Menu
Monday, 18 Dicembre 2017
A+ A A-

Dal portfolio completo, spicca il laser

GF Machining Solutions, nel suo stand alla EMO 2017 dello scorso settembre ha presentato una gamma completa di sistemi di connessione per la produzione intelligente ispirando i produttori a “immaginare il loro futuro”.
Concentrandosi fortemente sulle tendenze correnti come l’Industria 4.0, l’efficienza energetica e la produzione additiva, la presenza di GF Machining Solutions ad Hannover 2017 ha preso spunto dalla sua tradizione di innovazione tecnica per esporre su 945 m² soluzioni complete (inclusi gli ecosistemi intelligenti) per l’intero ciclo di vita dei prodotti della divisione GF in segmenti chiave come l’industria automobilistica, quella aerospaziale, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) e i componenti elettronici. Dalla fresatura all’automazione, dalle tecnologie di EDM (elettroerosione a filo e a tuffo) al laser fino alla produzione additiva, gli ospiti hanno potuto scoprire lo spirito pionieristico che è il cuore di GF Machining Solutions.
In linea con il messaggio del brand GF, “All about you” (Tutto per voi), il tema di GF Machining Solutions “Envision Your Future” (Immaginate il vostro futuro) per la EMO Hannover 2017 ha consentito ai produttori di scoprire cosa ha in serbo il domani con una gamma di prodotti dedicati, un portfolio completo di tecnologie intersettoriali e novità intelligenti progettate per portare a un livello superiore i loro processi di produzione.

Novembre-Dicembre 2017

Leggi tutto...

Nuove tecnologie per il settore stampi

Sempre all’avanguardia in termini di aggiornamenti tecnologici, GF Machining Solutions ha di nuovo messo in luce la sua anima innovatrice durante il primo New Technologies Day, tenutosi presso il proprio Centro di Competenza nella città tedesca di Schorndorf.

di Alberto Marelli

Settembre-Ottobre 2017

A metà maggio scorso, GF Machining Solutions ha organizzato il primo New Technologies Day, tenutosi presso il proprio Centro di Competenza a Schorndorf, nelle vicinanze di Stoccarda.
L’evento, dedicato al mondo degli stampi, ha visto la partecipazione di oltre 110 stampisti e produttori di parti di precisione che hanno potuto toccare con mano le nuove tecnologie della Divisione GF dedicate alla texturizzazione laser e alla fabbricazione additiva (AM).
“Nell’esigente panorama attuale - ha spiegato Stefan Dahl, Head of Technology Unit New Technologies di GF Machining Solutions - la texturizzazione laser e la fabbricazione additiva stanno gradualmente trasformando la catena del processo produttivo, aumentando la libertà di design, ottimizzando i processi produttivi e aiutando i costruttori a prepararsi per il futuro”.

Una combinazione di tecnologie
Durante il New Technologies Day, i numerosi partecipanti hanno potuto ascoltare gli esperti dell’azienda svizzera presentare tutti i modi in cui la texturizzazione laser e la fabbricazione additiva stanno cambiando la produzione delle parti fabbricate tramite l’iniezione di materie plastiche e la pressofusione. Gli organizzatori hanno poi accompagnato gli ospiti in un tour tecnologico, mostrando loro diversi stampi per soffiaggio e applicazioni di packaging - fra cui anche inserti per stampi ad iniezione progettati per la produzione di tappi in plastica e colli di bottiglia. I visitatori hanno inoltre potuto sperimentare una serie di applicazioni rivolte ad altri segmenti di mercato. La maggior parte delle applicazioni ha caratterizzato una combinazione di tecnologie, il che ha aiutato a portare l’attenzione sul valore aggiunto delle soluzioni GF Machining Solutions per la fabbricazione additiva, per la texturizzazione laser, per l’elettroerosione a filo e a tuffo e per la fresatura. Al centro della scena come nuove tecnologie c’erano gli impianti AgieCharmilles AM S 290 Tooling, LASER P 1000 e LASER P 400 U con laser a femtosecondo - insieme alla soluzione per fresatura ad alta velocità Mikron MILL S 400 e a due nuove soluzioni EDM, le serie AgieCharmilles FORM S e CUT P.
Inoltre, durante il New Technologies Day i visitatori hanno potuto ascoltare le testimonianze di vari clienti che stanno già utilizzando le soluzioni per fabbricazione additiva e texturizzazione laser AgieCharmilles, le loro ragioni per aver deciso di investire in queste nuove tecnologie e i modi in cui ne hanno tratto vantaggio.

