Menu
Sunday, 20 Agosto 2017
A+ A A-

L’Additive per viaggiare in Premium

Fonte/Source AUDI Fonte/Source AUDI

AUDI ed EOS annunciano una partnership per le soluzioni di additive manufacturing con materiali metallici. In particolare, Additive Minds di EOS supporta Audi con sistemi, processi e sviluppo delle conoscenze.

di Pietro Milani

Maggio-Giugno 2017

AUDI AG, una delle più importanti case automobilistiche nel settore Premium, ha avviato una partnership per le attività di sviluppo con EOS, riferimento mondiale per le tecnologie e la qualità delle soluzioni Additive Manufacturing (AM) di fascia alta. “Additive Minds”, la divisione di consulenza di EOS, supporterà Audi nell’implementazione di questa tecnologia di stampa 3D industriale e nello sviluppo di un centro per la stampa 3D nello stabilimento di Ingolstadt.
“Lo scopo non è solo fornire ad AUDI i corretti sistemi e processi di Additive Manufacturing, ma anche supportare l’azienda durante lo sviluppo di applicazioni, la condivisione di conoscenze e la formazione di specialisti AM in-house”, ha dichiarato Güngör Kara, Director of Global Application and Consulting di EOS.

Produrre strumenti e il centro tecnico
come elementi di innovazione
AUDI ha riconosciuto fin dell’inizio il potenziale dell’Additive Manufacturing nel settore automotive e ora promuove l’applicazione di questa tecnologia, in stretta collaborazione con EOS. La produzione di strumenti e il centro tecnico di fusione sono settori estremamente importanti per Audi. In AUDI la stampa 3D industriale viene prima applicata alla realizzazione interna di attrezzature e prototipi, oltre che nel settore sportivo, dove la tecnologia è già in uso. Grazie alla stampa 3D industriale, AUDI può rivoluzionare il processo di fabbricazione degli strumenti che utilizza. Quando la geometria dei componenti o gli assemblaggi risultano troppo complessi, la tecnologia AM renderà possibile la produzione di geometrie che avrebbero richiesto giunzioni con i metodi di produzione tradizionali. In questo caso, la stampa 3D risulta più vantaggiosa. Il design determina la produzione, non viceversa.
“AUDI era alla ricerca di un partner affidabile per le attività di sviluppo e ha scelto di collaborare con EOS”, ha commentato Stefan Bindl, Team Manager Innovation Center di Additive Minds. “Siamo molto lieti di questa decisione in quanto la stretta collaborazione per lo sviluppo di applicazioni e processi, nonché l’accrescimento del know how interno rappresentano un importante contributo perché AUDI possa ottenere rapidamente effetti sostanziali per le proprie attività grazie all’applicazione della nostra tecnologia. Naturalmente, la vicinanza geografica delle strutture facilita in modo notevole la nostra collaborazione”.
“Abbiamo realizzato un competence center per la stampa 3D, allo scopo di acquisire esperienza con i materiali e il processo, oltre che per svilupparli ulteriormente per la produzione in serie”, ha dichiarato Jörg Spindler, responsabile della divisione Toolmaking di Audi. “Una stretta collaborazione con un provider di soluzioni AM come EOS, in grado di supportare l’innovazione nello sviluppo delle tecnologie, è essenziale per questi obiettivi. Con questa tecnologia possiamo integrare strutture e funzioni interne in strumenti che finora non eravamo in grado di creare con i metodi di produzione tradizionali. In particolare, ora possiamo usare questa tecnologia per la produzione di piccoli lotti, per creare componenti con una struttura leggera, velocemente e in modo conveniente”.

Parti e componenti di veicoli
in AM a costi contenuti
Nell’applicazione delle tecnologie di Additive Manufacturing AUDI si sta inoltre concentrando sulla produzione di inserti per matrici di elementi pressofusi e segmenti a caldo. L’azienda può agire positivamente sul processo di produzione in serie attraverso il raffreddamento conforme, riducendo i costi per la fabbricazione di parti e componenti di veicoli. Questo è reso possibile dall’utilizzo di canali di raffreddamento altamente complessi realizzati tramite Additive Manufacturing, adattati per lo specifico componente e che non sarebbe stato possibile implementare con i metodi tradizionali. In particolare, l’ottimizzazione delle prestazioni del raffreddamento determina una riduzione del 20% dei tempi dei cicli di produzione, con un effetto positivo sia sul consumo energetico che sull’efficienza dei componenti in termini di costo.

 

The Additive to Travel in Premium

 

AUDI and EOS: Development partnership focuses on holistic approach for metal-based additive manufacturing. Additive Minds by EOS supports AUDI with systems, processes and knowledge building.

 

AUDI AG based in Ingolstadt, Germany, one of the leading manufacturers of premium automobiles, has started a development partnership with EOS, the global technology and quality leader for high-end Additive Manufacturing (AM) solutions. The EOS consulting division “Additive Minds” is supporting Audi in the holistic implementation of this industrial 3D printing technology and the development of a corresponding 3D printing center in Ingolstadt.
Güngör Kara, Director of Global Application and Consulting comments: “The aim is to not only supply Audi with the right additive systems and processes but to also support them during applications development, when building up internal AM knowledge and training their engineers to become in-house AM experts”.

Toolmaking and casting technicel center
to drive development forward
Very early, Audi recognized the potential of additive manufacturing for the automotive industry, and now promotes the application of the technology, working closely with EOS. On the part of Audi, the sectors of tool making and the casting technical center for planning have a leading position. Industrial 3D printing is first being applied to equipment and prototype building at Audi, as well as motor sports, where the technology is already in use today. Based on industrial 3D printing, Audi can revolutionize the process of tool manufacturing. When the component geometry or assemblies are very complicated, the technology will make possible the production of geometries that would have to be joined in conventional manufacturing. Here, 3D printing has an advantage. The design determines the production; not the other way round.
Dr. Stefan Bindl, Team Manager Innovation Center, Additive Minds, commented: “Audi was looking for a reliable development partner and has found that in EOS. We are very happy about that. The close cooperation concerning application and process development as well as internal knowledge building makes a significant contribution, which is why Audi can quickly achieve substantial effects for their own business by applying our technology.” And he adds: “Obviously, the geographical proximity to one another facilitates our close cooperation significantly”.
Jörg Spindler, Head of Toolmaking, Audi, said: “We have set up our own competence center for 3D printing in order to gain experience with the materials and the process, and to further develop them for series production. A close cooperation with AM solution providers such as EOS, who can support innovation in technology development, is essential for these aims. With this technology we are able to integrate internal structures and functions in tools that we have not been able to create so far with conventional manufacturing methods. Especially with components in small batches, we can now produce components using lightweight construction, quickly and economically based on this technology”.

Parts and vehicle compontents
additively and more cost-effectively
In application of additive manufacturing, Audi is also focusing on the production of inserts for die casting molds and hot working segments. The company can positively influence the process of series production by conformal cooling, producing parts and vehicle components more cost-effectively. This is made possible by using highly complex, additively manufactured cooling channels, which are tailored to the component and could not be implemented conventionally before. Specifically, the optimized cooling performance leads to a reduction of the cycle time by 20% which has a positive effect on the energy consumption and cost efficiency of the components at the same time.

Lascia un commento

Torna in alto

Mercato

Comunicazione tecnica per l'industria