Menu
Sunday, 24 Settembre 2017
Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 63
A+ A A-

Il laser riporta agli antichi splendori i sarcofaghi egizi

I reali del Belgio si affidano ai laser del Gruppo El.En. per i cinque sarcofaghi egizi della loro collezione. I sarcofaghi conservati presso i Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles torneranno agli antichi splendori grazie al restauro con il laser Thunder Art di Quanta System.

di Mario Lepo

Novembre-Dicembre 2015

È arrivata l’ora del ritorno agli antichi splendori per i cinque sarcofaghi egizi conservati al Museo del Cinquantenario di Bruxelles. La famiglia reale del Belgio, cui appartiene l’intera esposizione, ha scelto per il restauro di questi preziosi reperti di utilizzare per le operazioni di pulitura il laser Thunder Art di Quanta System, società del Gruppo El.En. Spa, un laser di ultima generazione a elevata precisione, selettività nell’intervento su superfici così delicate e su patine originarie molto complesse e stratificate.

Un laser di ultima generazione
Il team di esperti guidato dal Professor Teodoro Auricchio, direttore dell’Istituto Europeo del Restauro con sede nel prestigioso Castello Aragonese di Ischia, sarà presto all’opera per riportare agli antichi splendori i cinque sarcofaghi della XXI Dinastia egizia, rinvenuti nel 1891 nei pressi di Luxor, in Egitto, ed ora custoditi nei Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles. Il progetto dell’Istituto Europeo del Restauro di Ischia ha preso il via in questo mese di Ottobre - con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo, della Regione Campania - ed è realizzato in collaborazione con i Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles. Questo progetto rappresenta un’importante iniziativa scientifico-culturale finalizzata alla ricerca e al restauro con un occhio di riguardo anche per il grande pubblico. Sarà, infatti, possibile per i visitatori del Museo e per chiunque voglia collegarsi via Internet vedere ogni giorno, in streaming, i lavori di restauro di questi cinque sarcofaghi che fanno parte di una delle più note collezioni a livello internazionale. “Siamo molto orgogliosi di portare all’estero, assieme al collega Professor Alessandro Zanini, il know how sviluppato nel nostro Paese per ridare luce a questi preziosi, antichi reperti. Il nostro obiettivo è contribuire a preservare il patrimonio dell’umanità - afferma l’ingegner Paolo Salvadeo, AD di Quanta System - che rappresenta la nostra eredità da proteggere e mantenere in ottimo stato di conservazione per le generazioni future. La divisione Light for Art del gruppo El.En. è fiera di essere il leader a livello mondiale nella produzione di laser dedicati alle operazioni di restauro di opere d’arte, utilizzando le stesse tecnologie d’avanguardia Q-Switched impiegate per la medicina”. “Siamo orgogliosi che il laser Thunder Art sia stato selezionato per una commessa così prestigiosa e siamo certi che il team guidato dal Professor Auricchio potrà ottenere, come già in passato, risultati di grande rilievo nelle operazioni di restauro, restituendo finalmente a tutto il mondo lo splendore di queste importanti opere dell’antichità”, dichiara il Professor Leonardo Masotti, presidente del comitato Scientifico di EL.En.

Risultati accurati e rispetto assoluto della policromia
I cinque sarcofaghi, risalenti a un periodo compreso tra l’XI e il X secolo A.C., rinvenuti all’interno di una grande tomba collettiva nel 1891, nel complesso funerario di Deir el-Bahari, un’area costellata di tombe a nord del tempio della regina Hatshepsut, situata sulla riva occidentale del Nilo, nei pressi della città Luxor, erano stati realizzati per raccogliere e conservare le spoglie di alcuni degli esponenti del Corpo Sacerdotale di Amon della XXI dinastia. Il restauro dei sarcofaghi di Bruxelles segue un modus operandi ormai consolidato che ha già ottenuto in passato risultati significativi. Nel 2007, infatti, il gruppo guidato sempre dal Professor Auricchio applicò la tecnologia dei laser Q-Switched del Gruppo El.En. sulla superficie di un rarissimo sarcofago della XXVI dinastia egizia di proprietà del Museo Archeologico Nazionale di Parma. Il sistema laser utilizzato all’epoca permise di ottenere risultati straordinari. Oggi, con il laser Thunder Art, di ultima generazione, si attendono risultati ancora più accurati e determinanti per un rispetto assoluto della policromia di questi cinque sarcofaghi. Ricordiamo che El.En. è capofila di un Gruppo Industriale high-tech, operante nel settore opto-elettronico, che produce con tecnologia propria e know-how multidisciplinare sorgenti laser (a gas, a semiconduttori, allo stato solido e liquido) e sistemi laser innovativi per applicazioni medicali ed industriali. Il Gruppo El.En., leader in Italia nel mercato dei laser e tra i primi operatori in Europa, progetta, produce e commercializza a livello mondiale: apparecchiature laser medicali utilizzate in dermatologia, chirurgia, estetica, fisioterapia, odontoiatria, ginecologia; sistemi laser industriali per applicazioni che spaziano dal taglio, marcatura e saldatura di metalli, legno, plastica, vetro alla decorazione di pelli e tessuti fino al restauro conservativo di opere d’arte; sistemi per applicazioni scientifiche/ricerca.

Lascia un commento

Torna in alto

Mercato

Comunicazione tecnica per l'industria