Ben oltre i tradizionali processi costruttivi
GF Machining Solutions è consapevole di l’Additive Manufacturing costituisca una valida integrazione alle tecnologie tradizionali, in particolare quelle per la produzione di stampi e matrici. “Con le tecnologie AM - ha spiegato Andrea Fritzsch, Managing Director presso GF Machining Solutions SpA - è possibile produrre inserti per stampi come mai fatto prima. Questo permette di abbandonare il raffreddamento tradizionale a favore di quello conformale e approfittare dei vantaggi legati alla gestione termica dei canali di riscaldamento/raffreddamento conformi per l’iniezione plastica e la pressofusione”. “Le tecnologie di Additive Manufacturing assicurano notevoli vantaggi: migliore gestione termica degli stampi, riduzione del tempo ciclo, miglior qualità delle parti finali, riduzione delle fasi di assemblaggio nonché miglioramenti nella prototipazione”, ha affermato Dahl. “Per ottenere tutti questi vantaggi, però, le tecnologie AM devono essere pienamente considerate nella fase di progettazione dello stampo, oltre ad essere totalmente integrate nel processo produttivo in azienda”.
GF Machining Solutions assicura un valido supporto in vari aspetti della tecnologia additiva: progettazione, simulazione e integrazione nel processo produttivo.
Nel campo della fabbricazione additiva, di grande importanza si sono dimostrati i nuovi sistemi di cambio pallet MiniPal e MasterPal di System 3R, sviluppati appositamente per migliorare l’integrazione della fabbricazione additiva nella catena del processo produttivo.

Una macchina dedicata al mondo degli stampi
La soluzione proposta da GF Machining Solutions per l’Additive Manufacturing è l’impianto AM S 290 Tooling.
Basata sulla consolidata e comprovata tecnologia EOS, la AM S 290 Tooling è una macchina dedicata al settore degli stampi e delle matrici. Un mandrino MacroMagnum System 3R è completamente integrato nel sistema di lavorazione. In combinazione con il software Reference Point Calibration, esso permette la collocazione assoluta dei pezzi sul piano X/Y della piattaforma di lavorazione che, in particolare, supporta la lavorazione di pezzi ibridi. Inoltre, integra la gestione della piattaforma di lavorazione con altri processi per separare pezzi in lavorazione o riallestire accuratamente le piattaforme per il riutilizzo.
Il mandrino integrato è pensato per essere utilizzato insieme a pallet standard (utilizzati, ad esempio, per i pezzi ibridi) o a piattaforme di lavorazione equipaggiate con un elemento di riferimento standard. Questo migliora considerevolmente la capacità di integrazione del processo di additive manufacturing a monte e a valle dell’intero processo produttivo.
L’inserto ibrido per stampi è la soluzione più economica per pezzi caratterizzati da sezioni geometricamente semplici e complesse. A seconda del materiale e delle dimensioni, tali componenti ibridi possono essere creati generando direttamente il pezzo mediante produzione additiva sopra la base prodotta convenzionalmente o finendo i due pezzi separatamente per poi assemblarli.
Con l’impianto AM S 290 Tooling, GF Machining Solutions si concentra sugli inserti per stampi con canali di raffreddamento/riscaldamento conformali, che sono utilizzabili per qualsiasi tipo di prodotto in plastica in tutti i segmenti di mercato. Grazie al raffreddamento conformale consentito dall’additive manufacturing, gli utenti possono ridurre i propri tempi di lavorazione, aumentare la propria produttività e migliorare la qualità complessiva, ad esempio, di un pezzo in plastica critico con strati sottili.

Innovazioni nel campo della texturizzazione laser
A mettere in evidenza la texturizzazione laser durante il New Technologies Day sono state le numerose capacità di incisione integrate nella tecnologia proposta da GF Machining Solutions. I partecipanti hanno potuto costatare come il gruppo svizzero stia continuando a sviluppare la texturizzazione, l’incisione e la strutturazione laser per semplificare i processi produttivi. Si pensi ad esempio al nuovo pacchetto software GF 3D Map, sviluppato appositamente per semplificare l’integrazione della texturizzazione laser. Il software GF 3D Map, unico nel suo genere, è dotato di una curva di apprendimento molto semplice, apre nuovi orizzonti applicativi e permette agli utilizzatori di riprodurre in maniera accurata una vasta gamma di texture e forme.
“Fino ad ora il mercato degli impianti di texturizzazione laser è stato di interesse soprattutto dei centri servizi contoterzi, ma le cose stanno cambiando”, spiega Fritzsch. “Negli ultimi anni è aumentato il ventaglio di possibilità che la texturizzazione laser può soddisfare e quindi anche il livello di saturazione di uno stampista inizia ad essere accettabile, con conseguente ritorno dell’investimento”.

