, is attested with particular eloquence in the survey. However, to develop this kind of strategy, there is a need for skills and operational expertise acknowledge by our customers.

In relation to your activity, how important is it for a potential customer to turn to a certified company? Are there any guarantees on the research methodology adopted, and therefore on the effectiveness of the entire survey?
Generally, when there is a need for surgery, we turn to a surgeon specializing in that type of diseases, accredited by their professional reputation, by their colleagues’ acknowledgment, by the role and rank of the health institution they work for. It is not appropriate, in short, to take risks. Even for businesses, choosing a researcher can be decisive; relying on improvised methods, lacking statistical validation, on numbers randomly generated by some algorithm, is not, in my opinion, a good investment, to put it mildly. The world of scientific research, to which marketing research belongs, accounts for about 60 companies all over Italy, some multinationals and, like us, family-owned companies specializing in ad hoc research. However, customers served over time are the best certification of your work.

 


I principali risultati della ricerca
L’indagine commissionata da AIdAM alla società Freni Ricerche di Marketing di Firenze e condotta presso gli associati ha messo in luce un considerevole apprezzamento per l’impegno dell’associazione, come testimoniano sia l’81% del campione che si è dichiarato soddisfatto di far parte di AIdAM che, soprattutto, l’82% degli intervistati che ritiene adeguato il value for money, cioè il rapporto tra i costi della quota associativa e i servizi offerti. L’80% del campione mostra di ritenere importante una delle tematiche che più hanno caratterizzato l’azione associativa negli ultimi anni, vale a dire le iniziative di internazionalizzazione, con un forte interesse registrato specialmente verso paesi Est-Europei come Repubblica Ceca, Romania e Serbia. Tra i punti critici segnalati dagli intervistati c’è la funzione di rappresentanza presso le istituzioni centrali, percepita come poco efficace da circa la metà del campione. Sembrano essere in linea con i bisogni delle aziende del settore, invece, le iniziative di formazione promosse da AIdAM, con gli associati di più recente adesione che spingono per nuovi corsi di formazione o aggiornamento. Favorire aggregazione tra le imprese (networking) e promuovere iniziative che possano coinvolgere anche aziende non associate o realtà produttive appartenenti ad altri settori sono esigenze molto sentite dagli intervistati. Per la maggior parte degli associati, questa prospettiva rappresenta la migliore occasione non solo per ampliare il parco dei propri referenti ma anche per raccogliere nuove adesioni, facendo percepire l’importanza del rapporto associativo. Un capitolo a parte meritano le attività e le strategie di comunicazione messe in campo da AIdAM, con la rivista Soluzioni di Assemblaggio & Meccatronica percepita come un importante punto di forza anche per attrarre nuovi associati (soddisfazione dell’88%) e la buona frequentazione del sito dell’associazione, con un associato su tre, in media, che dichiara di visitare il sito ogni mese. Tra i social media, il più adatto per veicolare le comunicazioni dell’associazione è considerato LinkedIn, mentre non è ritenuto utile un canale di comunicazione come WhatsApp.

Main survey results    
The survey commissioned by AIdAM to Freni Ricerche di Marketing, Florence, and carried out with AIdAM associates, has highlighted a considerable appreciation for the association commitment, as evidenced by both 81% of the sample who said they were pleased to be part of AIdAM, and, above all, 82% of respondents who think that value for money is appropriate, meaning the ratio between the membership fee and the services offered. One of the issues that has characterized the association activity in the last few years, namely internationalization initiatives, with a strong interest especially for East European countries such as the Czech Republic, Romania and Serbia, is important for 80% of the sample. One of the criticalities reported by the respondents is the activity of representation before central institutions, which is considered ineffective by about half of the sample. On the other hand, the training initiatives promoted by AIdAM seem to be in line with the needs of companies in the sector, with the most recent associates pushing for new training or refresher courses. Encouraging networking and promoting initiatives that may involve non-member companies or manufacturing businesses belonging to other sectors are very salient issues for the respondents. For most associates, this is the best opportunity not only to expand their contacts, but also to raise new memberships, disclosing the importance of associative relationships. A special mention should go to AIdAM’s communication activities and strategies, with the Soluzioni di Assemblaggio & Meccatronica magazine, which is perceived as an important strength to attract new associates (satisfaction 88%) and a good number of visits to the Association website, with one associate in three, on average, claiming to visit the site every month. As for social media, LinkedIn is seen as the most suitable way to convey the Association’s news, while a communication channel such as WhatsApp is not useful.


 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Torna in alto

Comunicazione tecnica per l'industria