Vantaggi economici ed ecologici nonché una maggiore libertà creativa
La lavorazione laser integra e amplia le tecnologie offerte da GF Machining Solutions e consente agli utilizzatori di realizzare texture e microstrutture, marcature e scritte su forme geometriche 2D fino a complesse geometrie 3D. Rispetto alla lavorazione tradizionale delle superfici mediante fotoincisione, la lavorazione laser offre vantaggi economici ed ecologici nonché una maggiore libertà creativa.
“Gli impianti AgieCharmilles LASER P per la texturizzazione - LASER P 400 a tre assi e LASER P 400 U a cinque assi - sono caratterizzati da elevate prestazioni e altissima qualità”, ha affermato Benjamin Paganelli, Head of New Technology Sales Europe di GF Machining Solutions. “La gamma è un concentrato di versatilità, elevata precisione e riproducibilità dei risultati”.
Incisioni, testurizzazioni superficiali o strutturazioni: la LASER P 400 è la risposta. Il processo di texturizzazione interamente digitalizzato semplifica la realizzazione dei motivi, le incisioni e l’aggiunta di texturizzazioni funzionali a qualsiasi pezzo, stampo o forma. Dalla progettazione al pezzo lavorato perfettamente rifinito, il processo digitale elimina qualsiasi incertezza durante la texturizzazione, l’incisione, l’etichettatura e la marcatura di componenti 3D anche complessi.

Laser a doppia testina
La concezione modulare della macchina LASER P 400 include una doppia testina laser multi-funzionale brevettata, in grado di unire due sorgenti laser per la texturizzazione e l’incisione della stessa superficie con un’unica impostazione. Oltre al laser a fibra nanosecondo, è disponibile un laser femtosecondo (impulsi) per una texturizzazione priva di sbavature e un assortimento più ampio di materiali da lavorare, che apre le porte a nuovi campi di applicazione. “La tecnologia femto - ha spiegato Paganelli - è ora indicata per attività industriali in quanto sono stati integrati dei componenti ottici all’interno della camera di pompaggio del laser che hanno permesso di ridurre in modo drastico le dimensioni del laser stesso. “Il laser femto - ha sottolineato Fritzsch - permette di eseguire piccole lavorazioni poco profonde, inferiori a 10 µm, eliminando totalmente la rifusione del materiale”.
Le macchine compatte LASER P 400 sono facilmente trasportabili e integrabili nelle linee di produzione già esistenti. Lo scarso ingombro della macchina assicura efficienza di texturizzazione e flessibilità, con una conseguente maggior produttività per metro quadro. Si tratta di macchine dotate di ampie zone di lavoro, con facile accesso e monitoraggio dei processi grazie a due grandi porte scorrevoli.
Poiché le macchine sono già predisposte per l’automazione, è possibile prolungare facilmente gli orari di lavoro durante la notte e il fine-settimana anche senza supervisione. È inoltre possibile aggiungere un cambio pallet 3R per incrementare efficienza e flessibilità, una caratteristica utile soprattutto per i pezzi che richiedono tempi brevi di lavorazione.


Leggi tutto...

La texturizzazione laser semplifica la produzione di imballi di plastica

Con la tecnologia di texturizzazione laser di GF Machining Solutions i produttori di imballi di plastica semplificano i processi, accelerano il time to market e risparmiano tempo e denaro.

di Fabrizio Garnero

Febbraio-Marzo 2017

L’uso di materiale di plastica è notevolmente aumentato (di almeno 20 volte) rispetto agli ultimi 50 anni, e se ne prevede il raddoppio nei prossimi 20 anni. L’imballo di plastica, con ruolo centrale in termini di sicurezza e alta qualità dei prodotti al consumatore, continuerà ad avere un ruolo importante.
Da bottiglie in PET, tappi di plastica e contenitori per alimenti agli imballi altamente differenziati per la cosmesi, GF Machining Solutions aiuta i produttori di stampi per iniezione plastica di tutto il mondo a ottenere zero difetti, maggiore qualità, perfetta ripetibilità e infinite possibilità di design, unitamente a un nuovo grado di sostenibilità ambientale.
Con il sistema AgieCharmilles LASER P 600 U, per esempio, tutte le operazioni di produzione per un’impronta di tappo di plastica possono essere realizzate in un’unica impostazione semplificando così il processo. Il processo di texturizzazione laser consente di aumentare la produttività grazie alla tecnologia laser di GF Machining Solutions che si avvale di laser a fibra pulsato a itterbio ad alta potenza con raggio sottile fino a 30 μm.

Texture opache perfette
Le soluzioni di texturizzazione combinate AgieCharmilles LASER P 600 U e LASER P 1000 U di GF Machining Solutions offrono nuove possibilità a designer di confezioni di plastica per il settore della cosmesi, a esempio. Le macchine laser effettuano facilmente il texturing di una vasta gamma di materiali inclusi tutti i metalli come acciaio, alluminio, carburo, ottone, grafite, rame e ceramica. Con la texturizzazione laser e un processo di stampaggio caldo/freddo che offre un contrasto superbo tra superfici lucide e opache, i brand possono per esempio differenziare facilmente i design e aumentare il valore percepito dei loro prodotti finali di plastica. Usando la texturizzazione laser in un processo di stampaggio caldo/ freddo si ottengono il contrasto desiderato, una riproduzione eccellente dei dettagli e un design unico creato dalla tecnologia laser. Adesso è possibile avere distinte superfici opache con il semplice tocco del dito grazie alla facile strategia di incisione laser di GF Machining Solutions. Il risultato sarà una superficie opaca del prodotto finale straordinariamente omogenea che rispecchia la visione del designer. I vantaggi dati dall’utilizzo di un processo digitalizzato al 100% abbinato a uno strumento unico come il laser sono, infatti, considerevoli: “ciò che vedi è ciò che ottieni”, ripetere e ottenere una perfetta continuità, senza limiti in termini di design.

Leggi tutto...

La fabbricazione di forme e stampi realmente additiva e integrata

Gli ADD-it Day 2016 organizzati da GF Machining Solutions lo scorso marzo hanno sancito in modo inequivocabile il ruolo che questo costruttore vuole e può avere sul mercato degli stampi per iniezione plastica. A partire dall’analisi e dalla simulazione termica dell’oggetto, grazie alla partnership con il PEP, Centre Technique de la Plasturgie et des Composites, e alla luce degli accordi fatti con EOS per quanto concerne il processo di sinterizzazione laser, GF Machining Solutions è oggi in grado di proporre una soluzione tecnologica complessiva, innovativa e totalmente integrata alle problematiche produttive di questo tipo di stampi.

di Fabrizio Garnero

Maggio-Giugno 2016

Quello vissuto ai primi di marzo è stato un vero e proprio viaggio alla scoperta di un mondo targato GF Machining Solutions. Un’esperienza totalmente incentrata sulla produzione di stampi per iniezione plastica. L’8 e 9 marzo scorsi, l’azienda svizzera ha infatti aperto le porte dei suoi stabilimenti di Ginevra e Ipsach per mostrare il proprio stato dell’arte e le numerose soluzioni tecnologiche messe a disposizione di chi produce questo tipo di stampi, da quelle più tradizionali come la fresatura e l’EDM, a quelle più innovative basate sulla tecnologia laser come la caratterizzazione delle superfici, leggi incisione e texturizzazione, e la sinterizzazione. Un’iniziativa, l’ADD-it Day 2016, che ha riscontrato un grosso successo e suscitato notevole interesse fra i numerosi clienti italiani presenti che hanno potuto toccare con mano il potenziale tecnologico di GF Machining Solutions che, nell’occasione, ha dato un segnale di forza e competenza assoluta, con pochi eguali sul mercato.

Dalle parole ai fatti
Prendendo spunto dall’esame di un caso reale, per l’esattezza una valvola riduttrice di pressione realizzata in DN50, ha mostrato e dimostrato tutta la propria potenzialità in qualità di referente unico per un bacino d’utenza cui è in grado di fornire una soluzione a 360°. A partire dall’analisi e dalla simulazione termica dell’oggetto, grazie alla partnership con il PEP, Centre Technique de la Plasturgie et des Composites, e alla luce degli accordi fatti con EOS per quanto concerne il processo di additive manufacturing, GF Machining Solutions è oggi in grado proporre una soluzione tecnologica complessiva, innovativa e totalmente integrata alle problematiche dello stampo plastica. Partendo quindi dall’analisi termica effettuata con il software di simulazione PEP, GF Machining Solutions è per esempio in grado di affiancare lo stampista per la progettazione e la costruzione di uno stampo con sistema di canali di raffreddamento conformali realizzato sfruttando tutti i vantaggi di una fabbricazione additiva dello stesso in termini di accuratezza dei canali, riduzione dei costi, del tempo ciclo e degli scarti oltre che di incremento dell’intera performance produttiva. Fattori come il time-to-market combinato con cicli di produzione corti, la necessità di aumentare conseguentemente la flessibilità produttività e di differenziarsi dalla concorrenza attraverso design unici e innovativi, oltre che lo sviluppo cosiddetto sostenibile, sono le sfide industriali di oggi che GF Machining Solutions ed EOS, insieme, sono convinte di poter affrontare attraverso una Fabbricazione Additiva realmente integrata del processo di produzione di uno stampo per iniezione plastica. “Quando le lavorazioni convenzionali e le più innovative metodologie additive si legano assieme, non possono che generare beneficio contribuendo, ognuna per le proprie caratteristiche e gli specifici vantaggi, a un approccio produttivo ottimale e realmente integrato” spiega Benjamin Paganelli, Laser Technology Sales Manager West Europe di GF Machining Solutions. “Il processo di fabbricazione di un inserto per stampi o di uno stampo con canali di raffreddamento conformali viene ottimizzato grazie all’integrazione di un efficiente sistema di raffreddamento realizzato, per esempio, con la nostra macchina additiva AgieCharmilles AM S 290 Tooling, cui si somma l’ineguagliabile finitura superficiale e precisione realizzata con un centro di lavoro Mikron MILL 400U e l’efficienza di un rapido processo di elettroerosione a tuffo per i dettagli che non possono essere realizzati con qualsiasi altra tecnologia di lavorazione. Non bisogna poi dimenticare l’indiscusso vantaggio di avere un riferimento univoco per tutti questi processi coinvolti costituito dal sistema di Macro Magnum System 3R cui si riferisce tutta la sequenza delle operazioni di lavorazione”. “Tutto ciò testimonia ancora una volta come, con le continue sfide che caratterizzano il mercato altamente competitivo di oggi, orientato sempre di più alla globalizzazione, GF Machining Solutions sia in grado di aiutare a giocare d’anticipo per battere la concorrenza. Con il nostro ampio portfolio di tecnologie di lavorazione complementari e con i Customer Services, siamo in costante fase innovativa, per fornire soluzioni di lavorazione ottimali che si adattino perfettamente alle diverse esigenze di lavorazione” conclude ancora Paganelli.

Le texturing laser aprono nuovi orizzonti
Ma laser per GF Machining Solutions non significa solo sinterizzazione, così come stampo per plastica non vuole dire solo additive pensando all’innovazione assoluta del processo produttivo. Non dobbiamo infatti dimenticarci che il costruttore svizzero è un riferimento mondiale nell’offerta di macchine, soluzioni e servizi per la realizzazione di stampi e utensili e che a contribuire al suddetto segnale di forza mostrato ai clienti vi erano anche i sistemi laser per la texturizzazione di superfici 3D. Appare sempre più chiara l’essenza di questa tecnologia così come le nuove prospettive che può offrire: progettazione e realizzazione di stampi dalle forme complesse con effetti di superficie spettacolari, perfettamente regolari e riproducibili, per applicazioni sinora sconosciute o irrealizzabili (come trama e grana sofisticate delle superfici, incisioni di precisione...). Con la tecnologia a laser si possono, infatti, incidere direttamente sugli stampi texture di qualsiasi tipo: geometriche, finta pelle, buccia d’arancia, artistiche ecc. Tutto questo, senza impiego di sostanze chimiche tossiche e in modo assolutamente sicuro per gli operatori. I vantaggi della tecnologia laser rispetto alla tradizionale fotoincisione chimica sono diversi, quali per esempio: nessun limite di profondità, le fotoincisioni arrivano anche fino a 1 mm; possibilità di importare un’immagine grafica fino a una scala di grigi di 256 livelli; differenti tipi di texture sullo stampo senza linea di taglio; ripetibilità garantita anche nel tempo; nessun limite di materiale, dato che è possibile fotoincidere anche gli elettrodi in rame e grafite. “A fronte delle esigenze creative sempre più sofisticate degli studi di ingegneria, le risposte tecnologiche tradizionali di lavorazione cominciano a mostrare i loro limiti. Infatti, la progettazione e la realizzazione di stampi complessi sono spesso frenate dalle limitazioni di un attacco chimico o altri metodi sinora esistenti che non offrono la qualità sufficiente” spiega nuovamente Benjamin Paganelli. “La texturizzazione laser apre invece nuovi orizzonti e unisce il meglio del mondo GF Machining Solutions, alta velocità della fresatura ed estrema precisione dell’elettroerosione, con una sorgente laser altamente efficiente, un intelligente CAD/CAM e, soprattutto, una libertà di movimento della testa laser sinora inimmaginabile”.

Cinque modelli per ogni esigenza
La gamma laser di GF Machining Solutions si compone di cinque modelli di macchina: l’ultima nata AgieCharmilles Laser P400U (3 assi e/o 5 assi), AgieCharmilles Laser P600U e AgieCharmilles Laser P1000U, AgieCharmilles Laser P1200U, tutte 5 assi, che permettono lavorazioni di particolari di grandi dimensioni e dunque di pezzi molto pesanti (fino a 700 x 700 x 700 mm e fino a 1.700 kg). La quinta macchina a portale è la AgieCharmilles P4000U (5 assi) con dimensioni pezzi lavorabili di 2.500 x 1.500 x 900 mm e portata fino a 18.000 kg. Le cinque macchine permettono inoltre un elevato livello di personalizzazione. Un indubbio vantaggio per l’utilizzatore poiché può configurare la soluzione di lavorazione laser 3D adatta alle sue specifiche esigenze.  Vengono offerte all’utilizzatore anche funzionalità che consentono nuove opportunità di applicazione: la selezione della potenza del laser (da 20flexi a 100 W), della lente (da 100 a 254 mm di lunghezza focale), la scelta di una tavola rotante (da 180 a 380 mm di diametro) o di un’automazione SYSTEM 3R (modello WORKPAL o WPT+1). Tutte le macchine sono dotate (come standard) di una telecamera di centratura (molto utile per velocizzare il processo), di un tastatore Renishaw che permette di centrare in modo semiautomatico lo stampo e ovviamente di un sistema di puntamento He-Ne che simula la zona d’incisione visivamente. Inoltre le interfacce Lasercam e Laserdesign permettono un apprendimento veloce e un utilizzo immediato di tutte le applicazioni laser (loghi, scritte ecc.) e ovviamente di realizzare infiniti effetti “texture”. Tutta la programmazione viene eseguita su un PC fuori linea ed è possibile simulare, con il software, in modo virtuale, tutti i posizionamenti che la macchina andrà a eseguire. Per queste macchine, GF Machining Solutions ha previsto un customer service di eccellenza proprio per garantire ai futuri acquirenti prestazioni ottimizzate al 100%: formazione degli operatori, programmi di manutenzione preventiva, e servizi hot line.

Leggi tutto...

Il texturing perfetto è estetico e funzionale

La nuova AgieCharmilles LASER 400 di GF Machining Solutions rappresenta il futuro del texturing. Come unica soluzione sul mercato specificatamente ideata per il texturing estetico e funzionale di parti di precisione, combina l’uso di un laser a femtosecondi con una movimentazione del pezzo a 5 assi. È una macchina compatta che concentra prestazioni d’alta precisione e risultati ripetibili in un’unica soluzione per il texturing di orologi, gioielli, piccoli inserti, utensili da taglio e pezzi di micro-lavorazione.

di Fabrizio Garnero

Leggi tutto...

Nuovo accordo per la stampa 3D

GF Machining Solutions, una divisione di GF, ed EOS GmbH, Krailling (Germania), hanno concluso un accordo strategico di collaborazione per offrire ai clienti soluzioni innovative combinando le tecnologie delle due compagnie. Le due aziende hanno concordato di focalizzarsi sul settore della costruzione di stampi. Svilupperanno soluzioni esclusive per gli stampisti, un mercato in cui GF è leader grazie alle sue tecnologie di elettroerosione, fresatura ad alta velocità e automazione. La tecnologia di additive manufacturing offre a questi clienti la possibilità di creare tasselli metallici di qualsiasi forma provvisti persino di raffreddamento vicino alla superficie, permettendo così una sequenza di raffreddamento dello stampo più breve e quindi un tempo ciclo d’iniezione della plastica molto più rapido. GF ed EOS intraprenderanno l’integrazione delle macchine di Additive Manufacturing (AM) nel processo di produzione dei tasselli per stampi, incluso il software necessario. Sarà possibile l’interconnessione delle macchine utensili ai dispositivi di misurazione a valle dell’automazione. “Siamo molto lieti di questa partnership strategica”, afferma il CEO GF Yves Serra. “GF ed EOS si ncompletano benissimo a vicenda per offrire alla vasta clientela di GF Machining Solutions una serie unica di soluzioni tecnologiche”. “La collaborazione ci consente di aumentare il valore aggiunto per i clienti all’interno del settore stampi, integrando le tecnologie convenzionali con quelle additive. È un grande passo verso una produzione senza soluzione di continuità, e uniremo le nostre forze con un partner forte ed esperto” afferma il fondatore e CEO di EOS, il Dr. Hans J. Langer. Le prime soluzioni saranno mostrate alla EMO 2015, che avrà luogo a inizio ottobre a Milano (Italia). Fondata nel 1989, EOS è il leader globale di qualità e tecnologie per le soluzioni di Additive Manufacturing (AM) ad alto livello. EOS è il partner ideale per i processi di stampa industriale 3D, offrendo soluzioni modulari comprendenti sistemi, software, materiali, servizi tecnici e di consulenza. GF Machining Solutions fornisce macchine utensili, soluzioni di automazione e servizi ai clienti per la produzione di stampi e particolari in metallo ad alto valore aggiunto. La divisione ha impianti di produzione in Svizzera, Svezia e Cina e serve clienti tramite le sue società di vendita dislocate in più di 50 paesi.  

Settembre-Ottobre 2015

Leggi tutto...

GF entra nel settore della stampa 3D

GFGF Machining Solutions, una divisione di GF, ed EOS GmbH, Krailling (Germania), hanno concluso un accordo strategico di collaborazione per offrire ai clienti soluzioni innovative combinando le tecnologie delle due compagnie. Le due aziende hanno concordato di focalizzarsi sul settore della costruzione di stampi. Svilupperanno soluzioni esclusive per i costruttori di stampi, un mercato in cui GF è leader grazie alle sue tecnologie di elettroerosione, fresatura ad alta velocità e automazione. La tecnologia di additive manufacturing offre a questi clienti la possibilità di creare tasselli metallici di qualsiasi forma provvisti persino di raffreddamento vicino alla superficie, permettendo così una sequenza di raffreddamento dello stampo più breve e quindi un tempo ciclo d'iniezione della plastica molto più rapido. GF ed EOS intraprenderanno l'integrazione delle macchine di Additive Manufacturing (AM) nel processo di produzione dei tasselli per stampi, incluso il software necessario. Sarà possibile l’interconnessione delle macchine utensili ai dispositivi di misurazione a valle dell’automazione. “Siamo molto lieti di questa partnership strategica”, afferma il CEO GF Yves Serra. “GF ed EOS si completano benissimo a vicenda per offrire alla vasta clientela di GF Machining Solutions una serie unica di soluzioni tecnologiche”. “La collaborazione ci consente di aumentare il valore aggiunto per i clienti all'interno del settore stampi, integrando le tecnologie convenzionali con quelle additive. È un grande passo verso una produzione senza soluzione di continuità, e uniremo le nostre forze con un partner forte ed esperto” afferma il fondatore e CEO di EOS, il Dr. Hans J. Langer. Le prime soluzioni saranno mostrate alla EMO 2015, che avrà luogo a inizio ottobre a Milano (Italia).  

Leggi tutto...

Tutta la competenza “racchiusa” in un centro

Presso la filiale italiana di Cusano Milanino (MI) di GF Machining Solutions  è operativo un Centro di Competenza. Oltre a ospitare le macchine e le tecnologie di punta del gruppo, presso il centro è possibile assistere a demo dal vivo così come prendere parte a corsi di formazione e seminari tecnologici organizzati con regolarità.

di Sara Rota

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Mercato

Comunicazione tecnica per l'industria